AGINAP: un obiettivo non è un piano

Probabilmente ti ricordi la linea di Steve Martin, "beh, scusami!" Ma ti ricordi la scenetta che l'ha lanciata? È iniziato così:

Tu .. puoi essere un milionario … e non pagare mai le tasse!
Puoi essere un milionario … e non pagare mai le tasse!
Dici … "Steve .. come posso essere un milionario … e mai pagare le tasse?"
Prima … prendi un milione di dollari.

Molti disoccupati in questi giorni vorrebbero un piano per ottenere un milione di dollari, o almeno per una ripresa economica. Immagina se il nostro presidente avesse annunciato di avere un nuovo piano per raggiungere proprio questo. Vorremmo sapere qual era il piano. Immagina quanto saremmo rimasti delusi se, quando in un'intervista, per dirla in modo esplicito, avesse detto "Cosa intendi? Ho fatto lo spelling. Il piano è di avere una ripresa economica! Questo è il piano.

Sarebbe così diverso da Obama. Sa che un obiettivo non è un piano. Steve Martin, nel suo modo più delizioso, si comportò come lui. La maggior parte di noi si trova in mezzo, a volte trattando un obiettivo come se fosse un piano, o almeno tollerando in altri un difetto di distinzione.

Stavo parlando con un amico caro e molto intelligente che è anche il mio chiropratico. Non lo vedevo da anni. Recentemente ho esercitato torto e sono tornato da lui.

Legge un'enorme quantità di scienza, filosofia e libri spirituali. Gli ho chiesto che fine avevano fatto i suoi interessi spirituali. Disse che non sapeva davvero cosa significasse più la spiritualità.

Sono d'accordo con lui. Non sono nemmeno sicuro di saperlo. Disse che era giunto alla conclusione che tutto si riduceva a "essere presente". Quando è presente le cose vanno bene.

Ho detto di capire il sentimento, ma non ero sicuro di cosa significhi "essere presente". Quando studiavo il Buddhismo, un modo in cui ti insegnavano ad essere presente era attraverso il detto: "Quando ti lavi i denti, basta lavarsi i denti".

All'epoca sembrava un grande piano per la presenza, ma ora penso che fosse solo un obiettivo mascherato da piano. Il mio sospetto che non fosse un piano è iniziato quando ho cercato di estenderlo oltre lo spazzolino da denti. Cosa significa esattamente? Era un argomento contro il multi-tasking? Potremmo semplicemente dire, "quando ti lavi i denti mentre leggi una rivista, ti lavi i denti e leggi una rivista?" Oppure, per così dire, potresti facilmente dire "quando ti lavi i denti, ascoltando il tuo iPod? , grattati e leggendo una rivista, ti lavi i denti, ascolti il ​​tuo iPod, ti gratti e leggi una rivista? "

Non era chiaro.

Intendo qual è il limite e se non c'è limite, qual è il punto? Sembra dire qualcosa sulla messa a fuoco, ma in realtà non ti dà istruzioni per estrapolare dallo spazzolino per il resto della tua giornata.

Non si tratta solo di spazzolini da denti. Sta dicendo che non dovresti mai concentrarti su qualcosa di più impegnativo rispetto allo spazzolino da denti? Il rapporto attenzione-attività dovrebbe essere sempre così alto, dando la massima attenzione a compiti così piccoli? Ho sollevato tutto questo con il mio amico.

"Voglio dire guardaci," dissi, "Stiamo parlando mentre lavori alle mie spalle. Siamo presenti? "

Ha riconosciuto che era una buona domanda, ma ha detto che per lui, si tratta di fare ciò che è efficace. Per lui, è efficace lavorare sulla mia schiena e parlare. Ho accettato. Non pensavo che la conversazione fosse troppo dispersiva. Eravamo multitasking ed è stato efficace.

Per le mie orecchie, se tu definisci di essere presente concentrandoti su ciò che è efficace, "Presenza" non è una risposta, è una domanda e molto persistente, che guida il comportamento del nostro sistema di attenzione. Idealmente, l'attenzione si sintonizza su ciò che è significativo e sintonizza ciò che non lo è. Ma ciò che è significativo non può essere conosciuto con la certezza nel presente. A volte cose che, al momento, sembrano significative risultano, a lungo termine, essere insignificanti. E viceversa, a volte le cose che nel presente sembrano insignificanti si rivelano insignificanti.

Anch'io penso di "essere presente" come una grande interpretazione del sentiero spirituale, ma non come una risposta. Piuttosto si tratta di una domanda che si pone ogni giorno, una domanda che le nostre intuizioni generalmente gestiscono con tranquillità ma che tuttavia non possono essere risolte in modo definitivo fino a domani quando scoprirai che cosa è risultato essere abbastanza significativo per essere presente.

Sono un entusiasta multi-tasker. Non vorrei le mie tendenze su tutti, ma è il mio stile. Per me, la vita è troppo breve e splendida per qualcosa di meno del multitasking. Sono più propenso a sostituire il mio tempo. Sono più incline ad essere inclusivo, considerando molte cose importanti contemporaneamente e quindi a dividere troppo la mia attenzione. Questo è evidente ogni volta che con il multitasking faccio un errore. Posso muovermi troppo velocemente, ad esempio quando faccio esercizio e poi butto la schiena fuori.

Tuttavia, non esiste uno standard chiaro per un'attenzione adeguata. Dipende da appetito, attitudine e circostanze. In quei compiti che richiedono una vigilanza costante per prevenire solo calamità occasionali, questa diventa una vera sfida. Quanta attenzione dovresti dare alla guida? La maggior parte delle volte non serve molta attenzione. Ma occasionalmente c'è una seconda sfida che richiede la tua attenzione indivisa e altro, e ti rendi conto a posteriori che avresti dovuto prestare più attenzione.

Sì, a posteriori, avresti dovuto prestare più attenzione. Ma questo è il problema. Come dice il consiglio, dire "Prestare attenzione" o "Essere presenti" è incompleto in due importanti aspetti. Innanzitutto, non dice ciò che è degno della tua attenzione. In quanto tale è vuoto come dire "Prestare sempre attenzione a …"

Induce la domanda "cosa?"

E se la risposta implicita è "Su qualsiasi cosa risulti più tardi questione", si chiede la risposta, "sì, ma qualsiasi cosa si riveli dopo" spesso si rivela troppo tardi.

Tra queste due fonti di incompletezza si riduce a "fare sempre ciò che risulta essere efficace", che non è più efficace del dire: "Il tuo piano dovrebbe essere quello di riuscire". Mi scusi, ma è un obiettivo mascherato da piano.


La mia presenza preghiera
Concedimi la presenza per concentrarti sulle cose che finiranno per rivelarsi significative, sulla dimenticanza di ignorare le cose che finiranno per rivelarsi insignificanti e la saggezza per conoscere la differenza.

La saggezza qui è la capacità di minimizzare entrambi i sì pentiti e pentiti di no sulla domanda "È significativo?", Perché l'ultima cosa che voglio è concentrarsi sulle cose che finiranno per rivelarsi insignificanti o l'ignara ignoranza delle cose questo finirà per rivelarsi significativo.

Ovviamente la sfida è che ciò che si rivelerà significativo non potrà essere conosciuto con certezza fino a domani, e oggi devo decidere.

Per un podcast, enewsletter e altri articoli di questo genere visitate www.mindreadersdictionary.com

Solutions Collecting From Web of "AGINAP: un obiettivo non è un piano"