Ahmadinejad e Netanyahu: il simbolismo della leadership

Mahmood Ahmadinejad era un regalo per Israele. I suoi scandalosi discorsi hanno reso il mondo solidale con la causa israeliana. Ogni minaccia che Ahmadinejad ha fatto contro Israele, lo stato ebraico ha ottenuto un maggiore sostegno internazionale. Ahmadinejad divenne il simbolo della negazione dell'Olocausto. È stato facile indicarlo e dire: "L'opposizione a Israele è guidata da pericolosi pazzi!"

Ma Ahmadinejad se n'è andato. L'umore internazionale è cambiato. Il mondo si sta concentrando su una nuova minaccia percepita.

Benjamin Netanyahu è il nuovo simbolo di irragionevolezza e violenza. Fuori dagli Stati Uniti, Netanyahu è il leader che minaccia la pace in Medio Oriente. Il nuovo sentimento anti-ebraico in Europa usa Netanyahu come bersaglio di critiche. Questo non è solo un cambiamento di umore, ma un cambiamento delle politiche del governo. Tra gli Stati membri delle Nazioni Unite, 134 su 193 hanno già esteso il riconoscimento diplomatico allo stato palestinese. Di recente, il primo ministro svedese Stefan Löfven ha fatto una dichiarazione di intenti per riconoscere lo Stato palestinese. Il parlamento britannico ha anche approvato una risoluzione non vincolante per dare il riconoscimento diplomatico allo stato palestinese. La votazione è passata da 274 a 12.

Com'è possibile che nel giro di pochi anni l'umore internazionale si sia spostato? È l'espansione degli insediamenti israeliani? Durante la sua visita in Israele, il 13 ottobre 2014, il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon ha definito l'espansione degli insediamenti "una chiara violazione del diritto internazionale". Ma questa non è la prima volta che Israele ha ampliato gli insediamenti. Cosa c'è di nuovo questa volta? I combattimenti più recenti tra Israele e palestinesi hanno causato 2100 morti, oltre il 95% di loro palestinesi. Ma neanche questo è un nuovo modello. Hamas ha ripetutamente svolto il ruolo di perdente contro l'israeliano Golia.

Il più grande fattore che influenza l'umore internazionale sono i cambiamenti nel simbolismo della leadership. La scomparsa di Ahmadinejad significa che non esiste un simbolo chiaramente identificabile della "minaccia esistenziale" di cui Israele si lamenta. D'altra parte, Netanyahu è diventato una "minaccia" chiaramente identificabile per l'opposizione internazionale alle politiche israeliane. Il simbolismo è tutto negli sbalzi d'umore internazionali. Netanyahu è ora considerato un politico moderato in Israele e in gran parte degli Stati Uniti, ma è un "zelante" e una "minaccia alla pace" nel resto del mondo.

La psicologia delle dinamiche di gruppo suggerisce futuri cambiamenti più drammatici. La minaccia esterna porta alla coesione interna e al sostegno più forte alla leadership aggressiva. La sensazione israeliana di essere sotto assedio si traduce in una minore flessibilità e un atteggiamento più bellicoso da parte dei politici israeliani. Netanyahu è il simbolo di questa "aggressione israeliana". Crolla la frattura tra Israele e l'Europa tradizionale. Quanto tempo ci vorrà prima che i fondamentalisti radicali in Iran producano un altro Ahmadinejad per fare minacce allarmanti e influenzare l'umore internazionale più favorevole a Israele?

Solutions Collecting From Web of "Ahmadinejad e Netanyahu: il simbolismo della leadership"