Aiutare il Dieter sentirsi a casa in "Thin Country"

A una cena con amici pochi giorni fa, qualcuno ha commentato che i suoi genitori non avrebbero nemmeno riconosciuto alcuni degli alimenti che stavamo consumando. "Mio padre insisteva sulla carne rossa almeno sei volte a settimana", ha detto. "Se vedesse questa insalata di alghe e riso integrale, avrebbe pensato che fosse per il nostro uccello domestico." In effetti, se si confronta il modo in cui le persone mangiavano 50 o 60 anni fa con le scelte alimentari oggi, è ovvio che le nostre opzioni sono cambiate immensamente. Sappiamo molto di più su ciò che è sano e malsano da mangiare. Verso la metà del secolo scorso, pochi erano preoccupati per le calorie, il colesterolo, i transfat, gli antiossidanti, gli acidi grassi ad alto contenuto di fibre o omega-3. Gli alimenti trovati oggi nei supermercati, come il bok choy, il tofu, la crusca d'avena, lo yogurt greco senza grassi e il sushi, erano quasi sconosciuti. A quei tempi, solo alcuni cosiddetti health-nuts hanno creato una connessione tra il cibo e la qualità e la longevità della vita. Il cibo veniva mangiato per togliere la fame e prevenire la malnutrizione; questo era tutto.

Tuttavia, il nostro attuale focus sull'impatto del cibo sulla nostra salute fisica e mentale non si è verificato dall'oggi al domani. Non ci siamo svegliati una mattina, buttato fuori i salumi e iniziato a mangiare prodotti di soia. Ci sono voluti decenni per riconoscere che dovremmo usare l'olio di canola piuttosto che un solido accorciamento bianco e mangiare più pesce e meno carne rossa. Le nostre abitudini alimentari più sane si sono sviluppate molto lentamente e molti di noi stanno ancora lottando per farne un'abitudine.

La storia è completamente diversa per persone a dieta. Quando vanno a dieta, viene loro chiesto di apportare cambiamenti radicali e istantanei alle loro scelte alimentari. Gli viene detto di smettere di preparare i pasti con burro, formaggio, panna, pancetta e uova e iniziare invece a utilizzare ingredienti a basso contenuto calorico. Alimenti familiari e confortanti come maccheroni e formaggio e polpettone di carne devono essere abbandonati, e al loro posto si utilizzano gli spinaci al vapore con salmone in camicia.

Più importante, invece di fare questi cambiamenti nel corso degli anni, il dieter deve apportare queste modifiche in un minuto di New York. Viene presentato il programma di dieta, le linee guida sono state riviste e gli alimenti dietetici messi in frigorifero. Gli alimenti da ingrasso vengono buttati fuori e inizia la dieta.

Per chi sta a dieta, apportare questi cambiamenti è come passare a "Thin Country", dove tutto è nuovo e disorientante. Questo posto, con le sue restrizioni, gli alimenti proibiti, il controllo delle porzioni, le richieste di esercizio fisico e l'insistenza a fare scelte alimentari basate sul contenuto di nutrienti e calorici, piuttosto che sul gusto solo, si sente strano e scomodo. Chiunque abbia viaggiato in un luogo in cui la lingua e le usanze sono difficili da decifrare, conosce lo smarrimento e persino l'impotenza che deriva dal non sapere come comunicare. Il dieter che fissa un mucchio di kale al supermercato o cerca di capire cosa ordinare in un ristorante dove ogni pezzo è ricoperto di pastella e fritto può sentire la stessa confusione e impotenza.

Mantenere il peso fuori dopo che la dieta è finita è ancora più difficile. È la differenza tra stare in uno strano paese con la consapevolezza che tornerai a casa in poche settimane ed emigrerai in una nuova terra. Perdere peso è come essere un turista con un visto esteso. Tenerlo fuori significa richiedere la cittadinanza.

Gli esperti di obesità non sono riusciti a riconoscere che la dieta che ha raggiunto la fine della sua dieta e si è trasferita in un "paese magro" ha bisogno di tanto sostegno per sopravvivere come ogni nuovo immigrato. Se il dieter deve mantenere il suo peso in modo permanente, allora ha bisogno di aiuto per affrontare i problemi che hanno causato il peso, strategie per resistere alla tentazione di tornare ai suoi vecchi modi di mangiare, aiutarlo a farlo sentire a suo agio in il suo corpo appena magro, e modi di trattare con coloro che lo circondano che non credono che riuscirà a rimanere magro.

Confrontate l'assenza di supporto di gruppo per persone a dieta di successo alla presenza di supporto per le persone che hanno smesso di bere. Il recupero degli alcolizzati può trovare incontri ovunque, ogni giorno, per aiutarli a mantenere la sobrietà. Dove sono i gruppi di supporto comparabili per gli ex grassi che ora sono magri? Fatta eccezione per alcuni programmi di mantenimento del peso che si occupano principalmente di modificare l'assunzione di cibo per mantenere il peso stabile, non ci sono davvero gruppi per aiutare il dieter che ha raggiunto il suo obiettivo di adattarsi a una vita di essere permanentemente magro.

Ad esempio, molte persone appena magre sentono di essere trattate in modo diverso rispetto a quando erano obese e non sanno come affrontarle. Ho avuto clienti con perdita di peso che si sono lamentati del fatto che erano sempre gli stessi dentro, quindi perché venivano trattati meglio ora che erano magri? Perché stavano ora attirando l'attenzione dell'altro sesso quando venivano ignorati mentre erano grassi? Il nuovo sottile bisogno di formare nuove amicizie con persone che parlano la lingua del mangiare sano, piuttosto che tornare a vecchi amici che parlano la lingua dell'eccesso di cibo e le scelte di cibo poveri. Quella decisione, e l'azione che richiede, non fa che aumentare la difficoltà di mantenere nuove scelte di stile di vita.

Molti di noi che ora sono magri dopo anni di obesi dovrebbero raggiungere coloro che hanno appena attraversato il confine in questo paese. Come ogni nuovo immigrato, hanno bisogno del nostro aiuto e supporto per rimanere sulla strada per una salute migliore e una felicità a lungo termine. Non è quello che cercano tutti i nuovi arrivati, dopotutto?

Solutions Collecting From Web of "Aiutare il Dieter sentirsi a casa in "Thin Country""