Aggiornamento del principio Helper Therapy

I benefici terapeutici dell'aiutare gli altri sono stati a lungo riconosciuti dalla gente comune. Questo concetto fu inizialmente formalizzato in un articolo molto citato e spesso ristampato da Frank Riessman che apparve nel 1965 in Social Work. Riessman ha definito il principio della "terapia di supporto" sulla base delle sue osservazioni di vari gruppi di auto-aiuto, in cui aiutare gli altri è considerato assolutamente essenziale per aiutare se stessi. Questi sono gruppi di base che al giorno d'oggi coinvolgono decine di milioni di americani. Come dice il proverbio, "se aiuti qualcuno su per la collina, ti avvicini a te stesso." Riessman osservò che l'atto di aiutare un altro guarisce l'aiutante più di quanto la persona abbia aiutato. Nei primi anni '70, il principio della "terapia di supporto" è stato notato in alcune riviste di psichiatria di primo ministro, in quanto i ricercatori hanno scoperto che aiutare gli altri era vantaggioso in una varietà di contesti, tra cui ragazzi che facevano tutoraggio per i bambini più piccoli (Rogeness & Badner, 1973).

Se il gruppo si concentra sulla perdita di peso, smettere di fumare, abuso di sostanze, alcolismo, malattia mentale e recupero, o innumerevoli altri bisogni, una caratteristica del gruppo è che le persone sono profondamente coinvolte nell'aiutarsi a vicenda e in parte motivate da un interesse esplicito alla propria guarigione. Questi gruppi aderiscono all'opinione che le persone che hanno avuto un problema possono aiutarsi a vicenda in modi che i professionisti non possono – cioè, con maggiore empatia e maggiore autorivelazione.
I membri di questi gruppi stanno sostituendo gli stati emotivi negativi con lo stato positivo chiamato "l'elemosina", una sensazione emotiva piacevole ed euforica di energia e calore. "L'elemosina" è stata descritta per la prima volta da Allen Luks (1988). Luks, in un sondaggio di migliaia di volontari in tutti gli Stati Uniti, ha scoperto che le persone che hanno aiutato altre persone hanno riportato una salute migliore rispetto ai coetanei nella loro fascia di età, e molti hanno affermato che questo miglioramento della salute è iniziato quando hanno iniziato a fare volontariato. Gli aiutanti riferiscono una sensazione fisica distinta associata all'aiuto; circa la metà riferisce di provare un sentimento "alto", il 43% si sente più forte e più energico, il 28% si sente caldo, il 22% si sente più calmo e meno depresso, il 21% sperimenta maggiori sentimenti di autostima e il 13% sperimenta meno dolori e dolori.

In effetti, molti uffici statali di salute mentale, tra cui quello dello Stato di New York, sottolineano il ruolo di aiutare gli altri attraverso il coinvolgimento in gruppi di auto-aiuto, raccomandando questa attività a persone che si stanno riprendendo dalla depressione e dalla schizofrenia (Stato di New York, 2006). Questo tipo di iniziativa statale ricorda la famosa era del "trattamento morale" nei manicomi americani degli anni '20 e '30, dove persone con malinconia e altri disturbi venivano trattati con compassione e anche, quando possibile, direttamente impegnati in attività prosociali (Clouette & Deslandes, 1997).

Il mio esempio preferito di come aiutare gli altri possono essere incorporati nel recupero della salute mentale è la comunità Magnolia Clubhouse in University Circle, Cleveland. Si basa sul modello ICCD (International Center for Clubhouse Development) iniziato da Fountain House nel 1948, a New York City. Ora ci sono circa 200 Clubhouse ICCD in tutti gli Stati Uniti e vicino a quel numero all'estero. Offrono conferenze di formazione, certificazione e ricerca sul modello ICCD. A Cleveland, Magnolia Clubhouse è un sito di formazione per studenti in psicologia e psichiatria ed è liberamente associata a Case Western Reserve University. I membri della Clubhouse (18 anni e oltre) di solito hanno storie significative di malattie mentali, vivono nella zona (di solito in piccoli appartamenti o occasionalmente in famiglia) e sono indirizzati al Clubhouse da professioni sanitarie. Quando arrivano dalla Clubhouse (una grande casa in mattoni rossi convertita), di solito al mattino o a mezzogiorno, decidono su quali attività di aiuto saranno coinvolte. Come Lori D'Angelo, Ph.D., direttore della Magnolia Clubhouse, Rispondendo a una domanda che ponevamo in merito all'aiuto degli altri da parte dei membri, "penso che le persone tendano ad essere più stabili e felici se ritengono di beneficiare le persone più di loro stesse o al di fuori di se stesse. Li aiuta a sentirsi collegati a un quadro più ampio, e penso che in generale gli esseri umani. "Ai membri non vengono assegnati compiti, ma scelgono il tipo di aiuto che vogliono fare e nella misura in cui desiderano. Alcuni preparano i pasti, servono nel negozio di snack, aiutano nell'ospitalità, scrivono lettere, gestiscono le finanze, fanno le pulizie di tutti i giorni, all'esterno del parco, l'aratura della neve e simili. ICCD è un programma di auto-aiuto che ricorda l'era del trattamento morale. I membri della Clubhouse, di cui ce ne sono un paio di centinaia in un dato momento, sono trattati con immensa compassione dallo staff e dai volontari della comunità (www.magnoliaclubhouse.org).

Il più antico e più grande gruppo di auto-aiuto negli Stati Uniti è, naturalmente, Alcolisti Anonimi (Alcolisti Anonimi, 1952). I ricercatori della Brown University Medical School (Pagano, et. Al., 2004) hanno esaminato la relazione tra aiutare altri alcolizzati a riprendersi (il famoso dodicesimo passo) e ricadere nell'anno successivo al trattamento. I dati sono stati ricavati da uno studio prospettico chiamato Project MATCH, che ha esaminato diverse opzioni di trattamento per gli alcolisti e ne ha valutato l'efficacia nel prevenire le ricadute. Due misure per aiutare altri alcolisti in Alcolisti Anonimi (essendo uno sponsor e aver completato il dodicesimo passaggio) sono state isolate dai dati, e sono state utilizzate regressioni di rischi proporzionali per separare queste variabili dal numero di riunioni AA frequentate durante il periodo. Gli autori hanno scoperto che "coloro che stavano aiutando avevano meno possibilità di recidiva nell'anno successivo al trattamento". Tra coloro che hanno aiutato altri alcolisti (8% della popolazione studiata), il 40% ha evitato di prendere un drink nell'anno successivo al trattamento; solo il 22% di coloro che non hanno aiutato ha avuto lo stesso risultato.

Queste scoperte intorno ad AA sono particolarmente significative perché AA è un'organizzazione prototipale, con organizzazioni secondarie come Al-Anon (per i coniugi di membri AA), Alateen (per i loro figli) e Narcotici Anonimi. È ampiamente stimato che negli Stati Uniti esistano quasi 350 programmi anonimi di autodidatta in 12 fasi, tra cui Overeaters Anonymous, che aiutano le persone con innumerevoli forme di sofferenza. Così, molti milioni di americani conoscono il 12 ° passo attraverso un'organizzazione di auto-aiuto, ma troppo pochi ne comprendono l'importanza per loro. Lo schema di una persona che aiuta un'altra persona con lo stesso problema è stato così centrale per Bill W., fondatore di AA, che ha riassunto tutti i 12 passaggi in termini di resa ad un potere e servizio superiore agli altri (Bill W., 1988) . Bill W. morì nel 1971, prominente nella lista di Life dei 100 più grandi americani del 20 ° secolo come il creatore dell'intero movimento di auto-aiuto in America e nel mondo (Life, "I 100 più importanti americani della vita del XX secolo, n. 13:12, autunno 1990).

Le attività altruistiche sono associate a una migliore cura di sé. La generatività dell'adolescenza (presente nelle vite di un sottogruppo di adolescenti decenni fa) prediceva di sentirsi soddisfatti della vita, di essere sereni e felici, di avere una buona salute mentale e di non essere depressi come adulti più grandi. I ricercatori indicano che un meccanismo importante coinvolto è la competenza prosociale adolescenziale, che si traduce in una vita di giudizi, scelte e abitudini sane. Gli adolescenti generativi tendevano a non essere fumatori o bevitori eccessivi (Wink & Dillon, 2007).

Allora, che tipo di creature siamo? L'associazione tra un modo di vita generoso e generoso e la prolongità della salute può essere interpretata alla luce della psicologia evolutiva. Mentre non è appropriato qui fare un caso completo per l'altruismo evolutivo, si può affermare che la teoria della selezione di gruppo predice una connessione fortemente adattiva tra l'altruismo ampiamente diffuso all'interno dei gruppi e la sopravvivenza di gruppo (Sober & Wilson, 1998). I membri di un gruppo di successo probabilmente sono orientati in modo innato verso comportamenti di altro tipo. Gli antropologi sottolineano che le prime società egualitarie praticavano l'istituzionalizzazione o "l'altruismo ecologico", dove aiutare gli altri era una norma sociale, e non un atto di volontariato. Sembra che ci sia una spinta umana fondamentale verso le azioni che riguardano gli altri. Quando questa unità è inibita, l'essere umano non cresce. L'evoluzione suggerisce che la natura umana si sia evoluta emotivamente e comportamentalmente in un modo che conferisce benefici per la salute ad un amore benevolo e ad aiutare i comportamenti. Sembriamo prosperare sotto il baldacchino di emozioni positive.

Ralph Waldo Emerson, nel suo famoso saggio sul tema del risarcimento, ha scritto: "È uno dei compensi più belli di questa vita che nessun uomo può sinceramente cercare di aiutare un altro senza aiutare se stesso …". Il poeta indù del XVI secolo Tulsidas , come tradotto da Mohandas K. Gandhi, scrisse: "Questo e questo solo è la vera religione – servire gli altri. Questo è peccato sopra ogni altro peccato – danneggiare gli altri. Al servizio degli altri è la felicità. Nell'egoismo c'è sofferenza e dolore. "Il saggio del IX secolo Shantideva scrisse:" Tutta la gioia che il mondo contiene è arrivata attraverso il desiderio della felicità degli altri ".

RIFERIMENTI

Alcolisti anonimi (1952). Dodici passi e dodici tradizioni. New York: Alcoholics Anonymous World Services.
Bill, W. (1988). Il linguaggio del cuore. New York: Cornovaglia.
Clouette, B., & Deslandes, P. (1997). Il ritiro di Hartford per i pazzi: un primo esempio dell'uso del "trattamento morale" in America. Medicina del Connecticut: The Journal of Connecticut State Medical Society, 61 (9), 521-527.
Luks, A. (1988, ottobre). "Helper's high: il volontariato fa sentire le persone bene, fisicamente ed emotivamente". Psychology Today, 22 (10), 34-42.
Stato di New York (2006). Self-help e supporto tra pari. Estratto da www.omh.state.ny.us/omhweb/ebp/adult_selfhelp.htm
Pagano, ME, Friend, KB, Tonigan, JS, & Stout, RL (2004). Aiutare altri alcolizzati in Alcolisti Anonimi e risultati di consumo: risultati di Project MATCH. Journal of Studies on Alcohol, 65 (6), 766-773.
Riessman, F. (1965). Il principio della terapia "helper". Servizio sociale, 10 (2), 27-32.
Rodin, J., & Langer, E. (1976). L'effetto della scelta e una maggiore responsabilità personale per gli anziani: un esperimento sul campo in un contesto istituzionale. Journal of Personality and Social Psychology, 34 (2), 191-198.
Rogeness, GA, & Badner, RA (1973). Aiutante adolescente: un ruolo nella salute mentale della comunità. American Journal of Psychiatry, 130, 933-936.
Sober, E. & Wilson, DS (1998). Unto agli altri: l'evoluzione del comportamento altruistico. Cambridge, MA: Harvard University Press.
Wink, P. & Dillon, M. (2007). Gli adolescenti generativi diventano adulti più sani? In SG Post (Ed.), Altruismo e salute: Prospettive dalla ricerca empirica (pagine 43-54). La stampa dell'università di Oxford.

Solutions Collecting From Web of "Aggiornamento del principio Helper Therapy"