Affrontare il trauma può essere una buona terapia

Sono stato un po 'scettico sull'uso di una terapia espositiva prolungata per il trattamento del disturbo da stress post-traumatico. Rivisitare un trauma ripetutamente per diventare abituato a farlo sembra in teoria, ma deve essere una sofferenza per i veterani già traumatizzati da quegli eventi.

Quindi sono stato lieto di partecipare a un gruppo di esperti in una conferenza, Prevenire e curare le ferite invisibili della guerra: trauma da combattimento e lesioni psicologiche, presso il Centro per l'etica e lo stato di diritto dell'Università della Pennsylvania. Presenta la dottoressa Edna Foa, la professoressa di psicologia clinica che ha inventato la terapia.

Courtesy Major Evan Seamone
Da sinistra a destra il colonnello Charles Hoge in pensione, il massimo esperto dell'esercito in PTSD; Dr. Stephen Xenakis di Physicians for Human Rights; Eric Newhouse; Dr. Edna Foa; e moderatore Dr. Claire Finkelstein, direttore del Centro per l'etica e lo stato di diritto di Penn Law.
Fonte: Courtesy Major Evan Seamone

La terapia del PE è stata accettata sia dagli psicologi militari che dall'amministrazione dei veterani, e Foa ha insistito sul fatto che è efficace nel trattamento del DPTS. Finora, circa 1.300 professionisti della salute mentale sono stati formati in PE, ha detto.

Ha citato statistiche che mostrano che l'1,8% degli uomini nella popolazione civile ha il DPTS rispetto al 5,2% delle donne, il 9% dei veterinari del Vietnam e il 20% dei veterinari iracheni / afghani. Non c'è una vera spiegazione per la differenza tra i due gruppi di veterinari tranne che il PTSD non è diventato un disturbo diagnosticabile fino al 1980, 5 anni dopo che la guerra in Vietnam era giunta al termine.

Ha notato che il tasso di suicidio militare, che era tradizionalmente inferiore al tasso civile, è quasi raddoppiato durante la guerra tra Iraq e Afghanistan, superando il tasso civile nel 2010. Un membro del servizio si uccide quasi ogni giorno, ha aggiunto, mentre i veterani maschi hanno il doppio delle probabilità di suicidarsi come uomini nella popolazione generale

Poi Foa ha affrontato il trattamento, che a suo dire è probabile sia una terapia prolungata di esposizione (PE) o una terapia di elaborazione cognitiva (CPT) nelle forze armate e nel VA.

L'EP coinvolge ripetute rivisitazioni e racconti di ricordi traumatici che sono altrimenti evitati perché causano così tanto dolore. Dopo aver ricordato i traumi, c'è un periodo di elaborazione, compreso un riconoscimento dei cambiamenti di percezione che potrebbero essersi verificati di conseguenza. I terapeuti si concentrano sulla paura e sull'ansia, ma anche sulla vergogna, sul senso di colpa e sulla rabbia. Una seconda parte del trattamento si sta avvicinando alle situazioni che il veterinario ha evitato di mostrare che sono al sicuro in un mondo post-combattimento.

Il CPT comporta il cambiamento del pensiero di un veterinario in quattro modi principali: conoscere i sintomi di PTSD, diventare consapevole di pensieri e sentimenti, capacità di apprendimento per aiutare a mettere in discussione o sfidare i sentimenti e comprendere i cambiamenti di convinzione che si verificano comunemente dopo aver subito un trauma.

Entrambe le terapie possono richiedere da 10 a 12 sessioni – o più, a seconda della gravità e del numero dei traumi.

Foa ha citato uno studio del 2007 su 284 veterinari che mostravano una gravità del PTSD scesa dall'80 percento sulla scala PCL al 50 percento dopo il trattamento con PE. PCL è un elenco self-report di 20 item che misura i 20 sintomi del PTSD elencati nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5), pubblicato dall'American Psychiatric Association.

Ha anche citato uno studio del 2013 su 1.931 veterinari che sono stati trattati dal VA che ha mostrato un 62,4% di miglioramento significativo di almeno 10 punti rispetto ai punteggi basali di PCL, con il 49% sotto la soglia di 50 PCL per la diagnosi di PTSD.

La sua conclusione è stata che PE e CPT sono entrambi più efficaci della semplice consulenza, sebbene abbia notato che alcuni studi hanno dimostrato che il personale militare non ha fatto altrettanto.

"Alcuni esperti suggeriscono che i traumi militari comprendono più ferite morali che traumi civili", ha detto uno scivolone nel suo powerpoint. "La lesione morale è associata a PTSD più grave e al suicidio".

In una parte, Foa mi ha detto che non credeva che il concetto di danno morale fosse particolarmente utile.

Ha anche affrontato il problema di infliggere troppa sofferenza emotiva ai pazienti in un documento pubblicato lo scorso anno sulla rivista Cognitive and Behavioral Practice .

"Una preoccupazione che alcuni clinici potrebbero avere nel fornire l'EP è un eccessivo coinvolgimento del paziente, che è un disagio emotivo eccessivo derivante dall'esposizione immaginaria", ha scritto. "Alcuni pazienti possono inizialmente avvertire un significativo disagio nel rivedere la loro narrativa sul trauma. Se si verifica un eccessivo coinvolgimento, i medici possono modificare le procedure di esposizione per aiutare i pazienti a rimanere a terra mentre descrivono i loro traumi ".

Ciò nonostante, ha detto che l'abbandono del paziente era solo del 20 percento circa, lo stesso delle altre terapie.

Maggiori informazioni su questo nel nostro prossimo blog.

Solutions Collecting From Web of "Affrontare il trauma può essere una buona terapia"