Affrontare le ferite alla testa in atleti di tutte le età

In un recente discorso alla Harvard School of Public Health, il commissario della NFL Roger Goodell ha parlato del cambiamento culturale necessario all'interno della lega per contribuire a ridurre il rischio di lesioni alla testa e significativi traumi cerebrali.

"Cambiare la cultura in un modo che riduce il rischio di lesioni nella misura massima possibile, specialmente il rischio di trauma cranico", ha detto. "Vogliamo che i giocatori possano godere di lunghe e prospere carriere e vite sane fuori dal campo. Quindi ci concentriamo incessantemente sulla salute e sulla sicurezza dei giocatori, mantenendo al tempo stesso il gioco divertente e imprevedibile. "

Sono appassionato di portare più consapevolezza sui problemi della salute del cervello e su cosa possiamo fare per migliorare le prestazioni cognitive – non solo per gli atleti professionisti ma per gli atleti di tutte le età.

La paura è stata un tema comune nella discussione sulle commozioni cerebrali negli atleti, in particolare nella nostra giovinezza. Il Dr. Robert Cantu ha recentemente pubblicato un editoriale sul New York Times in cui sosteneva che i bambini di età inferiore ai 14 anni non dovevano giocare a calcio da tavolo, dirigendo un pallone da calcio dovrebbe essere contro le regole fino all'età di 14 anni, il controllo del corpo dovrebbe essere vietato in ghiaccio l'hockey fino all'età di 14 anni e le diapositive di testa dovrebbero essere eliminate nel baseball giovanile e nel softball.

Mentre la conversazione sulle commozioni cerebrali e sui loro effetti è buona, non dovrebbe essere offuscata da una paura travolgente. Ecco i miei pensieri su questo argomento spesso controverso.

  • La sicurezza dei giocatori è della massima importanza. È necessario disporre di attrezzature e norme e regolamenti adeguati per proteggere non solo la sicurezza della testa, ma la sicurezza generale degli atleti di tutte le età. Le regole del ritorno al gioco devono essere delineate e messe in atto se si sospetta una ferita alla testa. Uno dei maggiori contributi alle commozioni cerebrali è l'ambiente del cervello. Mentre nessun copricapo protegge completamente il cervello dalle ferite delle superfici interne sporgenti del cranio che agiscono come armi di distruzione mentre il cervello si contorce contro di loro, proteggere la sicurezza del giocatore è fondamentale.
  • Ottieni un benchmark completo e una misurazione di base della funzione cerebrale. Avere una misurazione del benchmark cerebrale consente ai professionisti del settore medico di monitorare i cambiamenti cerebrali con il cervello in via di sviluppo o prima o dopo l'infortunio. Gli atleti ottengono fisici annuali di routine; è più cruciale ottenere un BrainHealth fisico completo.
  • L'allenamento della forza è la chiave. Gli atleti di tutte le età devono essere coinvolti nel condizionamento della forza; in particolare, è importante per i bambini che praticano sport di contatto rafforzare i muscoli del collo.
  • Se si sospetta una commozione cerebrale, consultare un medico. Le ferite alla testa richiedono tempo per guarire e questo è particolarmente vero nel caso di bambini e giovani adulti. Vedere un medico qualificato, preferibilmente un neurologo con esperienza in commozioni cerebrali, per la diagnosi e il trattamento. L'assistenza medica e la sicurezza dei giocatori vincono su tutto il resto.
  • Riposa e restringi. Mentre l'attività fisica è spesso limitata dopo un trauma cranico, il riposo cognitivo è un fattore chiave anche nel recupero delle lesioni cerebrali. Limitare l'uso di computer, telefoni cellulari, videogiochi, orari televisivi e compiti scolastici.
  • Quattordici non è un numero magico. Mentre il Dr. Cantu raccomanda il gioco limitato per i bambini di età inferiore ai 14 anni, non c'è nulla di magico in quell'età in termini di sviluppo del cervello. In realtà, il cervello è in continuo sviluppo per tutta la nostra vita. Nello specifico, i lobi frontali del cervello – spesso la parte più danneggiata del cervello durante una commozione cerebrale – si sviluppano fino alla fine degli anni '20. L'allenamento sportivo ritardato può smorzare lo sviluppo di abilità fisiche critiche per eccellere nello sport.
  • Monitorare e mitigare i deficit a lungo termine. Per i bambini in particolare, gli effetti a lungo termine potrebbero non essere evidenti fino a fasi successive dello sviluppo. Il mio team è stato il primo a documentare questo stallo neurocognitivo nei pazienti pediatrici che hanno subito una lesione cerebrale. Inoltre, mentre in precedenza i bambini che avevano una commozione cerebrale (cioè una lesione cerebrale "lieve") erano ritenuti in grado di recuperare la funzione cognitiva entro il range di normalità a lungo termine, vi è una crescente evidenza che il pieno recupero dopo un trauma cranico non può estendersi a tutti i bambini, specialmente quando si considerano funzioni cognitive più complesse. I ricercatori del Centro per BrainHealth hanno scoperto che alcuni bambini (anche uno su cinque) che hanno avuto una commozione cerebrale hanno dimostrato difficoltà comparabili a bambini con gravi lesioni cerebrali in abilità di ragionamento di ordine superiore, anche fino a due anni dopo l'infortunio. Interrompere questo sviluppo a causa di una commozione cerebrale può portare a problemi a lungo termine con l'elaborazione delle informazioni, la risoluzione dei problemi, il processo decisionale, il giudizio e il controllo emotivo. Questi deficit, se correttamente gestiti, possono essere in gran parte invertiti, dato un trattamento appropriato e tempestivo e un adeguato allenamento cerebrale, indipendentemente dal periodo di tempo trascorso dall'infortunio.
  • Sfrutta il potere della plasticità. Il cervello è la parte più modificabile di tutto il corpo e può crescere, cambiare, guarire ed essere allenato in salute o dopo l'infortunio. Il cervello è straordinariamente rigenerativo, ma è necessario un addestramento adeguato per sfruttare la sua intrinseca capacità di essere ricablato.
  • Non ci sono limiti di tempo. In precedenza si riteneva che la finestra per il recupero del cervello fosse al massimo un anno dopo l'infortunio; la mia ricerca ha dimostrato che il cervello può essere riparato mesi e anni dopo l'infortunio se vengono applicati i giusti interventi. Se un atleta subisce una commozione cerebrale, l'allenamento del cervello può massimizzare le prestazioni cognitive. In modo inaccettabile, le centinaia di migliaia di persone che hanno sofferto commozioni stanno vivendo con meno del loro valore personale, non rimbalzando al loro potenziale massimo e ad alte prestazioni.

Mi ispiro alle parole di un Navy SEAL con cui ho lavorato di recente.

"I progressi della medicina moderna, della scienza e della fisiologia degli esercizi hanno portato i nostri atleti a conquiste che dieci anni fa erano considerate impossibili. Ussan Bolt correva più veloce di qualsiasi essere umano vivo ai giochi olimpici. Mark Inglis ha scalato l'Everest su due gambe protesiche. Stiamo diventando più forti e più veloci, più lunghi e più alti che mai.

Ti rendi conto che il vincitore di una gara, sia fisica che mentale, è quello che ha sofferto più dolore nell'addestramento? I campioni del mondo sono quelli che accettano l'idea che, a prescindere dal costo, sacrificheranno tutto per vincere. I campioni vogliono essere campioni e i vincitori sono vincitori, indipendentemente da quello che stanno facendo in quel momento. Fino a che punto possiamo prendere la capacità del nostro cervello se ci concentrassimo effettivamente ad allenarlo come facciamo con i nostri corpi?

Il mio addestramento al Centro per BrainHealth mi ha insegnato molte cose. Uno, che chiunque possa pensare in modo più intelligente. Due, puoi unirti alla lotta più acuta di prima. Tre, nessuno più importante di questo, non fallirò, e posso essere migliore, più forte e più intelligente. Perché? Perché dipende da me, e ci riuscirò. "

Possiamo ottenere un bene molto più grande allenando il cervello in salute e riparando e riqualificando il cervello dopo le ferite – anche anni dopo l'infortunio che vietando gli sport. Gli sport di squadra offrono benefici positivi per le persone di tutte le età; gli sport di squadra sono un viale redditizio e un terreno di allenamento per socializzazione, divertimento e importanti lezioni di vita. Lo sport può essere una delle attività più importanti per promuovere l'attività fisica e contrastare la vulnerabilità e il rischio di dipendenza che sta diventando fin troppo comune nella prima adolescenza. La conversazione che circonda commozioni deve cambiare da uno di paura, doom e tristezza a uno di resilienza, recupero, sicurezza e speranza.

Solutions Collecting From Web of "Affrontare le ferite alla testa in atleti di tutte le età"