Affrontare le decisioni di trattamento

Una mia paziente, Leslie, ha avuto una grave colite ulcerosa da bambino e si è sottoposta a una rimozione ileostomica del suo piccolo colon, per curare la condizione. Col passare del tempo, ha anche sviluppato problemi di diabete e reni insulino-dipendenti. Di fronte a una diagnosi di cancro al seno e allo spettro della mastectomia, ha detto: "Ecco fatto. Non sto facendo questo. "Dopo tutto quello che aveva passato, era pronta a chiamarlo un giorno. Ho fatto notare che la scelta non era "nessun tumore al seno, per favore". Non poteva semplicemente saltare giù dal treno in movimento e fingere che tutto fosse a posto; non fare qualcosa era, infatti, fare qualcosa. Così tornò dal chirurgo del seno, che raccomandò la lumpectomia, un'opzione con cui poteva convivere.

Un altro paziente, il signor Lee, 86 anni e con urgente bisogno di dialisi, ha anche detto "No grazie." Mentre la sua situazione può sembrare molto diversa da quella di Leslie – era anziano, e la dialisi avrebbe solo sostenuto la sua vita, non lo avrebbe curato anche lui è venuto a vedere un frammento di possibilità e spera di andare avanti con il trattamento.

Cosa aiuta qualcuno a dire "sì" e andare avanti? Con la malattia cronica, il lavoro è trovare un punto di crescita e negoziare il prossimo pezzo di vita. Ho sentito spesso dire ai miei pazienti: "Non potrei mai affrontare …" – (riempire il vuoto: dialisi, chemio, amputazione, colostomia, trapianto, bypass). Ho anche visto queste stesse persone affrontare quello che hanno detto di non poter mai affrontare e fare quello che hanno detto che non avrebbero mai fatto.

Credo che la relazione medico-paziente possa aiutare a spostare qualcuno verso una procedura potenzialmente salvavita o un intervento offrendo speranza e ottimismo. (Proprio come il pessimismo segreto o il giudizio di un medico – una sottile pressione per firmare un DNR, l'ordine di non rianimare, per esempio – può minare la speranza). Dico sempre ai miei pazienti con malattia renale allo stadio terminale (ESRD) che stanno affrontando la dialisi che possono sempre provarlo e poi cambiare idea. Un problema con ESRD è l'uremia, un accumulo di tossine nel sangue che colpisce l'umore e la cognizione; le persone i cui reni stanno fallendo letteralmente non riescono a immaginare di sentirsi meglio. Riportano "tornare alla vita" mentre le tossine lasciano i loro corpi. Un "sì" – anche un sì provvisorio – apre la porta a più tempo, e il tempo può portare ad accomodamento, adattamento, accettazione e crescita.

Alcuni non possono o non possono ospitare. Ci sono pazienti il ​​cui senso del significato e della vitalità dipendono da un certo livello di funzione e che rifiutano risolutamente i limiti imposti dalla dialisi, o le difficoltà che la chirurgia o la chemioterapia comportano. Credo che le persone abbiano diritto alle loro scelte; le persone sono chi sono Ma "Non potrei mai" a volte può trasformarmi in "forse posso", con un certo sostegno e incoraggiamento. Un sì ​​può creare opportunità per più vita. Come i fari nell'oscurità che illuminano un po 'la strada, il trattamento fa luce su qualunque cosa succeda. Nuove esperienze, inimmaginabili dal punto di vista del "prima", sono possibili "dopo".

Solutions Collecting From Web of "Affrontare le decisioni di trattamento"