Afghanistan: Confessioni di un sostenitore pacifista e sostenitore di Obama molto conflittuale

Un rapido sondaggio sulla mia pagina Facebook dopo l'ultimo intervento di Barack Obama non avrebbe dovuto scioccarmi. I conservatori hanno trovato un modo per criticare Obama, e i liberali sono, in generale, in lotta per dare un senso al piano di Obama di aumentare le truppe in Afghanistan. Sono chiaramente nel campo cercando di dare un senso a tutto questo.

Prima un po 'di storia: sono cresciuto praticamente per essere un cristiano evangelico e ad amare praticamente tutto ciò che fanno i repubblicani. Da qualche parte nella mia vita, quella socializzazione è andata terribilmente in tilt. Mi sono liberato (mamma che respirava profondamente) come un teologo liberale, che trova credenza nell'inferno (e in qualsiasi tipo di fondamentalismo religioso) repellente come la guerra o che viene scoreggiato da venti uomini che hanno appena avuto un concorso di hot dog (scusa mamma, Avrei dovuto respirare profondamente anche lì!).

Ok, con quello fuori mano, entriamo nella mia mentalità dopo il dibattito e durante questo. Bene, mentre mi parlavo da un mare di dibattiti politici su Facebook, ho realizzato qualcosa. Sono qui, molto vicino a un pacifista, annuendo in accordo con la decisione di Obama di aumentare gli sforzi bellici. Quello che trovo così completamente inquietante e mette la mia mente e il mio cuore in un totale cavatappi di empatia e dolore, ora lo approvo. In momenti come questo vorrei non essere così analitico di me stesso. Mi piacerebbe sventolare la bandiera in alto e orgoglioso e indossare le spille di Obama e sostenere la guerra con tutto il cuore.

Ma più ci penso, più mi sento a disagio. Da un lato, sento di dover essere d'accordo con qualcuno che trovo incredibilmente ragionevole e che sa molto più di me su questo (avrei dovuto respirare profondamente i miei amici conservatori lì). Ma poi ripenso agli anni di Bush, e quelle erano le stesse scuse / ragioni che i sostenitori di Bush hanno dato (beh, a parte il fatto che lascio a Dio e così Obama). D'altra parte, disprezzo la guerra e riesco a malapena a sopportare di pensarci, per non parlare di provare e sentire me stesso o empatizzare. Quindi cosa faccio?

Molti psicologi hanno sostenuto che l'ultima minaccia per l'uomo psicologicamente è l'incertezza. Quando tutto il resto fallisce, dobbiamo prendere posizione e credere in qualcosa. Ma quando analizziamo veramente noi stessi, ciò provoca un mare di incertezza. E, sperimentandolo in prima persona, questa totale incertezza fa schifo.

Quindi non sono sicuro di dove questo mi lasci oltre le incertezze e voglia o amare tutto ciò che fa Obama, o oppormi a questa ondata di truppe con tutte le mie forze. Ma non posso. Forse è la mossa giusta e forse no. Lo so, ma ancora, ho un tale livello emotivo, un disprezzo per la guerra e l'amore per Obama che ha la meglio su questo ragionamento.

E penso che questa incertezza, questo disagio, sia il motivo per cui così tante persone non cercano di pensare al di là delle linee di partito. La vita è molto più semplice e semplice (e coerente, stabile e controllata) quando un gruppo ha ragione e uno è sbagliato.

Una parte di me desidera che le cose nella mia mente fossero così in bianco e nero, ma una parte di me teme che la gente veda qualcosa come bianco e nero. Niente è in bianco e nero.

Odio la guerra, ma penso che Obama sia l'uomo giusto per il lavoro. E quando la polvere si deposita in questo conflitto di visione del mondo interiore, va bene per me. Le cose sono grigie dopotutto.

Solutions Collecting From Web of "Afghanistan: Confessioni di un sostenitore pacifista e sostenitore di Obama molto conflittuale"