Affrontare la mortalità e essere felice

Fotolia_65339219_XS copy
Fonte: copia Fotolia_65339219_XS

Durante una vacanza in Perù, il Monastero di Lima di San Francisco, iniziato nel 1675, e le catacombe sottostanti mi affascinavano. Lì sono seppellite circa settantamila persone, nessuna con nessuna identificazione. Tutte queste migliaia di persone sono solo migliaia e migliaia di ossa e teschi, senza nome nella morte.

L'anonimato di coloro che sono sepolti nelle catacombe riguarda i nostri pensieri sulla morte o, piuttosto, ciò che ci rifiutiamo di affrontare riguardo alla morte. Molti di noi fingono di vivere per sempre e di essere ricordati altrettanto a lungo. La morte non verrà per noi, pensiamo. Ma la verità è che sarà per tutti noi. E col tempo, anche noi saremo dimenticati, proprio come quelli sepolti sotto il Monastero di San Francisco. Saremo messi a terra, forse cremati, e alla fine non ci sarà nessuno attorno a chi si ricorda di noi. Eppure quella verità assoluta è qualcosa che difficilmente accettiamo. Questo è particolarmente vero quando siamo molto giovani. I giovani hanno un senso di invincibilità; sentono che nulla può danneggiarli e vivranno per sempre. Poi, quando invecchiamo e qualcuno vicino a noi muore, ci rendiamo conto di essere vulnerabili. Ma ancora, il pensiero della morte rimane distante, non qualcosa a cui vogliamo pensare troppo profondamente.

Nel mio parlare con la gente della fine della loro vita, ho imparato la maggior parte di fronte alla morte con la sensazione che non dovrebbe accadere a loro. La mia visita alle catacombe di Lima mi ha ricordato che la morte è un fatto per tutti noi. Anche in due o tre generazioni, saremo dimenticati. Quanti di noi possono tornare indietro più di quattro generazioni e dire molto dei nostri antenati? A meno che non fossero famosi, non li ricorderemo o non sapremo delle loro personalità. Anche coloro che sono ben noti un giorno entreranno nell'oblio.

La verità è che moriremo e affrontare questo, credendo veramente in ciò, è utile per quanto riguarda la felicità. Ci costringe a guardare come stiamo vivendo e lo mettiamo nella prospettiva del nostro tempo limitato sulla Terra. Stiamo vivendo le nostre vite bene? Anche se nessuno ci ricorda, anche se moriamo domani, come stiamo vivendo adesso?

Tendiamo a dire, "Se vivo la mia vita bene e sono ricordato da altre persone, allora ho fatto bene perché ho fatto la differenza." Ma tra tutti quei settantamila esseri umani le cui ossa erano nel monastero di San Francisco, nessuno di loro ha una storia da raccontare. Oggi, non c'è nulla da ricordare nessuno di loro. Potevano essere delle madri magnifiche, potevano essere dei superbi poeti, potevano essere dei leader di livello mondiale, ma nessuno è più ricordato. Quindi, invece di pensare che dovremmo fare le cose con le quali saremo ricordati, dovremmo scegliere un altro modo di vivere le nostre vite.

Diciamo che non saremo ricordati da nessuno. Che cosa abbiamo allora? Quello che abbiamo è la capacità e la scelta di vivere bene ora. Se viviamo bene ora, se accumuliamo una bella vita di cui godiamo, troveremo la felicità nel qui e ora, anche se nulla viene ricordato di noi. Penso che questo sia un bel modo di vivere.

Certo, vogliamo prepararci per il futuro. Possiamo vivere per l'eternità; Ci credo ancora, ma non lo sappiamo. Tutto ciò che sappiamo è che possiamo vivere qui e ora bene. Questo è qualcosa che possiamo fare. Concentrarsi sul futuro – credere che vivremo per sempre o nella prossima vita – ci impedisce di vivere bene oggi. Penso che sia il motivo per cui così tante persone lottano, perché dimenticano che questo è tutto ciò che abbiamo. Questa vita, questo momento è l'unica garanzia che abbiamo perché domani il dottore potrebbe dirci che abbiamo solo poche settimane di vita. Domani un autista ubriaco può ucciderci. Domani, il nostro mondo potrebbe finire. Ma OGGI in questo momento, siamo vivi, e se davvero crediamo che moriremo, quanto meglio possiamo vivere oggi? Possiamo vivere molto meglio. Quando teniamo davvero alla verità che la vita non durerà per sempre, possiamo crederci e assaporare ogni momento. Penso che questo sia il dono della morte. La morte può ricordarci di vivere bene oggi. Quando dimentichiamo, lottiamo. Quando dimentichiamo, ci aggrappiamo alle paure e alle ansie, alle speranze e ai sogni che ci impediscono di vivere qui e ora bene. L'unica cosa che è garantita è che questa vita sul pianeta Terra finirà, e non ci sta facendo del bene a non pensarci.

Un approccio migliore è quello di svegliarsi ogni mattina, dicendo che questo potrebbe essere l'ultimo giorno in cui dobbiamo vivere, e quindi, durante il giorno, apprezzare ogni momento di ogni esperienza. Possiamo dire che il pasto che stiamo mangiando potrebbe essere l'ultimo che mangiamo, la nostra conversazione con i nostri figli potrebbe essere l'ultima volta che li vediamo, le gocce di pioggia che colpiscono le finestre potrebbero essere l'ultima pioggia che sentiamo mai. Quando lo facciamo – e possiamo farlo in modo coerente – riempiamo le nostre vite di gioie e felicità che superano qualsiasi forma di comprensione perché vivremo pienamente, sapendo che la nostra vita potrebbe passare.

Ho incontrato molte persone con diagnosi di malattie incurabili e mi hanno detto che hanno iniziato a vivere quando sapevano che stavano per morire. Anche noi possiamo vivere bene se accettiamo che moriremo. Non sappiamo quando potrebbe venire la morte. Potrebbe essere oggi. Certo, ci prepariamo ancora per il futuro, ma dovremmo anche vivere ogni giorno come se fosse l'ultimo perché potrebbe esserlo. Conosciamo tutti persone che sono morte improvvisamente senza preavviso. Se iniziamo a vivere come se ogni giorno fosse l'ultimo, scopriremo che è molto difficile essere ansiosi per il futuro o sentirsi depressi se questo è tutto ciò che abbiamo e lo adoriamo. Invece di aggrapparci alla fama, alla fortuna o alle cose che non abbiamo, celebriamo ciò che abbiamo. Forse non siamo con l'amore della nostra vita, ma possiamo celebrare ciò che abbiamo, come la bellezza intorno a noi, i buoni amici nelle vicinanze o la natura. Sia che siamo finanziariamente di successo o no, non importa perché ci rendiamo conto se non stiamo vivendo bene oggi, quindi non stiamo vivendo.

Possiamo avere il mondo intero ed essere infelici. E non possiamo avere ancora niente di estremamente felice se viviamo bene in questo momento. Vivere pienamente in questo momento è uno dei fattori chiave della felicità. Se riusciamo a ricordare che questo potrebbe essere l'ultimo giorno in cui vivremo, vivremo meglio e felicemente per tutto il giorno, indipendentemente dal fatto che sia l'ultimo. Tutti possiamo vivere una vita bella se viviamo come se fosse l'ultimo di oggi.

Solutions Collecting From Web of "Affrontare la mortalità e essere felice"