Agire contro il burnout: Primi passi

Cobrasoft/FreeImages
Fonte: Cobrasoft / FreeImages

"Questo è quello che devi fare", disse Val Nelson, prima di riattaccare. "Ne sono sicuro."

Sono abbastanza sicuro che abbia ragione.

Ho chiamato Val, una carriera, affari e life coach, per parlare di burnout per un recente post sul blog. Non stavo intenzionalmente cercando di rubare i suoi servizi mascherandolo come un'intervista … ma anche, questo è esattamente quello che stavo facendo. Sono furtivo in questo modo.

Sono stato ispirato a scrivere il post a causa del mio burnout e mi sento molto fortunato ad avere tra i miei amici e colleghi un paio di allenatori kickass – Val e Beth Buelow – che hanno accettato di essere intervistati. Ho cercato di mantenere le discussioni in modo piuttosto generico, ma di tanto in tanto sono scivolato nei miei problemi (oops), e sono venuto fuori con molte cose a cui pensare e un piano d'azione definito.

Quel piano, che Val ha approvato con tale certezza? Registrarsi per uno spazio di co-working che si sta aprendo vicino a casa mia. Ho già fatto un tour e ho fatto un impegno verbale, mi iscriverò e pagherò presto.

Ho lasciato il mio ultimo lavoro a tempo pieno, su un giornale, nel 1994. Da allora ho lavorato a casa da solo. Sono più di 20 anni che passo la maggior parte dei giorni a stufare con i miei succhi. Potrebbe sembrare la situazione ideale per un introverso, ma ha i suoi svantaggi. Perché uscire e fare richiede uno sforzo che non sono sempre motivato a spendere, mi sono lasciato isolare. E mentre la solitudine può essere favorevole alla creatività, la vita in una bolla non lo è.

Penso alla creatività come a un bene. Quando sono solo, creando, attingo da quel pozzo. Se trascorro troppo poco tempo nel mondo, non ho altro che i miei pensieri e il chiacchiericcio dei social media per riempirlo. Dopo 21 anni di solitudine nella giornata lavorativa, interrotta principalmente dalle chiacchiere online, il mio pozzo è asciutto. Ho un disperato bisogno di un cambio di energia per riempirlo.

A volte lavoro in un bar, ma ho deciso di collaborare per alcuni motivi. Uno: se lo sto pagando, sono più propenso a usarlo. È abbastanza facile per me far saltare i piani per andare al bar, ma io tendo ad essere stretto con un soldino, quindi voglio che il mio denaro vada fuori dallo spazio che sto affittando.

Inoltre, questa potrebbe essere una sorta di comunità per me. Non vedo l'ora di stare con altre persone che fanno lavoro a differenza del mio. Non vedo l'ora di conversazioni serendipite, sia di partecipazione che di origliatura. So che questa compagnia di co-working cerca di creare comunità con happy hours e cose simili e ho in programma di partecipare a volte, per aiutare a ottenere nuovi pensieri che fluiscono attraverso il mio cervello stantio.

A volte lavoro ancora a casa; Ho in programma di dividere le mie settimane tra casa e ufficio. Lo ammetto, sono piuttosto ansioso per tutto questo, quindi ho deciso di dargli una prova di un mese per vedere come ci si sente. Ma sono anche entusiasta della prospettiva di qualcosa di diverso.

Ecco dove sto prendendo provvedimenti immediati. Ma anche le conversazioni con Val e Beth mi hanno fatto pensare anche in altre direzioni.

Ad esempio, Beth ha suggerito di pensare a diversi modi di fare le stesse cose, il che mi ha fatto riconsiderare la mia tendenza a fare ogni lavoro. Non c'è niente di sbagliato nel voler fare un buon lavoro, ma penso troppo? (Sì.) Ho usato quella pepita per alimentare un lavoro che non si stava avvicinando facilmente. Invece di sudarlo e cercare di trasformarlo in qualcosa che non sarebbe mai stato, l'ho buttato giù, l'ho definito abbastanza buono e sono andato avanti con la mia vita. E il cliente stava bene con il prodotto finale. Posso essere più duro con me stesso di quanto lo sia chiunque altro. Devo iniziare a discernere tra lavori che valgono la pena di sudare e quelli che possono essere abbastanza buoni. Dopotutto, ho anni di esperienza nel fare ciò che faccio. Il mio buono abbastanza di solito è abbastanza buono.

Cos'altro…? La settimana scorsa ho dovuto andare in libreria per comprare un regalo e ho trascorso un po 'di tempo nella sezione di auto-aiuto / psicologia, cercando ispirazione per i lavori futuri. Questo in realtà si è rivelato un po 'scoraggiante; così tante persone intelligenti scrivono così tanti libri interessanti. Come posso risaltare? Poi, senza una ragione particolare, ho scelto The Life-Changing Magic di Tidying Up: The Japanese Art of Decluttering and Organizing e mi sono sistemato in una poltrona. Per qualche ragione, l'idea di abbandonarmi al disordine era stimolante. Quando ho parlato di questo a Val, lei ha detto che lei spesso trova il reenergizing decluttering. Non ho ancora preso la briga con questo, ma sono riuscito a chiarire alcune cose e mi sono già sentito rinfrescante.

Prima di lasciare la libreria, ho girato la sezione dei libri di vendita e sfogliato un libro di auto-aiuto di carriera – non saprei nemmeno dirti di cosa si tratta – e mi sono imbattuto nella domanda "Cosa faresti se non potessi fare cosa stai facendo ora mai più? "Non ho idea di quale sia la mia risposta, ma è una buona domanda. L'ho piantato nella mia testa per gesticolare.

E poi, qualche giorno dopo, ho ascoltato questa intervista a Marc Maron con il meraviglioso comico Jim Gaffigan, in cui Gaffigan ha parlato della quantità di rifiuto che gli aspiranti comici sono stati sottoposti. Sì, naturalmente. Anche questo fa parte della vita dello scrittore.

A volte scherzo sul fatto che nel mio lavoro sono stato respinto cinque volte prima di colazione. Haha. Una specie di. Mentre i professionisti creativi devono sviluppare e sviluppare una pelle piuttosto spessa, così tanto rifiuto ha un effetto scoraggiante cumulativo. Alla fine, devi ritirarti un po ', riprendere fiato. E devi iniziare a scegliere ciò che hai lasciato entrare nel tuo cervello. Alcuni anni fa, ho scritto questo post sul blog sulla vita quantificata. Continuerò a tenerlo tra i segnalibri per ricordare a me stesso, quando necessario, che i folletti di FB non sono una misura del mio valore.

Quindi, è qui che sono adesso. Non sono guarito e ho un modo per andare. Ad esempio, Val suggerisce ai clienti di elencare e classificare i compiti, per identificare quelli che danno loro gioia rispetto a quelli che succhiano la vita da loro. Ho iniziato a farlo, ma ho capito che sono troppo bruciato per trovare gioia in tutto ciò che faccio. Salverò quel lavoro per dopo.

Ma almeno sono stato spinto fuori dalla mia routine un pochino e questa è una buona cosa. E questa settimana, sto prendendo una piccola vacanza per partecipare a un matrimonio. Che certamente non può far male.

Cerca la rubrica di carriera e di business di Val sul nuovo sito web "Quiet Revolution", dove sto anche scrivendo una colonna di consigli. Il meraviglioso libro di Beth, The Introvert Entrepreneur, sarà in libreria a novembre.

Dai un'occhiata ai miei libri, Introverts in Love: The Quiet Way to Happily Ever After; The Introverts Way: vivere una vita tranquilla in un mondo rumoroso; e 100 posti negli Stati Uniti Ogni donna dovrebbe andare.

Vuoi uscire con un gruppo di simpatici introversi? Unisciti a noi sulla mia pagina Facebook.

Si prega di notare che qualsiasi cosa acquistata da Amazon o da Barnes & Noble cliccando su un link qui mi farà guadagnare qualche soldo.

Solutions Collecting From Web of "Agire contro il burnout: Primi passi"