AI vs AI con Humanity on the Sidelines

Yale Press
Fonte: Yale Press

Le previsioni della futura malvagità distruttiva dei programmi di Intelligenza Artificiale (Intelligenza Artificiale) sono davvero aumentate in questa seconda metà del 2015. I leader del pensiero in tecnologia, economia e scienza ci avvertono che gli scenari di Hollywood delle creazioni cibernetiche assumono la propria produzione e design e diventare i nostri concorrenti, nemici e persino sterminatori non sono limitati al regno della fantascienza. È più probabile che facciano parte del nostro futuro di quanto potremmo essere a conoscenza.

Ma per quanto possa essere scoraggiante come una previsione, Christoph Türcke sostiene che ancora più preoccupante è il grave danno che macchine apparentemente intelligenti hanno già fatto. Questa è la tesi del suo nuovo libro, The Philosophy of Dreams , e dopo averlo letto, tendo ad essere d'accordo con lui. Türcke, professore di filosofia e religione presso l'Accademia di Belle Arti di Lipsia, in Germania, suggerisce che la "IA" veramente minacciosa non è l'Intelligenza Artificiale, ma l'Immaginazione Artificiale. Con l'immaginazione artificiale, Türcke si riferisce a quelle tecnologie che sono in grado di catturare la nostra attenzione, dagli iPhone alle tecnologie televisive che prendono il regno della nostra esperienza umana inondando il nostro sistema nervoso di super-stimoli e strutturando ubiquamente il modo in cui concepiamo e adattarsi al nostro mondo.

Queste non sono solo le nuove tecnologie che pensiamo abbiano l'Intelligenza Artificiale come iPhone o sistemi di realtà virtuale. Türcke espande la sua definizione per includere la tecnologia con cui abbiamo vissuto dalla fine del 1800, iniziando con la fotografia e le immagini in movimento per poi passare all'aggiunta di televisione, Internet e così via. Queste tecnologie sono diventate sempre più potenti e sofisticate nel loro dominio dell'esperienza umana e la loro onnipresenza nel nostro ambiente ha reso inevitabile il loro impatto. Türcke sostiene, e credo in modo convincente, che la nostra immersione in questa incessante corrente di immaginazione artificiale abbia eroso le basi psicologiche e culturali della coscienza umana così come è esistita dall'età neolitica a un ritmo molto più rapido dei cambiamenti climatici.

A differenza delle forme potenzialmente maligne dell'Intelligenza Artificiale, come gli esseri cyber e gli androidi, l'Immaginazione Artificiale di cui Türcke ci avverte non costituisce una minaccia nel mondo esterno "reale". L'immaginazione artificiale sta minacciando il nostro "mondo interno" evitando le funzioni mentali naturali che si sono evolute nel corso di centinaia di migliaia di anni. La psiche umana moderna richiede una buona parte di ciò che Türcke definisce "compiti a casa" o la selezione che avviene nel dietrobosco della nostra vita mentale come preparazione per essere aperti agli affari nel resto del mondo. Permettendo all'IA di infiltrarsi e ammassare il nostro backstage mentale, le persone non stanno più facendo i compiti psichici, la digestione lenta e la costruzione di esperienze che ci permettono di integrare in modo appropriato le nostre esperienze. Al contrario, ci affidiamo sempre di più a significati predigeriti che ci vengono essenzialmente scaricati senza passare attraverso alcun processo di assimilazione. Forse peggio, molti hanno rinunciato alla necessità di inserire la nostra esperienza in qualsiasi tipo di narrazione coerente. Hanno dimenticato come fare i compiti mentali e non si accorgono nemmeno della perdita. Questo è Post-moderno!

Forse l'esempio più estremo di immaginazione artificiale può essere attualmente trovato nel mondo strano della realtà virtuale. Il New York Times ha riferito questa settimana che Facebook ha pagato $ 2 miliardi per acquisire una startup di Realtà Virtuale che prevede di iniziare a vendere le sue cuffie VR nel primo trimestre del 2016. Il sistema è così ingombrante che secondo il Times, "Le persone immerse in un il gioco di realtà virtuale può facilmente perdere traccia di dove si trovano mobili, finestre e umani. "Gli sviluppatori di prodotti prevedono di abbinare il dispositivo VR con un sistema" chaperone "che mapperebbe il terreno di una stanza, compresi mobili e persone. Quando l'utente si avvicina a un oggetto reale, un modello wireframe della stanza "si materializza" nello spazio virtuale dell'utente.

L'ironia è forte qui. Le macchine fanno un teletrasporto sensoriale dell'utente a una realtà diversa e poi la presentano nuovamente all'utente dopo aver rimosso tutti gli elementi minimi necessari per la sopravvivenza. Questo sembra un altro passo verso il mondo di The Matrix . Il direttore della società di venture capital che lancia questa impresa di VR sembra avere un sospetto sul significato del genio che sta aiutando a rilasciare dalla bottiglia. "Crea queste esperienze realistiche in uno spazio piuttosto astratto dal mondo reale", ha affermato Matt McIlwain. "Questo ha l'opportunità di amplificare sia i lati positivi che i negativi della natura umana".

Nonostante i dispositivi di realtà virtuale, Türcke crede che la volontà umana in Occidente sia già stata nauseata da un'epidemia di disordine da deficit di attenzione a livello culturale (la malformazione caratteristica della nostra era). Come osserva Türcke, nella nostra società infusa dall'Immaginazione Artificiale, i bambini sono allevati con una mancanza di presenza e attenzione da parte dei loro genitori. Türcke vorrebbe farci meravigliare del fatto che i bambini oggi devono compiere imprese psicologiche che hanno portato i nostri antenati a centinaia di migliaia di anni. Come sottolinea Türcke, tutte le culture umane umane esistenti (anche quella dei moderni boscimani nomadi del Kalahari) si basano su un'infrastruttura fondamentale di umanizzazione che i loro figli devono attraversare. Queste ruote di formazione culturale comprendono l'apprendimento di un linguaggio astratto sofisticato, un rituale intatto e una struttura familiare istituzionalizzata. Ma Türcke avverte che i dispositivi dell'Immaginazione Artificiale costringono i nostri figli a scavalcare questa infrastruttura e, di conseguenza, le ruote di addestramento della civiltà stanno iniziando a erodersi. I mostri di Frankenstein di Imagination Artificiale si interfacciano direttamente con i nudi, umili sistemi nervosi dei nostri bambini che non hanno mai ricevuto lo scudo e l'armatura di una fiorente cultura umana.

Sebbene io sia d'accordo con l'ipotesi di Türcke secondo cui l'Intelligenza Artificiale rappresenta una minaccia per la nostra attuale vita mentale, ritengo che forse trascuri molti degli aspetti positivi di queste nuove tecnologie. Ad esempio, la fotografia e il cinema hanno reso possibili nuovi tipi di compiti psichici per l'umanità. Una volta catturato dall'obiettivo, un'immagine fugace può diventare oggetto di contemplazione estesa, in solitudine o con gli altri. Ad esempio, le 7000 immagini della guerra civile americana di Mathew Brady hanno permesso al mondo vittoriano di contemplare gli orrori della guerra come Wordsworth avrebbe voluto contemplare attraverso la poesia. A partire dal XIX secolo, la fotografia ha permesso di contemplare l'immagine vivente di una persona amata per tutta la vita e attraverso le generazioni. Per la prima volta, potremmo tenere nelle nostre mani immagini "vere e proprie" e quando sono indossati con la manipolazione, riproducili. La fotografia forniva un ponte tecnologico a ciò che Mahler chiamava "costanza degli oggetti", l'interiorizzazione dell'amore e il sostegno degli altri, oltre a un balsamo per i familiari. Attraverso la pratica del collezionare e condividere le immagini, la fotografia ha esteso le basi dell'empatia e del punto di vista dell'altro

Fino a questo decennio, il cinema è stato la più potente intrusione nel "backstage della coscienza". E questo è continuato attraverso la televisione e tutti gli altri dispositivi nelle nostre vite. Il film ha un'immediatezza che richiede la nostra attenzione e scorre in un modo che disarma i nostri sé razionali e parla direttamente all'inconscio. La pellicola ha modellato fortemente le nostre aspettative sull'IA. In molti film e fiction, come Blade Runner e TV's Extant , le macchine sono antropomorfizzate al punto che diventano noi. I film di AI finiscono quasi esclusivamente con la dignità umana, il coraggio e l'inventiva che vincono la giornata. Ma questo è uno scopo valido della finzione, di affermare il nostro valore come esseri umani e di lionizzare specifiche virtù umane, anche se richiede improbabili trionfi di David e Golia.

L'immediatezza e l'urgenza del film e le identificazioni che può consolidare e canalizzare sono state dimostrate in classici che hanno dato potere a movimenti politici altrimenti moribondi o in mezzo all'autodistruzione. La serie di sette film di Frank Capra, Why We Fight , per esempio, ha contrastato i film di propaganda nazista con una nuova raffinatezza e sottigliezza che ha galvanizzato lo sforzo bellico americano e ha modellato il significato dell'eccezionalismo americano. Si può solo sperare che i registi dei nostri giorni accettino la sfida implicata nel lavoro di Türcke. Questa sfida consiste nell'utilizzare la saturazione sensoriale e la messaggistica onirica del cinema e della realtà virtuale per contrastare gli effetti perniciosi dell'Immaginazione Artificiale, vale a dire per promuovere i momenti riflessivi interiori necessari agli individui per svolgere i loro compiti psichici unici.

The Philosophy of Dreams di Christoph Türcke è un libro intrigante e sfaccettato che affronta molti altri argomenti che per necessità non sono stati menzionati qui. Se solo per la sua esplicitazione di strumenti concettuali come l'Intelligenza Artificiale, i compiti psico-culturali e la ricapitolazione del bambino sull'ascesa della civiltà, questo libro fa parte delle liste di lettura dei professionisti dei media, artisti di ogni tipo, psichiatri e psicologi. Ancora più importante, questo libro può aiutare i cittadini interessati del mondo che desiderano riconoscere e comprendere meglio i profondi eventi che si svolgono nell'ecologia della coscienza, eventi le cui implicazioni a lungo termine sono simili a quelle del cambiamento ecologico globale.

Solutions Collecting From Web of "AI vs AI con Humanity on the Sidelines"