Aiutare gli adolescenti depressi: un programma peer scolastico che funziona

In che modo i compagni di scuola possono ridurre lo stigma, raggiungere e ascoltare

Pixabay, Public Domain

Fonte: Pixabay, dominio pubblico

Durante l’adolescenza, spostando le emozioni e gli stati d’animo, come sentirsi blu per un giorno o due. non sono né insoliti né anormali. Ma ciò che non è normale è un episodio depressivo maggiore: un periodo di due settimane o più durante il quale c’è o umore depresso o perdita di interesse o piacere, insieme con problemi con dormire, mangiare, energia e concentrazione.

In tutti gli Stati Uniti, in un dato anno, oltre il 13% degli adolescenti di età compresa tra 12 e 17 anni (il che significa oltre 3 milioni di loro) sperimenta un episodio così depressivo. E queste depressioni sono spesso associate a scarse prestazioni scolastiche, consumo di alcool e droghe, tentativi di suicidio e suicidi completati.

Ottenere aiuto per i ragazzi non è facile

Aiutare questi giovani a cercare l’assistenza professionale di cui hanno bisogno è spesso difficile. Molti adolescenti semplicemente non divulgano sentimenti, paure e preoccupazioni ai loro genitori o ad altri adulti.

Potrebbero aiutare i compagni di scuola adolescenti?

Gli adolescenti si identificano e ascoltano attentamente le opinioni dei loro compagni adolescenti. Sfortunatamente, poiché i ragazzi si preoccupano di essere stigmatizzati come malati di mente, nascondono anche la loro situazione dai loro pari.

Se altri studenti possono mostrarli, capiscono cos’è la depressione e che può essere curata; se potessero mostrare che accetterebbero piuttosto che respingere quelli che ne soffrono, avrebbe un impatto potente. Potrebbe rafforzare il coraggio di un giovane depresso per accettare di avere una malattia mentale. Aumenterebbe la loro fiducia nel confidare ai loro pari per il supporto e per l’aiuto nella ricerca di cure.

Ma sembra più facile a dirsi che a farsi. Gli studenti delle scuole superiori possono davvero assumere questo ruolo?

In una parola: sì. C’è un programma che aiuta gli studenti a fare proprio questo e funziona.

Il programma Peer-to-Peer (P2P)

Questo programma è stato progettato e realizzato sotto l’egida del Centro di Depressione Complessa dell’Università del Michigan, in collaborazione con i sistemi scolastici pubblici.

Utilizza un metodo “peer advocate” per istruire gli studenti delle scuole superiori sulla depressione e insegnare loro metodi efficaci per trasmettere questa conoscenza ai coetanei al fine di ridurre lo stigma, aumentare la consapevolezza e incoraggiare la ricerca di aiuto.

Come i sostenitori degli studenti sono selezionati ed educati

I difensori degli studenti vengono selezionati da insegnanti e consulenti, quindi lavorano in team.

Le sessioni di formazione per loro si concentrano su:

  • Migliorare la loro conoscenza delle malattie depressive
  • Comprensione delle interazioni tra salute mentale e abuso di sostanze
  • Comprensione dell’interazione tra stress accademico e salute mentale
  • Gli studenti che imparano ad affrontare le difficoltà possono usare per alleviare lo stress
  • Strategie di apprendimento per pianificare ed eseguire un’efficace campagna di sensibilizzazione sulla depressione

Come funziona

Lo studente sostiene il lavoro in team. Sono incoraggiati ad essere creativi nella progettazione di attività, e ogni squadra progetta la propria campagna, con l’aiuto continuo dei docenti della scuola.

Ecco alcuni esempi di ciò che alcuni team hanno fatto:

  • Insegnare una sessione alle assemblee scolastiche
  • Creare poster accattivanti sulla depressione, che sono collocati nei corridoi della scuola e nei bagni
  • Fornire un modo confidenziale per gli studenti di esprimere una preoccupazione sull’umore e sul comportamento di uno studente
  • Progettare un drop-box in modo che gli studenti che pensano di essere depressi o ansiosi possano comunicarlo allo staff della scuola
  • Disegnare braccialetti o bottoni con slogan come “Sono consapevole della malattia mentale” o “Ne vali la pena” e porgendoli
  • Mettere buster buster di stress in ogni classe che includono elementi come palle di stress e pagine da colorare
  • Durante le finali e altri momenti stressanti, insegnando e dimostrando le capacità di coping e rilassamento, come avere sessioni di yoga nella caffetteria

Il programma è efficace?

Un questionario per esaminare questo rigorosamente è stato sviluppato presso l’Università del Michigan. Un centinaio di studenti non appartenenti ai team P2P ha compilato un questionario sia prima che dopo la campagna di sensibilizzazione sulla depressione.

I risultati hanno mostrato che dopo la campagna, gli studenti erano più propensi a dire che:

  • Sembrava più sicuro di identificare i segni della depressione in se stessi e negli altri
  • Capito che la depressione corre nelle famiglie e non può essere controllata attraverso la “forza di volontà
  • Chiederei aiuto se avessero avuto sintomi di depressione per più di due settimane
  • Stavamo bene a discutere della salute mentale con altri studenti a scuola.
  • Sono fiducioso nella loro capacità di aiutare gli amici ad accedere ai servizi di salute mentale

Come ottenere un manuale per le scuole che desiderano creare un programma P2P

Il Programma presso il Centro di Depressione dell’Università del Michigan, guidato da Stephanie Salazar MPH, ha creato un manuale per assistere le scuole che hanno interesse a sviluppare programmi simili per aiutare gli studenti a raggiungere i loro coetanei in modo efficace.

È possibile accedere al manuale sul sito Web del centro di depressione.

Stephanie Salazar si sta anche mettendo a disposizione per parlare con il personale scolastico interessato. La sua email: sawaters@umich.edu

E c’è qualcosa di ancora più nuovo all’orizzonte: il programma è attualmente pilotato in diverse scuole medie.

Un altro programma peer-to-peer, per le scuole della California

Un altro eccellente programma con risultati validati è attualmente disponibile solo per le scuole nella grande baia di San Francisco e nelle aree di Los Angeles.

Ecco il link per contattare questo programma.

Solutions Collecting From Web of "Aiutare gli adolescenti depressi: un programma peer scolastico che funziona"