Al di là della realtà: far finta di giocare

Brandy Bennaman, used with permission
Fonte: Brandy Bennaman, usato con permesso

Cos'è il gioco delle finte?

Il gioco di finzione inizia intorno ai 2 anni, aumenta intorno ai 3-4 anni di età e diminuisce di nuovo intorno ai 6 anni, momento in cui i bambini iniziano a passare a giocare più giochi con le regole (Piaget, 1962). Il gioco di finzione è comunemente definito dai ricercatori come un gioco che coinvolge le "trasformazioni" (Fein, 1975) e che contiene più rappresentazioni di oggetti e pensieri e sentimenti degli altri contemporaneamente (Leslie, 1987).

Cosa significa questo nel contesto delle attività quotidiane di gioco di un bambino? Quando un bambino usa un blocco come un telefono, o una palla come un pezzo di cibo, sta usando "trasformazioni" – questo implica l'uso di un oggetto come qualcosa di diverso dal suo scopo. Quando un bambino spiega a un compagno di giochi che "Devi strisciare perché sei il bambino", capisce che il suo coetaneo potrebbe non conoscere ancora le regole dei giochi, e quindi deve spiegarli in modo che possano condividere stati mentali. Inoltre, se le regole cambiano – "Ok, ora sei grande e puoi camminare" – il bambino affermando esplicitamente questo dimostra che capisce che il suo pari penserà che è ancora un bambino, a meno che il cambiamento non venga condiviso con lui. Questi esempi mostrano come la comprensione delle rappresentazioni mentali degli altri sia importante nel gioco finto.

Fai finta spesso di assegnare incarichi e negoziazioni, in modo che i bambini debbano decidere chi interpreterà il ruolo nello scenario di finzione, e le regole di tale scenario devono essere decise tra i compagni di gioco (Doyle, Doehring, Tessier, de Lorimier, & Shapiro, 1992) . Piaget afferma che la finzione pone le basi per "giochi con regole", in cui le attività dei bambini arrivano con un insieme predeterminato di regole che devono seguire, non regole negoziate tra i gruppi di pari. Questi incarichi e negoziazioni di ruolo sono utili per mettere in pratica le abilità sociali e costruire un repertorio di strategie per interagire con gli altri.

Fai finta di giocare e abilità sociali

C'è una grande quantità di ricerche sul gioco di finzione collegato allo sviluppo sociale nei bambini piccoli. Tuttavia, questa connessione potrebbe andare in entrambe le direzioni – fingere di giocare può portare a competenze sociali più avanzate, o le abilità sociali potrebbero portare a giochi di finzione più avanzati. La ricerca ha scoperto che i bambini che si impegnano in giochi di simulazione più complessi nei compiti di gioco strutturati ottengono punteggi più alti nelle relazioni dei genitori sulla competenza sociale, che implicano valutazioni della capacità del bambino di entrare nelle interazioni sociali, prestare attenzione e autoregolarsi. Quando questi giochi erano impegnati in un altro bambino, fingere di giocare era più sociale di altri tipi di gioco. Allo stesso modo, i bambini che si impegnano in giochi più presunti quando osservati nelle loro classi prescolari sono generalmente più accettati dai compagni e giudicati più competenti socialmente (più accettati dai pari, più sensibili, meno aggressivi) dagli insegnanti. Con tutte queste relazioni positive tra il gioco di finzione e le abilità sociali, tuttavia, è ancora difficile capire se il gioco di finzione porta a competenze sociali più avanzate, o se i bambini che sono più sociali tendono semplicemente ad impegnarsi in un gioco più finto.

È importante sottolineare che, quando i bambini si impegnano a fare finta di giocare nel parco giochi, questi effetti positivi non si vedono – i bambini che si sono impegnati in più giochi finti nel parco giochi sono stati meno apprezzati dai coetanei. Pertanto, sembra che l'adattamento del tipo di gioco al contesto in cui si svolge il gioco sia anche importante per lo sviluppo di abilità sociali e relazioni con i compagni. Il modello dei sistemi ecologici di Bronfenbrenner suggerisce che il contesto in cui si verifica lo sviluppo deve essere considerato per comprendere appieno lo sviluppo di un bambino. I bambini si sviluppano a casa, a scuola e in altri ambienti e sono influenzati dalle persone in tutti questi ambienti, come genitori, insegnanti e colleghi. Comportamenti diversi possono essere più appropriati in ambienti diversi, e il gioco di finzione potrebbe avere esiti differenziali in base a quale ambiente si verifica.

Incoraggiare la finzione nei contesti di tutti i giorni

Brandy Bennaman, used with permission
Fonte: Brandy Bennaman, usato con permesso

Sebbene ci siano ancora molti dettagli per capire esattamente cos'è il gioco di finzione che può portare a risultati sociali positivi, e in quali contesti si verificano questi risultati positivi, sappiamo che il gioco di finzione sembra essere utile per le abilità sociali emergenti. Può essere che i bambini che sono social tendono a fingere di giocare di più o che il gioco di finzione crea un ambiente in cui i bambini possono affinare le abilità sociali più avanzate. Ma, quando si tratta delle vite quotidiane dei bambini che sono in prima età (3-5) per giocare finta adesso, questa differenza conta davvero? Fare finta di giocare non può certamente nuocere allo sviluppo di un bambino, a patto che si manifesti in contesti appropriati e non in contesti più favorevoli ad altri tipi di gioco (ad esempio nel parco giochi). Quindi, quando si interagisce con i bambini in età prescolare, gli adulti possono incoraggiare le trasformazioni presentando oggetti come qualcos'altro – fingere che una banana sia un telefono o un bastone sia un cucchiaio per mescolare la zuppa. Ancora meglio, la finzione più avanzata è caratterizzata da ciò che non coinvolge oggetti di scena o parti del corpo per fingere ma piuttosto usare "oggetti immaginati", come tenere le forbici immaginarie fingendo di tagliare piuttosto che usare le dita come forbici (Overton e Jackson, 1973). Dimostrando di fingere ai bambini in età prescolare, puoi aiutare coloro che non si impegnano naturalmente nel gioco di finzione per impegnarsi più frequentemente e per dimostrare una finzione più avanzata, che potrebbe avere un impatto positivo sulle loro abilità sociali.

Fare finta di giocare non può venire facilmente a tutti i bambini, specialmente quelli con autismo che tendono a impegnarsi in giochi più non simbolici rispetto a quelli con pochi sintomi di autismo (Kang, Klein, Lillard e Lerner, 2016). I bambini con autismo tendono ad avere ritardi nella teoria della mente (Mazz et al, 2017), che è coinvolto nella comprensione degli stati mentali e delle rappresentazioni del mondo di un altro. Questo ritardo può rendere difficile fingere, in quanto i compagni di gioco devono capire i ruoli e le regole che sono stati negoziati, così come i cambiamenti a questi ruoli e regole che possono verificarsi durante il gioco, per avere un'esperienza di gioco simulata con i coetanei. I bambini con autismo tendono a impegnarsi in quantità simili di giochi finti, come la sostituzione di oggetti e l'imitazione di azioni, ma i ritardi nella teoria della mente tendono a relazionarsi con il loro gioco finto meno complesso (Lin, Tsai, Li, Huang e Chen, 2017). Aneddoticamente, dalle mie stesse osservazioni, i bambini con autismo possono rifuggire dal gioco di finzione più complesso a causa della difficoltà che incontrano nel negoziare interazioni sociali e nella comprensione delle prospettive degli altri. Quando i bambini con autismo sono più impegnati con i genitori o presentati con comportamenti simulati strutturati da imitare, sono in grado di impegnarsi in più giochi finti (Campbell, Leezenbaum, Mahoney, Moore e Brownell, 2016), così gli adulti che interagiscono con i bambini piccoli con l'autismo potrebbe aiutare ad abbassare la barriera che consente loro di entrare nel gioco finto. Fare finta di giocare, anche se può essere ritardato nella sua comparsa e meno complesso nella sua natura, dovrebbe riguardare risultati sociali positivi per i bambini con autismo quando si verifica in modo molto simile ai bambini che sono in genere in via di sviluppo.

Solutions Collecting From Web of "Al di là della realtà: far finta di giocare"