Affrontare i sentimenti

" Minimizza l'inibizione degli affetti … Massimizza gli affetti positivi … Riduci gli effetti negativi ."

– Silvan Tomkins

Affrontare i sentimenti

Negli ultimi mesi, abbiamo esplorato i sentimenti innati primari con cui gli esseri umani nascono: cosa sono, come funzionano e come si sviluppano nella nostra vita emotiva più complessa.

Questo mese discuteremo come la comprensione di questi primi sentimenti si traduce in "affrontare i sentimenti".

Abbiamo dimostrato che gli esseri umani nascono con un sistema affettivo, un sistema di sensazioni. Nei neonati, questo sistema comporta risposte a vari stimoli interni ed esterni. È visto nelle specifiche espressioni facciali, vocalizzazioni e movimenti corporei dei bambini. Con l'età, l'esperienza e l'apprendimento, questo processo si trasforma nella nostra vita emotiva più complessa.

La domanda è: come possiamo usare queste informazioni? La comprensione di questa embriologia dei sentimenti può aiutarci con lo sviluppo di neonati, bambini, adolescenti e adulti? Può aiutarci a comprendere il nostro mondo emotivo interiore? E può aiutarci con il nostro mondo emotivo esterno, cioè le nostre relazioni e abilità interpersonali?

La teoria degli affetti offre tre luoghi importanti per migliorare lo sviluppo.

I. Consentire un'espressione piena e ragionevole di tutti i sentimenti –
"Minimizza l'inibizione affettiva"

Il termine tecnico per promuovere l'espressione dei sentimenti è "minimizzare l'inibizione degli affetti" (Tomkins, 1991).

L'obiettivo qui è la comunicazione, sia con il mondo esterno che con il mondo interno (autocomprensione).

Iniziamo con il mondo interno.

Comunicazione con il mondo interno
Incoraggiare l'espressione dei sentimenti – "minimizzare l'inibizione degli affetti – implica anche la comunicazione con il nostro mondo interno, cioè la nostra comprensione di noi stessi e di come ci sentiamo. Se i genitori e i tutori consentono la ragionevole espressione verbale dei sentimenti del bambino, i bambini capiscono che i loro sentimenti sono legittimi, accettabili e di valore. Se l'espressione di alcuni sentimenti, ad esempio angoscia e rabbia, sono inibiti o scoraggiati, i bambini perdono il contatto con i loro sentimenti reali e il loro io interiore. Alcuni sentimenti possono essere sottoposti a repressione e causare vari sintomi. E i bambini perdono l'opportunità di imparare come esprimere i propri sentimenti in modi socialmente utili.

Comunicazione con il mondo esterno
Come hanno suggerito Darwin (1872) e Tomkins (1991) e altri, gli affetti forniscono sia comunicazione che motivazione. Esprimere sentimenti permette al bambino di comunicare con l'ambiente esterno, i genitori, i badanti e così via. Incoraggiare l'espressione dei sentimenti permette anche al bambino di capire meglio il proprio mondo interiore. Questo ha enormi vantaggi: questo processo trasmette al bambino che va bene "sentire i propri sentimenti", qualunque essi siano.

Si riferisce all'importanza di permettere ai tuoi figli di sentire ed esprimere i loro sentimenti. Ancora una volta, i comportamenti sono causati dai sentimenti. Per capire il comportamento del tuo bambino, è necessario capire che cosa sta provando.

Una delle peggiori massime da fare prima del 20 ° secolo per lo sviluppo di bambini e neonati era "I bambini devono essere visti e non ascoltati". Questo è completamente contrario al miglioramento della comunicazione tra bambini e genitori e alla fine aiuta il bambino a socializzare.

I neonati e i bambini preverbali esprimeranno i loro sentimenti attraverso espressioni facciali, vocalizzazioni e movimenti corporei. A volte gorgogliano, sorridono, allegramente squittiscono e saltano intorno eccitati – mentre esprimono interesse e divertimento. Inoltre mordono, scalciano e urlano a volte; questi comportamenti riflettono anche i sentimenti, solitamente angoscia e rabbia.

Alcune di queste espressioni richiedono un aiuto nella socializzazione, in altre parole, una forma di modulazione o contenimento da parte del genitore. "Posso vedere che sei eccitato, ma abbassiamo il volume e usiamo la voce interna, per favore." "So che sei arrabbiato, ma non mordere, per favore, forse colpisci questo cuscino se hai davvero bisogno di sfogarti."

Si cerca di consentire l'espressione di tutti i sentimenti, positivi o negativi. Inoltre, anche con i bambini preverbali, si continua a tradurre i sentimenti e si mettono i sentimenti in parole per il bambino, vale a dire etichettare i sentimenti. "Ti sentivi spaventato quando quel cane arrivò di corsa." "Sei davvero interessato a quel fungo."

Il trucco sta permettendo alle espressioni, sia i sentimenti positivi (interesse e godimento) che i sentimenti negativi (angoscia, rabbia, paura, vergogna, disgusto, dissoluzione) e il mettere tutti in parole per il bambino.

Discuteremo più dettagliatamente la lingua in seguito, ma per ora chiediamo solo cosa ne è del bambino verbale, il bambino piccolo? Stessa cosa, eccetto che ci sono più probabilità che le parole siano coinvolte. "Adoro questo sandwich, mamma!" "Non voglio indossare quella maglietta, papà, non sono come te!"

I più piccoli esprimeranno i loro sentimenti sia nelle azioni che nelle parole. Le azioni possono essere simili a quelle del bambino preverbal: urlando eccitato, urlando, mordendo e così via. Le parole possono essere molto primitive: odio, no, stop e simili.

L'attività è duplice. Innanzitutto, consenti l'espressione di qualunque siano i sentimenti, aiutandoti con la modulazione e la regolazione a seconda delle circostanze. Secondo, traduci le azioni e le parole nei sentimenti e i sentimenti in parole.

II. Concentrati sui sentimenti di interesse e divertimento- "Massimizza gli affetti positivi"

La frase tecnica per questo è "massimizzare gli affetti positivi".

L'idea è questa: vogliamo concentrarci e migliorare i sentimenti di curiosità (interesse) e divertimento del bambino.

Iniziamo con interesse o curiosità. Spesso vogliamo imporre le nostre conoscenze e le nostre regole ai nostri figli, dopotutto, non vogliamo che facciano gli stessi errori che abbiamo commesso! Ma lo sviluppo del bambino è aiutato ancora di più dall'ascolto del nostro bambino – capire a cosa è interessato. Se possiamo aiutare il bambino a identificare e valutare ciò che la intriga, allora c'è una possibilità molto migliore che lei possa trovare professione e coniuge e hobby che sono giusti per lei.

Il piacere è legato all'interesse, quindi vogliamo che il bambino sorrida, ridi e giochi. Perché? Perché non solo avrà il senso di ciò che le piace e non gli piace – molto importante per le giuste scelte nella vita – ma il suo mondo interno tenderà più verso l'ottimismo e la speranza che non la paura, la vergogna e la rabbia.

I sentimenti di interesse e divertimento – e la sorpresa, se la sorpresa non è segnata da angoscia – costituiscono ciò che chiamiamo gioco. Il gioco è molto importante per i bambini, e un atteggiamento di giocosità, di divertimento e ottimismo, può fare miracoli per la felicità e il successo.

III. Partecipa ai sentimenti negativi – "Minimizza gli affetti negativi"

"Minimizzare gli effetti negativi (cause, non espressioni)" è la frase tecnica.

Ci sono diversi sentimenti negativi: angoscia, rabbia, paura, vergogna, disgusto e dissoluzione. Tutti questi sentimenti negativi sono segnali SOS – è come se la persona stesse dicendo: " Aiutami, per favore! Qualcosa è sbagliato! "La vita fornirà un sacco di colpi duri, quindi si corre sempre nei sentimenti negativi. Con un bambino che piange, si cerca di capire cosa c'è di sbagliato e fare qualcosa al riguardo.

Con i bambini piccoli, ha senso assistere alle cause di questi sentimenti negativi e aiutarli ad affrontarli. In questo modo, il bambino acquisisce l'idea che "l'aiuto è in arrivo" e può regolare meglio la sua tensione. Può gradualmente interiorizzare questa nozione che le cose andranno meglio: questo effetto calmante porta ad auto-lenitivo. Può anche imparare cosa serve per aiutare se stessa.

Quindi, se il bambino è angosciato, o arrabbiato (pensa a un disagio eccessivo), spaventato o umiliato, si cerca di capire e attenuare le cause. Ancora una volta, l'obiettivo non è quello di proteggere il bambino da tutte le frustrazioni e i dolori, che non possono essere fatti! Uno, tuttavia, vuole proteggere il bambino dal trauma.

È particolarmente utile cercare di evitare la paura e la vergogna come motivatori – in altre parole, si cerca di non spaventare o far vergognare il bambino in conformità comportamentale. La paura è una sensazione tossica e può essere traumatica. Se la situazione è pericolosa – la stufa calda – si possono spiegare i pericoli per il bambino senza terrorizzarlo. Il problema con l'utilizzo della vergogna è che erode l'autostima. Usare sentimenti positivi – interesse e godimento attraverso premi e lodi – è molto meglio per lo sviluppo psicologico del bambino che non usare la paura e la vergogna.

Nella vita adulta, si fa uno sforzo per identificare e comprendere le cause degli affetti negativi. Questo consente di apportare modifiche.

John Gedo (2005) ha ben descritto questo come uno degli aspetti principali della psicoterapia efficace: "Aiuta i pazienti a superare qualsiasi negazione della loro vulnerabilità allo stress" (p.168), identifica i problemi e poi apporta i necessari cambiamenti adattivi.

Questo modello, di nuovo, comporta angoscia e rabbia come problemi quantitativi. Cioè, l'angoscia è una stimolazione eccessiva. Vari risultati, che creano affetti positivi, spesso richiedono una capacità di tollerare lo stress e gli affetti negativi.

Punizione fisica

La punizione fisica di un bambino suscita esattamente i sentimenti che non si vogliono. In generale, si vuole suscitare interesse e divertimento. La punizione fisica suscita angoscia, rabbia, paura e vergogna.

La punizione fisica è un argomento complicato. (Ulteriori informazioni possono essere trovate nella Newsletter di agosto 2015, la Position Position della American Psychoanalytic Association e su paulholinger.com )

Discuteremo vari aspetti della punizione fisica (inclusa la ricerca) in una newsletter futura, quindi qui la noteremo specificamente in relazione alla nostra attuale discussione sulla gestione dei sentimenti.

Nella newsletter di questo mese ci siamo concentrati sui sentimenti universali incorporati con cui tutti gli esseri umani sono nati. Abbiamo descritto come il lavoro di Darwin, Tomkins, Ekman e altri abbia dimostrato che i bambini umani nascono con varie risposte agli stimoli. Questi chiamiamo sentimenti: interesse, divertimento, sorpresa, angoscia, rabbia, paura, vergogna, disgusto e dissoluzione.

Invecchiando, queste risposte si combinano con l'esperienza per formare la nostra vita emotiva più complessa. Abbiamo discusso quali sono i sentimenti, come funzionano e perché sono importanti, dopotutto i sentimenti causano comportamenti.

RIFERIMENTI PER I LETTORI INTERESSATI

APsaA Dichiarazione di posizione sulla punizione fisica

Darwin C (1872). L'espressione delle emozioni nell'uomo e negli animali. Terza Edizione, P. Ekman, ed., New York: Oxford University Press, 1998.

Gedo JE (2005). La psicoanalisi come scienza biologica: una teoria completa. Baltimora: The Johns Hopkins University Press.

Tomkins SS (1991). Affect Imagery Consciousness (Volume III): The Negative Affects: Anger and Fear. New York: Springer.

BUONE NOTIZIE! La Lituania è il 52 ° paese a proibire la punizione fisica in tutte le situazioni!

LIBRI DEL MESE

I bambini prendono su tutto: come lo stress dei genitori è tossico per i bambini
Autore: David Code
SC: Piattaforma di pubblicazione indipendente CreateSpace, 2011
Questo libro usa un linguaggio chiaro per discutere di processi come la regolazione delle tensioni e l'interiorizzazione che avvengono tra genitori e figli. L'autore sottolinea anche in linguaggio non tecnico l'importanza di lavorare per passare dagli affetti negativi (ad es. Angoscia, rabbia, paura, vergogna) agli affetti positivi (ad es. Interesse, divertimento) – cioè concentrandosi sul divertimento e sul gioco. Questo è simile al bel libro di Lawrence Cohen, Playful Parenting.

Altre menti: il polpo, il mare e le profonde origini della coscienza
Autore: Peter Godfrey Smith
New York: Farrar, Straus e Giroux, 2016
Questo libro intrigante esplora l'evoluzione dalle sue origini nel mare. È un bel libro di accompagnamento per il meraviglioso libro di Neil Shubin, Your Inner Fish: Un viaggio nella storia del corpo umano da 3,5 miliardi di anni.

Comprensione e trattamento della vergogna cronica: un approccio relazionale / neurobiologico
Autore: Patricia A. DeYoung
New York: Routledge, 2015
Questo è uno sguardo completo su vari aspetti della vergogna – teorico, evolutivo, clinico e vicino all'esperienza. L'autore parla della vergogna come un affetto e mostra anche come la vergogna sia un processo relazionale, a due persone – che può quindi diventare interiorizzato come parte del sé con conseguenze angoscianti. Come dice DeYoung: "La vergogna è un'esperienza del senso di auto-disintegrarsi in relazione a un altro disregolante" (p. Xiii, enfasi nell'originale).

Genitori attraverso la tempesta: trova aiuto, speranza e forza quando tuo figlio ha problemi psicologici
Autore: Ann Douglas
New York: The Guilford Press, 2017
Questo libro descrive bene varie questioni e strategie da considerare quando il bambino ha problemi e diagnosi psicologici.

Informazioni su Paul C. Holinger, MD, MPH

Il Dr. Holinger è Faculty, Analyst Training / Supervising (Child / Adolescent and Adult) e ex Dean presso l'Institute for Psychoanalysis di Chicago. È anche professore di Psichiatria al Rush University Medical Center di Chicago e fondatore del Center for Child and Adolescent Psychotherapy.

Il suo lavoro include articoli e libri sull'epidemiologia psichiatrica e sulla salute pubblica (compresi il suicidio, l'omicidio e le tendenze della popolazione nel tempo) e lo sviluppo del bambino e del bambino (compresi ciò che i bambini dicono prima di poter parlare ).

Solutions Collecting From Web of "Affrontare i sentimenti"