Aiutare gli altri, aiutarsi

Ecco una storia vera: il fan di Star Wars Josh Weisleberg aveva una malattia renale policistica, una condizione ereditaria; i suoi reni stavano fallendo, era in dialisi, e la lista d'attesa per un nuovo rene era ed è lunga. Josh si era scambiato email con altri fan di Star Wars su un forum online per collezionisti; ad un certo punto ha menzionato la sua condizione. Successivamente, Barry Benecke II, un altro collezionista del forum online, che conosceva Josh solo per il suo nickname, si offrì di donare il proprio rene a Josh. Barry era una partita e l'operazione ebbe successo.

Perché Barry voleva dare uno dei suoi reni a un uomo che non aveva mai incontrato? Barry spiega di aver recentemente perso un certo numero di persone a lui vicine, tutte provenienti da diversi tipi di cancro: sua madre, la figlia di un amico, un buon amico, lo zio di sua moglie. "È stato a causa della perdita di quella gente che sono stato costretto a cercare di aiutare qualcun altro. La prima persona che ho trovato che potrei essere in grado di aiutare è stata Josh. "Josh osserva" A tutti piacciono gli eroi e le persone che cercano di fare del bene e rendere la galassia al sicuro. Quando lo traduci nella vita di tutti i giorni, hai gente che prova a vivere … Barry è un eroe di sicuro … È Luke Skywalker. "(Clicca qui per maggiori informazioni sulla loro storia. Il comportamento altruista non era nuovo per nessuno di questi uomini; entrambi appartengono alla 501st Legion , un'organizzazione internazionale di fan di Star Wars che si divertono a indossare costumi di Star Wars ea fare opere buone come correre in maratone per beneficenza e indossare i loro costumi per intrattenere i bambini negli ospedali.)

Lo stesso altruismo motivò un altro membro della 501esima Legione , Eric Seeman, a donare uno dei suoi reni ad un altro membro della Legione, Jeff Romanoff, che aveva un cancro ai reni (clicca qui e qui per saperne di più su quella storia). Romanoff ha scritto: "Eric è un vero eroe ed emula tutto ciò che riguarda Star Wars. Un amico meraviglioso, altruista, che mette in pericolo la sua vita, quindi potrei vedere crescere mio figlio. "

Il comportamento altruistico di Barry e Eric rientra nella categoria di ciò che gli psicologi chiamano comportamento prosociale , azioni che sono dirette ad aiutare gli altri. Esempi comuni includono la condivisione, la cooperazione, il conforto e l'assistenza. Perché le persone si comportano in questi modi? Che luce possono fare teorie e ricerche psicologiche per aiutarci a capire perché Barry ed Eric hanno dato di se stessi – letteralmente?

Gli psicologi dividono i possibili motivi per aiutare gli altri in due gruppi (clicca qui per un articolo di Daniel Batson sull'argomento):

  1. Le persone aiutano gli altri, perché così facendo permette loro di raggiungere un obiettivo per se stessi, definito egoismo;
  2. Le persone aiutano gli altri perché vogliono migliorare il benessere degli altri, definito altruismo.

Il primo tipo di motivo copre una vasta gamma di situazioni ed esperienze. Oltre a quelli più ovvi (ad esempio, che l'helper raccoglie una "pedina" in modo che la persona aiutata possa sentire il bisogno di "ripagare" l'aiutante in qualche momento successivo, o che lo stato dell'aiutante aumenti negli occhi di altre persone) , le persone possono anche aiutare ad alleviare le proprie emozioni negative in una situazione, come angoscia, senso di colpa o tristezza; aiutando ad alleviare quei sentimenti. Le sollecitazioni per le donazioni per aiutare i bambini con palatoschisi possono motivare le persone a donare perché vedere le fotografie di bambini con questo problema porta lo spettatore a sentirsi triste o angosciato per i bambini; donare soldi diminuisce questi sentimenti spiacevoli.

Tra i supereroi, la decisione di Peter Parker di aiutare gli altri come Uomo Ragno sembra derivare dall'egoismo; divenne un supereroe, almeno in parte, per alleviare il terribile fardello di colpa che sentiva di essere (indirettamente) responsabile della morte dello zio Ben. Sebbene questo tipo di motivo possa sembrare meno "nobile" del secondo tipo, i comportamenti di aiuto che risultano da questo motivo sono ancora utili per gli altri e non dovrebbero essere pensati negativamente semplicemente perché l'aiutante aveva ragioni meno altruistiche per aiutare.

Il secondo tipo di motivo può sorgere quando proviamo simpatia o compassione per gli altri. Per esempio, alcuni di noi possono rispondere alla foto del bambino con un palato leporino con un profondo senso di empatia e compassione per il bambino, e vogliono aiutare-donare-semplicemente per migliorare la vita di quel bambino. Tra i supereroi, la ragione di Wonder Woman per essere un supereroe si adatta a questa descrizione: aiuta gli altri semplicemente perché la loro sofferenza – o potenziale sofferenza – tocca un accordo dentro di lei e si sente costretta ad agire per loro conto. L'altruismo era al lavoro quando Barry ed Eric decisero di donare il loro rene.

La mia reazione all'udire la generosità di Barry e Eric era probabilmente simile alla tua: mi sentivo umiliato e intimorito e volevo eseguire un "buon lavoro". Gli psicologi si riferiscono al sentimento che provavo – e che le persone hanno quando assistono o sentono parlare di altri atti altruistici – come elevazione, un termine usato per la prima volta da Thomas Jefferson per descrivere il desiderio di fare atti caritatevoli in risposta al vedere un atto di carità eseguito da un altro.

Gli psicologi stanno studiando la misura in cui la sensazione di elevazione si traduce in un reale comportamento d'aiuto. Potremmo sentirci bene ascoltando o testimoniando le buone opere degli altri, ma cambia il nostro comportamento? La manciata di studi su questa domanda suggerisce che lo fa (clicca qui per una panoramica di questo argomento. Per i documenti di ricerca, clicca qui e qui).

Le storie di supereroi – in cui il supereroe agisce chiaramente in modo eroico – inducono un senso di elevazione nei lettori o negli spettatori? Se la ricerca scoprisse che lo fanno, sarebbe interessante vedere se la lettura di un'appropriata storia a fumetti induca di più, di meno, o la stessa quantità di elevazione di un film o di un film di supereroi. (Idealmente, per minimizzare i fattori confondenti, la trama dovrebbe essere la stessa nei ritratti dei media). Forse (alcune) storie di supereroi non insegnano semplicemente il comportamento morale; forse inducono anche le persone ad aiutare gli altri attraverso l'elevazione. Non sarebbe super!

[Grazie per Stephen Sansweet di Lucasfilm per avermi raccontato della straordinaria storia di Barry, Josh, Eric e Jeff e di Mary Franklin di Bantha Tracks per averne parlato in Star Wars Insider.]

Copyright 2010 di Robin S. Rosenberg. Tutti i diritti riservati.
Robin S. Rosenberg è uno psicologo clinico. Il suo sito Web è DrRobinRosenberg.com. Clicca qui per farle breve Che cos'è un supereroe? Sondaggio.

Solutions Collecting From Web of "Aiutare gli altri, aiutarsi"