Aiutare i giovani adulti a lanciare: la nostra via finale comune

La Dott.ssa Claudia Black è riconosciuta a livello internazionale per il suo lavoro pioneristico e all'avanguardia con i sistemi familiari e i disturbi da dipendenza. Il lavoro di Claudia con i bambini colpiti da dipendenze da droghe e alcol ha alimentato lo sviluppo di modelli di dipendenza da traumi e di codipendenza. Ora ha concentrato la sua passione per aiutare i giovani adulti e ha creato il Claudia Black Young Adult Center presso il The Meadows Treatment Center in Arizona.

Ho avuto l'opportunità di incontrare brevemente Claudia e ascoltare i suoi discorsi. Era al Ben Franklin Institute Presentation il 31 ottobre 2015 a Tempe, in Arizona. Il titolo della Presentazione di Claudia era "La complessità del trattamento dei giovani adulti". È valsa la pena aspettare oltre 20 anni per sentirla parlare e avere quindi il privilegio di parlare con lei. Il Dr Black emana un senso di calore e genuina presenza.

Il Dr. Black fornisce alcune informazioni molto importanti:

  1. Più severamente siamo disregolati e / o più dura la disregolazione, maggiore è la possibilità che subiamo soggettivamente un disagio insopportabile o difficoltà a stare nella vostra pelle.
  2. Molti iniziano ad automedicare per allontanarsi dal dolore e muoversi verso il piacere.
  3. Se siamo cronicamente disregolati abbastanza a lungo, restiamo bloccati in uno stato disregolato, indipendentemente dal fatto che il dolore originale sia ancora presente o meno.

Molte delle filosofie di trattamento all'interno del Claudia Black Young Adult Center e Optimum Performance Institute si sovrappongono, come ad esempio la necessità di sostegno tra pari, affrontare i problemi familiari, insegnare le abilità della vita e l'enfasi esperienziale. Il Dott. Black e il suo staff dei Meadows si concentrano in modo più efficace ed efficace contro il trauma, le dipendenze e la doppia diagnosi nei giovani adulti, mentre l'OPI si concentra più abilmente ed efficacemente nel lancio del giovane adulto bloccato che può o meno soffrire di una malattia mentale . Penso che condividiamo la stessa strategia di cercare di stabilizzare e quindi mobilitare l'individuo che sta avendo difficoltà a lanciarsi nell'età adulta.

Nell'ultimo decennio dell'OPI e del Roanne Program, abbiamo sviluppato un approccio terapeutico strategico, indipendente dalle diagnosi DSM. Il nostro modello è adattato a un gruppo più diversificato di giovani adulti, con cui l'abuso di sostanze potrebbe non essere un problema primario, e un vasto gruppo di giovani adulti che hanno difficoltà nel lancio. Le loro diagnosi possono variare da Disturbi dello spettro, Bipolare, Depressione, al nostro Programma Roanne, per quelli con tratti BPD e BPD e / o condizioni concomitanti, come Disturbi alimentari, Abuso di sostanze, PTSD, ansia e quelli che sono semplicemente bloccato, sentendosi impoverito in un ambiente che non è più stimolante e veramente di supporto, anche se percepito come sicuro.

Utilizziamo tutti gli approcci terapeutici rilevanti basati sull'evidenza, così come gli approcci tradizionali alla consapevolezza, concentrandoci su una maggiore stabilità o, per raggiungere ciò che il Dr. Black definisce, ottenendo la Zona di Arousal ottimale o una Window of Tolerance. Il Dr. Black sottolinea inoltre che "se siamo cronicamente disregolati abbastanza a lungo, possiamo rimanere bloccati in uno stato disregolato, indipendentemente dal fatto che il dolore originale sia presente o meno." Il nostro obiettivo è rompere le catene di schemi neurali abitati e " abitudini "che ci mantengono da una relazione più intima con il nostro vero sé, la nostra mente dei principianti e l'intimità con gli altri e il mondo. Il nostro obiettivo è alterare l'equilibrio del Sistema Nervoso Autonomo, nonché creare nuovi percorsi neurali e rinforzare percorsi "più vecchi" che non sono stati potati dal CNS.

Dr. Claudia Black, used with permission
Fonte: Dr. Claudia Black, usata con permesso

Dr. Black utilizza pratiche di terapia esperienziale / meditativa, come Tai Chi, Yoga, arti espressive, canto, batteria, canto. Queste opportunità sensoriali / motorie ed esperienziali che, nelle mani di un terapeuta esperto o di un individuo che desidera creare uno spazio sicuro e stimolante, offrono ai clienti l'opportunità di scoprire e condividere le loro passioni interiori, esprimere quelle passioni e sperimentare le gioie della condivisione loro, facilitando così la convalida e la condivisione tra la comunità. Questo è ciò che chiamiamo Terapie Trasformative. Questi approcci / tecniche sono basati su modalità che utilizzano un approccio "immersivo meditativo", in cui l'ego si dissolve e la mente pensante tace per un momento.

L'obiettivo di tutti gli approcci meditativi è quello di consentire all'individuo la possibilità di scoprire chi o cosa rimane quando la "mente pensante" tace e in pace. Le tecniche possono essere diverse, ma gli obiettivi sono simili: sospendiamo il nostro attaccamento alle nostre menti pensanti e, per un momento, diventiamo presenti e uno con il nostro sé creativo, la nostra vera mente di autostima, attraverso respiro, musica, canto, movimento, yoga , il suono e il ritmo della batteria. Creiamo un momento o uno spazio trasformativo, uno spazio di transizione, in cui possiamo sperimentare ed esprimere il nostro sé interiore, il nostro vero sé, la nostra mente principiante, la coscienza che ci ha permesso di imparare a camminare, parlare e realizzare le esperienze miracolose di sviluppo dei primi infanzia (cioè, alzarsi in piedi, correre, parlare, esprimere sentimenti e così via).

Per un momento, non c'è più l'attaccamento al "pensare te". Sei semplicemente presente, e questo stato è uno stato più desiderabile perché convalida positivamente che abbiamo qualcosa di valore da condividere solo per essere; abbiamo un valore e costruiamo relazioni con gli altri costruite su una base di condivisione di esperienze creative positive.

Il Dr. Black ha definito il trauma come uno stress che causa un danno fisico o emotivo dal quale non è possibile rimuovere te stesso. Ha parlato dei tipi di stress – positivo, tollerabile e tossico, oltre a utilizzare il sistema nervoso autonomo come modello per descrivere iper-eccitazione del sistema nervoso simpatico (ansia, panico, irrequietezza, iperattività, iperviliganza, assunzione di rischi, e scarso giudizio) al parasimpatico (disattivazione, ipoarousal, flat affetto, depressione, letargia, dissociazione, disperazione, disperazione). Il Dr. Black ha quindi descritto una finestra di tolleranza e una zona di stimolazione ottimale, fondamentalmente una zona di equilibrio autonomo, che consente all'individuo di sperimentare gli stressors del SNC e di rimanere presente per agire o non agire più abilmente. Questo pone una domanda: per cosa stiamo lavorando così tanto per essere presenti? La risposta a questo è esperienziale e legata alla passione e all'energia della resilienza.

Il nostro sistema nervoso autonomo è molto più complesso del semplice interagire "in modo autonomo". Sta anche partecipando momento per momento a valutare e modulare le nostre risposte, sia gli stimoli emotivi che quelli cognitivi, nelle nostre parole interne ed esterne che cambiano continuamente. Pertanto, utilizziamo percorsi neurosensoriali evolutivi semplici e naturali già cablati e ricostruiamo connessioni o ne creiamo di nuove, quindi ci possono essere enormi ramificazioni a causa della sua interconnessione ampia e globale (ANS) e, quindi, opportunità di cambiare set point di recettori e creare abitudini più abili, inconsce e azioni coscienti.

Se sei presente, calmo e pacifico avrai lo spazio per scegliere azioni più abili. Proviamo a riacquistare noi stessi e sperimentare direttamente la mente dello zen principiante, la mente del bambino che impara a camminare, parlare, realizzare – le più grandi pietre miliari dello sviluppo della nostra esistenza.

Se guardiamo alla percentuale di bambini che sono in grado di acquisire abilità di base e di sviluppo (camminare, parlare), noteremmo qualcosa di speciale nel processo, e cioè la creazione di un ambiente di facilitazione, insieme all'opportunità di esprimere il nostro vero Sé creativo – per sperimentare un momento di gioia nella condivisione e nella ricezione della convalida che tutti noi cerchiamo. L'evidenza è forte che la metodologia e i circuiti neurali creati e utilizzati nella prima infanzia sono ancora la stessa strategia di base quando desideriamo utilizzarli per crescere in modo trasformativo – ricreamo e ri-stimoliamo percorsi neuronali che una volta consentivano integrazione senza soluzione di continuità di mondi esterni ed interni durante l'infanzia e ci mette in condizione di riacquistarci una coscienza che ci permetta di cadere e rialzarci senza giudizio.

Si dice che il sistema nervoso autonomo sia un ponte tra il nostro mondo interno ed esterno, simile allo spazio di transizione di Winnocott, che è un terzo spazio tra due mondi: il nostro mondo interno ed esterno; una coscienza che è indipendente dal tempo e dallo spazio. La consapevolezza di un bambino non ancora rigidamente attaccato alla mente pensante, con saggezza di opportunità esperienziali per sperimentare i processi di caduta, alzarsi e continuare su, è come costruiamo la resilienza – è basata su una fede esperienziale che possiamo farcela nel momento successivo. Sperimentiamo la libertà, la curiosità e la speranza di quel bambino che impara a camminare. Entriamo in questo spazio (spazio transizionale / trasformazionale) attraverso gli occhi del bambino curioso, sicuro ed esplorativo spinto da un imperativo biologico (energia). Non era certamente una "mente pensante" che ci ha fatto alzare e ci ha fatto riprovare!

Gli obiettivi di tutte le discipline meditative sono di permettere a se stessi di sperimentare ciò che rimane quando la mente pensante tace per un momento. Questo "sé" che non è più limitato o distratto dal pensiero e può parlare chiaramente e con passione dell'essere in questo MOMENTO. È fatto in modo leggero e giocoso, in uno spazio in cui i giudizi trovano difficile "attaccare".

Per un terapeuta esperto il cui obiettivo è la trasformazione, il fondamento di base è un'esperienza di risonanza con il "cuore dell'altro". All'interno della psicoterapia, c'è un'opportunità per creare un terzo spazio in cui entrambe le parti possono sentirsi al sicuro abbastanza per esprimere il loro vero Selves – il terapeuta funge da mentore sullo stesso percorso, sempre vulnerabile e disposto a condividere, crescere e imparare dall'altro. Il "cuore dell'altro" è una metafora di questo processo – di due veri sé che sperimentano i momenti di comprensione a livello profondo, non verbale. Diventa un dialogo tra due principianti che giocano e crescono.

Naturalmente, creare abili opportunità per esprimere e convalidare espressioni di passione e sperimentare la gioia della condivisione e della convalida è in definitiva una auto-validazione del sé creativo in tutti noi. Utilizziamo la complessità del sistema nervoso autonomo per sperimentare un'altra zona in cui sperimentiamo un momento di consapevolezza, un'illuminazione, un'esperienza della Mente Grande, o almeno l'opportunità di sperimentare e condividere la passione e la speranza della mente e dello spirito del principiante . Uno stato in cui viene attivato il sistema nervoso simpatico, ma in grado di concentrarsi senza l'ansia della mente pensante. Noi reagiamo, o creiamo, un'apertura, un momento condiviso, in cui un bambino amorevole, più sicuro, supportato, curioso può quindi parlare.

Per coloro che non hanno avuto un passato privo di maternità e sicurezza abbastanza buone, non è mai troppo tardi, quindi creiamo un'opportunità e lentamente, dopo molte convalide, sviluppiamo una fiducia che aiuta a costruire il "vero sé" interiore. Possiamo quindi provare la passione e la gioia del lancio. In realtà, se hai avuto una tale esperienza di "un risveglio", allora sei pronto ad averne altre centinaia. La vita è in continua evoluzione Questa è la scintilla che accende la fiamma della passione, che ci consente di essere resilienti e perseveranti. Non è "provarlo una volta, e le cose cambiano indefinitamente" – questo è il desiderio di una mente pensante "magica".

C'è uno stato trascendente quando non siamo qui e quindi siamo qui con un maggiore apprezzamento esperienziale dello stato non me. Significa, quando l'ego si dissolve per un momento, cosa rimane? Questo stato d'animo è stato descritto dai mistici di tutte le religioni, come pure i poeti, che parlano il linguaggio della trasformazione. Molteplici esperienze mutevoli, a più livelli, che si verificano simultaneamente è una descrizione di un'esperienza che chiamiamo realtà. Queste opportunità di trasformazione sono le scintille che accendono la passione e se l'hai sperimentata, sai che è reale, così il discorso si ferma e la scintilla si manifesta come azione del cuore della creatività, delle esperienze condivise, della gioia condivisa del momento.

In ogni caso, c'è una domanda che deve essere soddisfatta in modo soddisfacente se il giovane adulto deve lanciare: perché e per chi è questo lancio? Tale processo ha a che fare con la passione, esprimendola e trovando qualche convalida e gioia nella condivisione. Rompere le catene del tempo, i ricordi, riscoprire il nostro sé creativo e sperimentare una maggiore fiducia nel nostro sé creativo e più resiliente. Creiamo uno spazio trasformativo / transizionale in cui possiamo esplorare con gli occhi e la mente del principiante e trasformare l'imperativo biologico (che ci ha educati da bambini) in uno sforzo consapevole di essere disponibile ad esprimere gioia, curiosità e condivisione.

Attraverso i dipartimenti OPI di attività extrascolastiche, istruzione e sviluppo professionale e volontariato, ai giovani adulti vengono date opportunità creative di espressione. Abbiamo circa 20 club interni per nutrire passioni da immersioni subacquee, pittura, produzione e apprezzamento cinematografico, cucina, corsa o escursioni. I giovani adulti possono scoprire se stessi attraverso un'arte marziale, impegnarsi nella nostra molteplicità di ciò che chiamiamo esperienze meditative immersive, o impegnarsi in una miriade di sottospecialità con mentori che abbracciano la creazione di film per diventare uno chef. Desideriamo creare il mondo interiore di quel bambino facilitando la creazione di uno spazio stimolante, di sostegno e di convalida, lo spazio trasformativo, in cui la fantasia può diventare realtà per un momento e può essere condivisa. Il nostro obiettivo è creare opportunità per sperimentare il vero sé, la mente dello zen principiante dello Zen, creiamo uno spazio non giudicante e una comunità con regole. Ci dedichiamo alla promozione della creatività e alla dimostrazione della pazienza, della tolleranza e della compassione reciproca.

Dr. Robert Fischer

Dr. Claudia Black e Dr. Robert Fischer

Fonte: Dr. Robert Fischer

Robert Fischer, MD
Co-fondatore / direttore esecutivo
Programma Optimum Performance Institute / Roanne
Assistente Professore Clinico di Psichiatria, UCLA, Scuola di Medicina
Dipartimento di Psychoneuroimmunology, Mindful Awareness Research Centre

www.opiliving.com | www.roanneprogram.com
888-814-5985

Solutions Collecting From Web of "Aiutare i giovani adulti a lanciare: la nostra via finale comune"