Aiutare i bambini a disegnare i loro traumi

È risaputo che gli eventi traumatici hanno profondi effetti sul funzionamento cognitivo, emotivo e fisico dei bambini. Fortunatamente, molti bambini guariscono da eventi traumatici nel giro di poche settimane, ma altri hanno reazioni gravi che possono durare mesi o anni. Per quei bambini che non si riprendono, c'è speranza attraverso un intervento strutturato e una semplice attività: il disegno.

Per quasi vent'anni, l'Istituto nazionale per il trauma e la perdita dei bambini [vedi precedente articolo, La resilienza conta traumi per bambini traumatizzati] è stato "ground zero" per lo studio e la promozione di interventi sensoriali [arte, gioco e terapie somatiche ] nella ripresa dei bambini dal trauma. Il dott. William Steele, fondatore dell'Istituto, è stato un appassionato sostenitore e visionario per lo sviluppo e la ricerca sui metodi per supportare questo approccio. Ho incontrato Bill per la prima volta nel 1994 dopo un decennio di lavoro come terapeuta artistico e consulente di salute mentale con bambini esposti a violenza, abusi e negligenza. Ho immediatamente saputo di aver incontrato uno spirito affine che ha capito come il trauma è vissuto dai bambini – che è principalmente un'esperienza implicita che coinvolge i ricordi sensoriali che coinvolgono la vista, il suono, il tatto, l'olfatto e il gusto.

L'idea che il trauma sia codificato in modo sensoriale dalla mente e dal corpo è ora ampiamente accettata dai professionisti che lavorano con individui con reazioni di stress, tra cui il disturbo da stress post-traumatico nei bambini e negli adulti. Il noto traumatologo Bessel van der Kolk osserva che quando vengono vissuti eventi terrificanti come il trauma, ma non si inseriscono in una memoria contestuale, si creano inevitabilmente nuovi ricordi o dissociazioni. In altre parole, quando una memoria traumatica non può essere articolata con le parole, rimane a livello simbolico. Quindi, per recuperarlo, deve essere esternalizzato in forme simboliche come le immagini. Questa iconica simbolizzazione dà alle esperienze un'identità visiva perché le immagini create contengono tutti gli elementi di quell'esperienza – in altre parole, ciò che è successo, le nostre reazioni emotive a ciò che è accaduto, e l'orrore e il terrore dell'evento reale.

Quello che Bill Steele e io abbiamo concluso più di un decennio fa è che uno dei modi migliori per iniziare ad affrontare i bisogni dei bambini in trauma è iniziare con il disegno come una forma di intervento. Quello che abbiamo iniziato a scoprire lentamente nei prossimi dieci anni è stato esattamente il motivo per cui i bambini si sono impegnati nel disegno e attività creative simili hanno fatto la differenza. Ecco un breve riassunto:

1) Disegno di rubinetti memoria implicita . Trauma e disegno sono in gran parte esperienze sensoriali; disegnare immagini su aspetti di "cosa è successo" suggerisce ricordi sensoriali di eventi traumatici.
2) Il disegno coinvolge attivamente i bambini nel processo di riparazione e recupero . Offre la possibilità di passare da un ruolo passivo a un ruolo attivo nel processo di trattamento.
3) Il disegno fornisce una rappresentazione simbolica dell'esperienza del trauma in un formato esterno concreto .
4) Il disegno ci rende testimoni delle esperienze di trauma dei bambini .
5) Il disegno aumenta le relazioni verbali dei bambini su eventi carichi di emozioni . La ricerca sostiene che il disegno incoraggia i bambini a fornire maggiori dettagli e ad organizzare le loro narrazioni in un modo più gestibile rispetto ai bambini a cui viene chiesto di parlare solo di esperienze traumatiche.
6) Il disegno aiuta a ridurre la reattività (ansia) ai ricordi traumatici attraverso la ripetuta ri-esposizione visiva in un mezzo che è percepito e sentito dal cliente come sicuro.

Questa lista è una panoramica molto semplicistica del perché il disegno aiuta i bambini nel trauma. Fortunatamente, ora abbiamo un crescente corpo di ricerca per sostenere la riduzione dello stress post-traumatico nei bambini e negli adolescenti che partecipano all'intervento strutturato utilizzando il disegno come attività principale. Come ricercatore e aiuto professionale, continuo ad essere incuriosito dal modo in cui il disegno "aiuta" a determinare il recupero, sia attraverso la diminuzione delle preoccupazioni o della paura o la riduzione di traumi acuti più complessi e le reazioni di stress post-traumatico. Ma di pari importanza, dando ai bambini traumatizzati l'opportunità di esprimere attraverso le immagini ciò che è spesso impossibile dire con le parole sottolinea la mia responsabilità di testimoniare la loro sofferenza molto umana, onorando quelle voci che altrimenti sarebbero rimaste silenti.

© 2009 Cathy Malchiodi

www.cathymalchiodi.com

Visita la crescente comunità di terapeuti dell'arte di tutto il mondo presso l'International Art Therapy Organization [IATO], www.internationalarttherapy.org. Un mondo, molte visioni … lavorare insieme per creare un futuro inclusivo e sostenibile per l'arte terapia.

Iscriviti al mio Twitter e ricevi le ultime notizie sulla terapia artistica su http://twitter.com/arttherapynews.

Solutions Collecting From Web of "Aiutare i bambini a disegnare i loro traumi"