Alcune parole sulla pace e sulla pace

Photo by Larry

Peacemaker – John Dear

Fonte: foto di Larry

Recentemente sono stato felice di ascoltare un discorso alla conferenza dell'attivista pacifista John Dear, * e di passare un po 'di tempo con lui dopo una birra. John è un sacerdote gesuita americano che, per più della metà dei suoi cinquanta anni, ha lavorato instancabilmente e coraggiosamente per tutti noi. Esponendo la non violenza, è stato arrestato più di settanta volte per disobbedienza civile negli Stati Uniti e ha trascorso molti mesi in prigione. Una volta è stato nominato per il Nobel per la pace dall'arcivescovo Desmond Tutu.

Questo individuo mite e schivo ha parlato commosso di essere potentemente influenzato nella sua vita e nel lavoro dal monaco e scrittore spirituale Thomas Merton. Nel suo libro ' Thomas Merton, Peacemaker ' **, Caro scrive di "Il risveglio di Merton all'amore universale e compassionevole per ogni essere umano", e cita la rivelazione di Merton: "All'improvviso vidi la segreta bellezza dei cuori (delle persone) , le profondità di il loro cuore dove non possono raggiungere né il peccato né il desiderio né l'auto-conoscenza, il nucleo della loro realtà, la persona che ognuno è negli occhi di Dio. Se solo loro potessero vedersi come realmente sono. Se solo potessimo vederci in quel modo tutto il tempo. Non ci sarebbe più la guerra, non più odio, non più crudeltà, non più avidità … ". ***

Non ci sarebbe più guerra! Cosa ne pensi di questo? È possibile? Bene, se mai lo sarà, John Dear chiarirà – se ci consideriamo religiosi o meno – siamo ognuno di noi chiamato a fare qualcosa al riguardo.

Scrivendo per un pubblico prevalentemente americano, dice: "Abbiamo bisogno di chiudere tutte le basi militari statunitensi in patria e all'estero. (Anche tutte le basi britanniche, del Commonwealth e europee, ovviamente, LC.) Dobbiamo chiudere i laboratori di armi nucleari di Los Alamos, il centro di armi nucleari di Oak Ridge, West Point, la CIA, l'NSA e il Pentagono. Dobbiamo intraprendere trattati per il totale disarmo nucleare, aderire alla Corte mondiale, obbedire al diritto internazionale, firmare l'accordo di Kyoto, trovare alternative ai combustibili fossili, fermare il riscaldamento globale, porre fine al programma di Guerre stellari, tagliare il bilancio militare e abolire ogni arma nucleare , Trident sub, e arma di distruzione di massa. "

A questo elenco, aggiungo che dobbiamo anche limitare in modo massiccio la produzione e la vendita di tutte le armi, dai droni e aerei da combattimento fino ai fucili e alle pistole a mano.

Photo by Larry

La mia copia del libro di John Dear, con i miei segnalibri

Fonte: foto di Larry

Sembra piuttosto radicale, vero? Ma, mi chiedo, senza ignorare l'urgenza, se in qualche modo ci diamo il tempo di lavorare costantemente verso tali obiettivi, alla fine non saranno realizzabili, soprattutto tenendo a mente, come continua John Dear, "Con le migliaia di miliardi di dollari rimasti, ( potremmo) nutrire immediatamente ogni bambino affamato e rifugiato sul pianeta. Lavorare per porre fine alla povertà estrema. Dare cibo, alloggio, assistenza sanitaria, istruzione, impiego e dignità a ogni essere umano, ed educare ogni bambino sul pianeta nella metodologia dei programmi nonviolenti di risoluzione dei conflitti ovunque, in modo che la guerra diventi obsoleta e la pace possa iniziare a regnare a casa e all'estero. '

È un'idea utopica, e molti direbbero impossibile da raggiungere, ma indica l'umanità in una direzione meravigliosa, vero? In una lettera del 1961 all'attivista pacifista e sacerdote gesuita, Dan Berrigan, anche Merton (citato da John Dear) ammette: "La grandezza del compito è terrificante" . Altrove, in un modo in cui il contatore è a rischio disperazione, Merton (che menziona "ingiustizia razziale" e "tirannia economica" oltre che guerra) scrisse anche: "Se dico di no a tutte queste forze secolari, anch'io dico di sì a tutti è buono nel mondo e nell'umanità. Dico sì a tutto ciò che è bello nella natura … Dico di sì a tutti gli uomini e le donne che sono i miei fratelli e sorelle nel mondo ".

Mi piace questo discorso positivo, e sostengo anche l'idea che John Dear riporta Merton nel suo insegnamento: "Se desideriamo promuovere la causa della pace e del disarmo, la pace e il disarmo devono radicarsi prima in noi stessi; dobbiamo diligentemente fare il nostro lavoro interiore, e poi si diffonderà in lungo e in largo … '

Photo by Larry

Un'iscrizione personale dell'autore

Fonte: foto di Larry

Ci sono anche consigli utili su come prendere la visione a lungo termine, da un altro degli amici intimi di Merton (citato anche da John Dear), il poeta Bob Lax, che ha scritto: "Sii gentile e paziente, sia con te stesso che con gli altri, non importa cosa arriva In questo modo, l'attesa diventa un'esperienza appagante, molto significativa. Se vivi dolcemente, onorevolmente, concentrandoti sulla coltivazione del tuo cuore, le cose buone sicuramente seguiranno ". Lax quindi avverte saggiamente contro ogni tentazione di rabbia, amarezza o frustrazione. 'Non dovresti combattere il fuoco con il fuoco; tu indirizzi il fuoco con l'acqua. E l'acqua è a bocca aperta , non violenza. Le persone crudeli sono ancora persone, ma in qualche modo hanno dimenticato come amare. Essere crudeli con loro non farà altro che rinforzare la loro crudeltà '.

C'è, senza dubbio, molto altro da dire sulla pace e sulla pace nel mondo di oggi, ma lasciamo a Bob Lax le parole finali qui per il momento. Sono degni della riflessione più profonda.

'Cerca di vivere il più semplicemente e gentilmente che puoi. Rilassare. Sii flessibile. Sii perdonato Essere creativo. Sii amorevole Sei un pacificatore. Coloro che incrociano il tuo cammino potrebbero aver bisogno di te. ' Amen.

Copyright Larry Culliford

* Alla Thomas Merton Society of Great Britain e all'Irlanda dell'undicesima assemblea generale e conferenza alla Oakham School di Rutland, Regno Unito, "La vita è dalla nostra parte" , 1-3 aprile 2016. Vedi sito web.

** ' Thomas Merton, Peacemaker', John Dear, Orbis Books, Maryknoll, NY 10545, 2014.

*** Da "Congetture di un colpevole spettatore" , di Thomas Merton, Doubleday, New York, 1965, 140-2.

L'ultimo libro di Larry è "Molto rumore per qualcosa". I libri precedenti includono "The Psychology of Spirituality" e "Love, Healing & Happiness".

Solutions Collecting From Web of "Alcune parole sulla pace e sulla pace"