Aiutare i bambini a rimanere sicuri online e offline

Pixabay
Fonte: Pixabay

La ricerca di una relazione significativa tra vittimizzazione del cyberbullismo e depressione per i giovani è stata evidenziata nelle notizie di recente [1]. Questi tipi di titoli possono creare una grande quantità di ansia nei genitori che guardano come la tecnologia integrata è diventata nella vita dei loro figli. L'uso della nuova tecnologia da parte dei giovani telefoni cellulari, tablet, computer e Internet è notevolmente aumentato dagli anni 2000 [2, 3].

La maggior parte dei genitori cerca di monitorare ciò che i loro figli stanno facendo online, ma è difficile tenere il passo. I giovani usano la tecnologia per comunicare con gli amici, condividere esperienze e accedere all'intrattenimento. I siti Web e le applicazioni popolari cambiano rapidamente. È difficile per i genitori sapere quali sono i limiti migliori e che cosa dovrebbero cercare esattamente. Tuttavia, la paura che i giovani finiscano vittima del cyberbullismo o che partecipino a crescenti interazioni online ostili è molto reale.

Esistono molte risorse che offrono consulenza sui genitori per quanto riguarda l'attività online dei bambini (vedi il sito Web Connect Safely ad esempio). Tuttavia, la ricerca suggerisce che i maggiori problemi che i giovani incontrano online sono simili ai problemi che hanno offline. Ad esempio, mentre può essere vero che il bullismo informatico è legato alla depressione per i giovani, la ricerca mostra che tutti i tipi di vittimizzazione da bullismo sono collegati a esiti negativi come la depressione [4]. Gli episodi più sconvolgenti di molestie e bullismo hanno meno a che fare con la tecnologia e più con le relazioni tra gruppi di pari [5]. Le cause del comportamento online negativo – le lotte per la popolarità e l'accettazione tra pari e le difficoltà nel gestire la gelosia, la rabbia, il dolore e l'insicurezza – sono le stesse cose che i genitori hanno cercato di aiutare i loro figli per decenni.

Questa è una buona e una cattiva notizia per i genitori. La buona notizia è che per proteggere i bambini non è probabilmente necessario monitorare costantemente tutto ciò che i bambini fanno online o stare svegli tardi a cercare l'ultima "app du jour". La cattiva notizia è che sia i problemi online che offline per i giovani sono radicati in comportamenti ed emozioni complessi, e le opzioni per prevenire e rispondere ai problemi non sono facili o semplici.

Quindi cosa possono fare i genitori per proteggere i bambini? Le migliori strategie protettive includono l'apertura della comunicazione genitore-figlio e l'aiuto ai bambini ad aumentare le loro abilità sociali, emotive e relazionali. Ci sono un certo numero di risorse per aiutare i genitori con questo (vedi le risorse di apprendimento emotivo sociale di Edutopia per i genitori, per esempio). Tieni d'occhio i giovani che provano sentimenti gelosi o feriti all'interno di un gruppo di pari, in particolare quando sembrano essere ricorrenti o intensificarsi a qualcosa di più distruttivo. Questo significa conoscere il gruppo di pari di tuo figlio e assicurarti che si sentano a tuo agio quando vengono feriti da qualcosa. Quando rispondi ai problemi che tuo figlio ti porta, non essere sprezzante o eccessivamente reattivo, ma riflettere i loro sentimenti, aiutarli a risolvere i problemi e fargli sapere che sei lì per loro.

E chiedi alla scuola di tuo figlio su quali strategie di prevenzione del bullismo sono in atto. Vi è un numero crescente di programmi di prevenzione che insegnano ai giovani a gestire i sentimenti negativi e a ridurre le tensioni. I programmi di apprendimento emotivo sociale e di prevenzione del bullismo basati sulla scuola sono sempre più sofisticati. Mentre stiamo ancora imparando ciò che funziona meglio, i programmi mostrano una crescente evidenza di efficacia [6-8].

Cambiare tecnologia può far sentire che l'infanzia stessa è cambiata, ma è importante non distrarsi da ciò di cui i bambini hanno più bisogno. Hanno bisogno di abilità per navigare in qualsiasi ambiente: chattare su siti di social networking, twittare, inviare SMS, camminare per i corridoi a scuola o uscire nel quartiere. Una visione ampia della sicurezza dei bambini fornirà ai giovani le conoscenze, le tecniche e le risposte per aiutarli a gestire una serie di esperienze e avrà un impatto più duraturo sul benessere, sia online che offline.

Riferimenti

1. Hamm, MP, et al., Prevalenza ed effetto del cyberbullismo su bambini e giovani: una rassegna di studi sui social media. Pediatria JAMA, 2015.

2. Madden, M., et al. Teens and Technology 2013. 2013 [citato 2013 12 settembre]; Disponibile da: http://www.pewinternet.org/~/media//Files/Reports/2013/PIP_TeensandTechnology2013.pdf.

3. Pew Internet & American Life Project. Demographics di utente Internet teenager. 2013 [citato 2014 28 ottobre]; Disponibile da: http://www.pewinternet.org/data-trend/teens/internet-user-demographics/.

4. Finkelhor, D., H. Turner e R. Ormrod, roba di Kid: la natura e l'impatto della violenza tra pari e fratelli sui bambini più piccoli e più grandi. Child Abuse & Neglect, 2006. 30 (12): p. 1401-1421.

5. Mitchell, KJ, et al., Il ruolo della tecnologia nelle molestie tra pari: amplifica il danno per i giovani? Manoscritto in revisione Psychology of Violence, 2015: p. DOI: 10.1037 / a0039317.

6. Farrington, DP e MM Ttofi, programmi basati sulla scuola per ridurre il bullismo e la vittimizzazione. Campbell Systematic Reviews, 2009. 6.

7. Durlak, JA, et al., L'impatto di migliorare l'apprendimento sociale ed emotivo degli studenti: una meta-analisi degli interventi universali basati sulla scuola. Sviluppo del bambino, 2011. 82 (1): p. 405-432.

8. Espelage, DL, et al., Sperimentazione clinica del programma della scuola media Second Step ©: impatto sull'aggressione e sulla vittimizzazione. Journal of Applied Developmental Psychology, 2015. 37: p. 52-63.

Solutions Collecting From Web of "Aiutare i bambini a rimanere sicuri online e offline"