Aiuto! Max non mi fa dormire di notte

Immagina di addormentarti tranquillamente dopo una lunga giornata, solo per essere interrotto qualche istante dopo Max, un dodicenne Labrador, che gira per casa e ulula. Lo metti a letto, lui dorme un po ', poi riparte. Questa è stata la realtà per Jenny e il suo cane Max ogni notte per l'ultimo mese. Jenny è alle prese con la sua mancanza di sonno e l'incapacità di aiutare a ridurre l'angoscia di Max.

La vecchiaia ha raggiunto Max e gli è stata diagnosticata una disfunzione cognitiva canina. La disfunzione cognitiva canina, chiamata affettuosamente "Dogzheimer", è vista nei cittadini anziani (> 8 anni) del mondo canino. La malattia è progressiva; i cani che mostrano un segno ora svilupperanno più segni nei prossimi 12 mesi. I sottili cambiamenti che si verificano con la disfunzione cognitiva sono spesso più evidenti se considerati alla luce di come il cane era 6-12 mesi fa.

I cambiamenti comportamentali comuni che di solito vediamo nei cani più anziani includono:

  • Ansia – separazione e ansia generalizzata
  • Disorientamento in ambienti familiari, ad esempio andando al "lato cerniera" della porta per uscire
  • Vagando senza meta
  • Staring nello spazio
  • fobie
  • Aggressione
  • Disturbi compulsivi
  • Risposta ridotta ai comandi che hanno sempre saputo
  • Non riconoscere persone o giocattoli familiari
  • Vocalizzando e girovagando di notte e dormendo durante il giorno
  • Fare comportamenti "cattivi" che hai insegnato loro a non fare, come sporcare la casa, saltare sugli ospiti o saltare sul letto.

Molte delle modifiche elencate qui possono essere correlate ad altre questioni comportamentali o mediche di base. Quindi la prima cosa che devi fare se noti qualcuno di questi cambiamenti è portare il tuo animale dal veterinario per un controllo senior. Se il tuo cane è in buona salute, dovresti quindi consultare uno specialista del comportamento veterinario per assicurarti che non siano presenti altri problemi comportamentali e per fornire ulteriori indicazioni sul modo migliore di gestire la disfunzione cognitiva canina. Ogni individuo presenterà diversi segni e problemi e sarà necessario un piano di trattamento personalizzato.

Cosa sta succedendo nel cervello?

La disfunzione cognitiva canina è simile alla malattia di Alzheimer nelle persone. In realtà, i cani sono usati come modello per la maggior parte della ricerca che esamina la malattia di Alzheimer nelle persone. Ci sono molti cambiamenti che avvengono nel cervello in associazione con il declino cognitivo. Le aree comuni colpite sono la corteccia prefrontale – la parte "pensante" del cervello e l'ippocampo – che svolge un ruolo importante nella memoria. La scienza ha dimostrato che i cani con disfunzione cognitiva hanno depositi di amiloide nel cervello. L'amiloide è una proteina tossica che agisce davvero sulla funzione cerebrale. Più amiloide, più disfunzione cognitiva. Le cellule cerebrali iniziano a morire e il cervello si restringe letteralmente di dimensioni. Le cellule nervose non funzionano più in modo efficiente e quelle sostanze chimiche importanti dei messaggeri, i neurotrasmettitori, sono esaurite.

Cosa possiamo fare?

Il trattamento disponibile è volto a invertire alcuni dei segni di disfunzione cognitiva e rallentare la progressione della malattia, piuttosto che curarla. Tuttavia, se trattati in anticipo, possiamo vedere alcuni buoni miglioramenti.

  • Le diete ricche di antiossidanti e acidi grassi omega-3 sono utili per ridurre i segni di disfunzione cognitiva1. La dieta di Hills's b / d® contiene antiossidanti come selenio, beta-carotene, vitamina C ed E. Per proteggere le membrane delle cellule neurali Hills b / d® contiene anche acidi grassi omega-32. La ricerca in cani nutriti con Hills b / d ® ha mostrato un miglioramento della capacità di apprendimento e della memoria e ha ridotto i segni clinici di disfunzione cognitiva3.
  • Usalo o perdilo! Gli esercizi mentali e l'arricchimento ambientale svolgono un ruolo chiave nella prevenzione della disfunzione cognitiva3. Fai regolari sessioni di allenamento con il tuo cane e prova a usare giocattoli per distribuire cibo per nutrire il tuo cane. Ci sono alcuni grandi puzzle là fuori, che sono altrettanto stimolanti di Sudoko! In alternativa puoi lanciare delle crocchette intorno al cortile e incoraggiare il tuo cane a cacciare il loro pasto. Alcuni di questi compiti / giocattoli possono essere complicati, quindi la prima volta che utilizzi questi giocattoli fai in modo che gli alimenti o il cibo siano facilmente accessibili per mantenere il tuo cane interessato.
  • Farmaci. Ci sono alcuni farmaci diversi che si sono dimostrati utili nel trattamento della disfunzione cognitiva canina. La selegilina è un farmaco anti-ansia che può prevenire la deposizione di amiloide, aumentare i neurotrasmettitori e in generale proteggere le cellule cerebrali. Comunemente, verranno usati ulteriori farmaci per trattare problemi specifici come l'ansia da separazione o per aiutare cani come Max a dormire tutta la notte.

Cosa è successo a Max e Jenny? Max è stato introdotto in una cassa associandola a cose veramente buone. È stato nutrito lì, dato giocattoli lì dentro, e Jenny gli ha portato un letto davvero comodo. Ha imparato ad amare la sua cassa. Di notte Jenny gli ha dato alcuni farmaci anti-ansia che hanno anche aiutato a indurre il sonno e metterlo nella sua cassa. Jenny e Max ora dormono una notte intera e la pace è stata ripristinata.

Riferimenti

1. Dowling ALS, Head E. Antiossidanti nel modello canino dell'invecchiamento umano: indirizzo di corrispondenza, E. Head, University of Kentucky, Sanders-Brown Center on Aging, Dipartimento di Farmacologia Molecolare e Biomedica.

2. Horwitz D, Neilson JC. Compagno clinico di cinque minuti di Blackwell per la consulenza veterinaria: comportamento canino e felino . Ames, Iowa: Blackwell Pub, 2007.

3. Landsberg G. Agenti terapeutici per il trattamento della sindrome da disfunzione cognitiva nei cani anziani. Progress in Neuro-Psychopharmacology and Biological Psychiatry 2005; 29: 471-479.

Solutions Collecting From Web of "Aiuto! Max non mi fa dormire di notte"