Aiutare i bambini a far fronte al trauma della scuola

Strumenti per la genitorialità e interventi scolastici per sparatorie.

Wikimedia Commons

Fonte: Wikimedia Commons

Le recenti sparatorie di pistole a scuola in Florida e nel Maryland continuano a ricordarci la necessità critica di agire per elaborare il trauma con i nostri bambini e per proteggere i nostri bambini nelle scuole. L’esposizione dei bambini alla violenza delle armi è una delle principali crisi sanitarie nazionali e l’American Academy of Pediatrics suggerisce che la violenza armata è la seconda causa di morte per i bambini negli Stati Uniti. La Campagna Brady riporta statistiche sconcertanti di una media giornaliera di 40 bambini e adolescenti sparati e sopravvissuti, bambini americani uccisi con la violenza delle armi 11 volte più spesso dei bambini in altri paesi ad alto reddito, e l’incidenza di oltre 165 sparatorie a scuola da Sandy Giro di massa con gancio nel 2012. I dati del Centro nazionale per le statistiche sanitarie supportano queste preoccupazioni, indicando che le armi da fuoco sono tra le prime 10 cause principali di morti per lesioni a partire da 1 anno di età.

Un importante studio pubblicato su Pediatrics ha indicato che oltre 17,5 milioni o 1 bambino su 4 in età scolare negli Stati Uniti sono stati esposti a violenze con armi nel corso della loro vita, come testimoni o vittime. I risultati suggeriscono anche che 1 su 33 bambini (più di 2 milioni) sono stati direttamente aggrediti con armi letali. Il campione (N = 4,114) era un’indagine rappresentata a livello nazionale di bambini (51% maschi, 56,7% caucasici, 18,8% latini, 15,1% neri e 9,4 un’altra razza non latina) di età compresa tra due e diciassette anni.

Queste statistiche sono sconcertanti. È fondamentale intensificare i nostri sforzi per aiutare i bambini a subire il trauma dell’esposizione alla violenza armata dato che essere una vittima o anche un testimone di violenza porta a livelli significativi di sintomi di trauma, depressione, ansia, rabbia e aggressività in gioventù. La maggior parte dei bambini, se non sono esposti direttamente alla violenza, sono esposti alla violenza armata attraverso la televisione, i videogiochi, i film e i social media. Quindi, è imperativo che iniziamo le conversazioni con i nostri bambini per ridurre l’impatto traumatico delle sparatorie.

Ecco alcuni suggerimenti per interventi necessari ed efficaci:

  • Genitori, insegnanti, consulenti e altri tutori possono parlare ai bambini di ciò che è accaduto in modi semplici e rassicuranti.
  • Possiamo spiegare l’incidente traumatico ai bambini in fatti semplici e non grafici.
  • I bambini sanno cosa è successo. Mantenerlo un “segreto” o inventare una storia su di esso può solo aggiungere confusione e sfiducia. I bambini potrebbero temere di parlarne perché è un “argomento segreto o proibito”. Per creare dialoghi sani, possiamo invitare i bambini a chiedere agli adulti tutte le domande che potrebbero avere su ciò che è accaduto o su se stessi e sui loro cari.
  • I bambini spesso si preoccupano: “Succederà a me? Può accadere nella nostra scuola o nel nostro quartiere? “Possiamo rassicurare e confortare i bambini dicendo loro che questo evento spaventoso non è un fatto quotidiano e che i bambini sono al sicuro.
  • Possiamo usare parole semplici e frasi semplici che evitano l’odio, il razzismo e la paura. I bambini piccoli afferrano meglio i problemi quando vengono spiegati in modi emotivamente neutri, brevi e chiari. Possiamo dire ai bambini che questo è un evento molto triste che non avrebbe mai dovuto accadere.
  • Possiamo rinforzare e dire ai bambini che gli adulti stanno lavorando duramente per tenere tutti i bambini al sicuro – a casa, a scuola, nel parco giochi e nella comunità.
  • Possiamo spegnere i nostri televisori mentre i bambini sono nella stanza e assicurarci che le conversazioni degli adulti avvengano solo con adulti nella stanza.
  • Possiamo aiutare i bambini a piangere e ad affliggere ea elaborare i loro pensieri e sentimenti tramite libri su smarrimento, marionette, disegni e storie.
  • Il mio nuovo libro, dove è finito il mio amico? Aiutare i bambini ad affrontare una morte traumatica può essere un eccellente primo passo nel percorso di guarigione. Dove è andato il mio amico? è un libro illustrato per bambini coping terapeutico da leggere da un adulto a un bambino (3-8 anni), che ha perso qualcuno per un incidente improvviso o traumatico.

  • Possiamo incoraggiare i bambini a disegnare immagini, scrivere una lettera o persino dare un giocattolo alle famiglie colpite. Restituire è molto salutare, anche per i bambini.

Fornire un quadro positivo, semplice e rassicurante per spiegare ed elaborare la morte traumatica sposta il contenuto da terrificante e travolgente a comprensibile e gestibile. Anche se non possiamo impedire ai bambini di testimoniare o di aver sentito parlare di terribili morti, come la violenza armata, il suicidio, gli attacchi terroristici e persino gli incidenti automobilistici, possiamo fornire loro parole e strumenti che favoriscano il coping, la resilienza e l’adattamento.

Avere conversazioni rassicuranti e sicure con i nostri bambini sulla violenza armata è necessario, ma insufficiente. Come leader nella nostra comunità, ecco alcuni suggerimenti per importanti interventi che possiamo implementare per mitigare il trauma cronico e la perdita di bambini sono esposti a:

  • I professionisti della salute mentale devono fornire supporto e programmi di trattamento nelle scuole, nelle cliniche e nei centri di accoglienza per bambini esposti alla violenza delle armi.
  • L’implementazione di screening standardizzati e interviste cliniche per l’esposizione alla violenza delle armi letali come parte di un esame di visita presso il pediatra e nelle scuole, Head Start e ER può ulteriormente permetterci di intervenire nelle prime fasi della presentazione dei sintomi.

  • Il libro, dove è finito il mio amico? Aiutare i bambini a far fronte a una morte traumatica è un intervento di salute mentale economicamente vantaggioso per i bambini (3-8 anni) che sono stati esposti a una morte traumatica.

  • Genitori, insegnanti, pediatri, medici, consulenti e assistenti sociali nelle scuole, nei rifugi, nelle cliniche comunitarie e negli ospedali, che sono i primi a osservare i sintomi socio-emotivi e fisici nei bambini, devono fare riferimento ai centri di salute mentale della comunità come una prima fase di valutazione e strumento di intervento. L’intervento precoce è la prevenzione.

Dato che viviamo in un mondo sempre più violento, è essenziale che genitori, educatori e altri caregivers adulti non dimentichino le vittime silenziose, gli innocenti spettatori, i bambini che guardano, ascoltano e sentono dai margini. È fondamentale concentrare le nostre risorse su quella che viene definita crisi nazionale della gioventù da parte degli esperti nel fornire programmi di salute mentale a costi contenuti, immediati, scolastici e comunitari a bambini esposti a sparatorie con armi da scuola. Come ben sappiamo, la violenza genera violenza. L’intervento precoce è la prevenzione e, se un bambino americano su quattro viene esposto direttamente alla violenza delle armi, dobbiamo intervenire subito per interrompere il ciclo intergenerazionale di violenza e l’emergente crisi della salute mentale legata al trauma e alla violenza armata.

  • "Back-to-School-itis" Chiunque?
  • Spirit Molecules: Allied for Healing from Trauma
  • Possibili nuovi usi terapeutici per i farmaci ricreativi
  • Stai ancora soffrendo per i ricordi di un'esperienza spiacevole?
  • Quando i tossicodipendenti sessuali rivelano tutto agli sposi
  • Lesione cerebrale traumatica di Lord Nelson
  • Scrivere errori
  • Perché giocare è importante
  • Trauma e primi soccorritori: quando gli aiutanti hanno bisogno di aiuto
  • 13 motivi per cui vivere
  • Fai paura e ansia tuoi amici, non i tuoi nemici
  • 7 passi per andare da emozioni disordinate per chiarire il pensiero
  • Gli occhi ce l'hanno?
  • Parent Wellness promuove il benessere degli studenti universitari
  • Baby Care: 3 Rs per allevare un bambino felice
  • Trattare con la morte di un bambino
  • Non dare la colpa a tutto sulla psicologia
  • Come evitare di essere catturati in un presunto culto
  • Stato impone i suoi standard su VA
  • Come ottenere una rottura
  • Perdere una gravidanza solo per perdere di nuovo
  • Blues, Trauma, Vulnerabilità esistenziale
  • Qual è il rapporto tra disturbi alimentari e traumi?
  • Navigazione di persone e opinioni difficili durante le vacanze
  • Robert Stolorow su Trauma emotivo e psicoanalisi
  • Disimballare il tabù degli aborti spontanei
  • La psicologia dell'auto-inganno
  • Mackenzie Phillips e la sindrome di Stoccolma
  • TBI Hearing
  • Il potere delle storie per guarire o danneggiare
  • The Unparented Child
  • Episodi spaventosi di abusi sui minori
  • Migliaia di persone hanno bisogno di adolescenti per ricondurli a scuola
  • Saggezza alla Casa Bianca e ai presidenti più anziani
  • Lesbiche in difficoltà
  • Che cos'è un matrimonio di salvataggio?