Affrontare la malattia cronica e il dolore? Il suggerimento n. 1 che ho trovato

Perché soffro di dolore cronico? È una domanda con cui ho lottato per anni. Sono stato a chirurghi che mi hanno detto che potevano curarmi, quindi ho seguito quella strada: due interventi chirurgici, uno cervicale e uno lombare. Ho avuto un medico di fama mondiale che mi ha detto che avevo la sindrome di presa toracica (vedi questo delizioso post di mio marito). Ho avuto un medico di medicina fisica che mi diceva che avevo troppo poco muscolo tra le scapole e avevo bisogno di allenarmi di più. (Beh, sono più forte ma ho ancora dolore.) Ho provato la terapia fisica. Ho provato il massaggio. Ho preso integratori e provato l'agopuntura.

Inoltre, essendo lo psicologo che sono, ho esplorato ogni aspetto mentale di questa cosa del dolore. Sono stato a terapeuti e psichiatri. Ho letto libri che dicevano che avevo bisogno di liberare un po 'di rabbia. Ho imparato a meditare e a gestire il mio stress. Mi aggrapperò a una teoria, solo per trovarne un'altra, e inseguirò quella come un cane che insegue un coniglio. È estenuante e non molto produttivo.

Un giorno, stavo vivendo un periodo particolarmente difficile e il ruminating cominciò. Perché sono più sofferente oggi? Mi sono seduto troppo a lungo in una posizione? Ho scritto troppo? Ho lavorato troppo duramente? Sono stressato per qualcosa?

Ho cercato di distrarmi dalle mie preoccupazioni navigando su Internet, e mi sono imbattuto nel libro, Chronic Resilience: 10 Sanity Saving Strategies for Women Coping with the Stress of Illness di Danea Horn. Grazie alla funzione "Cerca dentro" di Amazon, sono stato in grado di leggere parte del primo capitolo. Era così quello di cui avevo bisogno!

L'autore ha una condizione di salute cronica e ha attraversato una ricerca dell'anima simile. Scrive: "Ho cercato nella mia psiche sentimenti e pensieri che dovevano essere guariti. Ho pregato per accrescere la mia fede … Ho letto libro dopo libro, fino a quando ho avuto una libreria riempita da cima a fondo con le risposte, nessuna delle quali sembrava miracolosamente aggiustare ciò che avevo immaginato come rotto. "Anni dopo si chiese," Perché sono ancora trattare con la stessa merda con cui ho avuto a che fare per anni? "(mi riferisco davvero a questa domanda!)

Poi l'ha colpita. La risposta è stata semplice: si è resa conto che era umana. Veniamo in questo mondo con corpi che possono ammalarsi, provare dolore e alla fine morire. Facciamo qualsiasi cosa per resistere a queste verità. Vogliamo pensare di avere più controllo di noi. Scrive: "Ogni pagina in cui ho girato tutti quei libri era una ricerca su come uscire dall'essere umano."

Ho anche riletto e intervistato che ho fatto con Toni Bernhard, l'autrice del pluripremiato How to Be Sick , e il suo nuovo libro, How to Wake Up . Lei disse:

"Non è colpa nostra se abbiamo problemi di salute. Siamo nei corpi e si ammalano e feriscono. Accadrà a tutti. Questo è come sta accadendo a noi. Ho avuto così tante persone che mi scrivono e dicono che la cosa più importante che hanno ottenuto dal mio libro è stato di abbandonare l'auto-colpa e perdonare se stessi per essere malati o sofferenti ".

Certo, lo so. Sì, sono umano. Siamo tutti umani. Ma in qualche modo, leggendo le parole di questi autori ispiratori, mi ha colpito in modo profondo. Non ho causato questo . Un giorno non mi sono svegliato e ho detto: "Ehi, penso che trascorrerò i successivi sette o otto anni andando dai dottori, avendo interventi chirurgici e assumendo pillole." Penso che molto peggio del dolore è stata la messa in discussione della mia sanità mentale.

Danea scrive nel suo libro, Chronic Resilience, che l'idea non è che non abbiamo alcun controllo. L'idea è di lasciar andare chiedendo "Perché?" E concentrarsi invece su "Cosa posso fare che sia utile?" E per me, penso che tutta questa analisi sia andata troppo oltre. La prossima volta rimango bloccato in un sollievo preoccupato chiedendo "Perché?" O "Che cosa ho fatto?", Mi dirò gentilmente, "Ehi, non hai fatto niente di sbagliato. Hai già la risposta. Sei umano. "

Ahhh. Per usare le parole di Danea, posso sentire "tutte le cellule del mio corpo emettono un sospiro collettivo di sollievo".

Teniamoci in contatto!

Unisciti a me su Twitter e Facebook.

Scrivo anche a The Self-Compassion Project.

Sono il co-autore di Dying of Embarrassment , Painfully Shy e Nururing the Shy Child . Morire di imbarazzo: è stato trovato che l' aiuto per l'ansia e la fobia sociale è uno dei libri di autoaiuto più utili e scientificamente fondati in uno studio di ricerca pubblicato su Psicologia professionale, ricerca e pratica. Ho anche partecipato al premiato documentario PBS, Afraid of People . Io e Greg siamo anche co-autori di Illuminating the Heart: Steps To More Matrimonio Spirituale.

Foto di Tavallai via flickr

Solutions Collecting From Web of "Affrontare la malattia cronica e il dolore? Il suggerimento n. 1 che ho trovato"