Affluenza: la psicologia della ricchezza

Non è del tutto chiaro chi abbia inventato il termine "Affluenza". Un documentario con quel titolo è apparso sulla televisione americana e i produttori hanno poi scritto un libro con il titolo. John De Graaf, David Wann e Thomas Naylor hanno quindi scritto un libro nel 2001 con il sottotitolo: The All-Consuming Epidemic. Copre i sintomi, le cause e il trattamento di Affluenza.

Definivano l'affluenza come "una condizione dolorosa, contagiosa, socialmente trasmessa di sovraccarico, debito, ansia e spreco derivante dalla perseguita ricerca di altro." Hanno concluso il libro con un'osservazione ironica che l'affluenza è l'unica malattia che possiamo causare spendendo meno soldi non di più

Nel suo libro Affluenza Oliver James, uno psicologo clinico britannico propose la seguente teoria: Aumentare l'affluenza in una società, in particolare dove è caratterizzata dalla disuguaglianza, porta ad un aumento dell'infelicità.

La tesi è che il capitalismo moderno fa soldi per la miseria. Incoraggia il materialismo, ma lascia un vuoto psichico. Il crescente stress emotivo delle persone in Occidente è una risposta alle società malate, disuguali e acquisitive. Proprio come "la dieta ti fa ingrassare", così "la vendita al dettaglio ti rende triste". L'affluenza è una "malattia dei ricchi", una corruzione del sogno americano.

L'affluenza deriva dall'affluenza più dall'influenza: i soldi ti fanno star male; il capitalismo e il consumismo sono ricette per la malattia. È una "malattia" dolorosa, socialmente trasmessa e altamente paradossale che è il risultato di una falsa promessa. L'affermazione è che ricchezza e successo economico portano alla realizzazione, mentre in effetti porta a una dipendenza dall'accumulazione di ricchezza e dall'incuria delle relazioni personali che sono la vera fonte di felicità.

L'affluenza è una dipendenza insostenibile e seriamente malsana alla crescita economica personale (e sociale). È molto acuto in coloro che ereditano ricchezza e sembrano non avere scopo, direzione o Super-io.

La tesi di Affluenza suggerisce che le persone si dimenticano di sentirsi meglio con se stesse o più sicure. Potrebbe essere una distrazione aiutarli temporaneamente a evitare altri problemi importanti. Può essere un'arma per esprimere rabbia o cercare vendetta. Potrebbe anche essere un vano tentativo di aggrapparsi all'amore di un altro. Potrebbe essere un balsamo usato per calmare te stesso o riparare il tuo umore. Potrebbe anche essere un tentativo di proiettare un'immagine di ricchezza e potere.

L'affluenza può anche essere un modo per cercare di inserirsi in una società ossessionata dall'apparenza. Allo stesso modo può essere una risposta a perdita, trauma o stress. Potrebbe essere il meno cattivo come essere dipendenti da alcol, droghe o cibo. Potrebbe anche essere un modo per provare a sentirsi più in controllo o a trovare un significato nella vita.

I dati per il libro Affluenza provenivano da interviste. La conclusione è che attribuire un valore elevato all'aspetto, alla fama, al denaro e ai beni personali porta a situazioni di disagio emotivo. Porta a un consumo eccessivo, "febbre di lusso", alienazione e automedicazione inadeguata usando alcol, droghe e acquisti per cercare di portare significato e soddisfazione. James sembra incolpare molti dei problemi delle società moderne: ansia, depressione, disordini alimentari, sofferenza emotiva, disgregazione della famiglia e farmaci sull'affluenza. Il vuoto e la solitudine che provano molte persone è perché hanno "scambiato" relazioni autentiche, genuine e intime per l'accumulo e il consumo di ricchezza.

Il vaccino per il virus è un cambiamento nello stile di vita, ma anche un cambiamento nella società. Attacca così la pubblicità che, a suo avviso, è mendace, fuorviante e sempre iperbolica. Crede che le riviste femminili siano il "lavoro dei diavoli". Approva le società che cercano di tenere a bada l'affluenza con leggi e tasse che aumentano l'uguaglianza.

La tesi non è nuova. Ci sono centinaia di testi e sermoni religiosi che condannano il cospicuo consumo e sostengono, quello che ora chiamiamo "down shifting". Molti hanno sostenuto che il materialismo porta a una mercificazione di noi stessi e spesso ci priva di ciò di cui abbiamo più bisogno. La tesi è stata proposta anche da pensatori politici, in particolare di sinistra, che hanno compiuto numerosi attacchi contro il "capitalismo egoista", l'ideologia delle forze di mercato liberali e il libero mercato.

Le critiche della tesi sull'affluenza sono state dure e molte. Il libro è stato accusato di essere poco più che sermonising, giornalismo sensazionalista, assurdità senza senso. Un libro fatto di fatto con un messaggio in altezza. Alcuni revisori hanno accusato l'autore di non avere familiarità con la ricerca che potrebbe sostenere e contestare la sua posizione, ma anche essere più spassionata, disinteressata e imparziale. È eccessivamente stridente su alcune questioni come l'educazione dei figli. Peggio ancora, fa una serie di proposte per una società più sana e più felice senza prove sufficienti del fatto che funzionerebbero davvero.

Sembra che tutti i mali moderni siano dovuti all'affluenza – dal falso senso del diritto all'incapacità di ritardare la gratificazione o tollerare la frustrazione; e dal lavoro-aholismo alla distruzione dell'ambiente. Alcuni hanno visto il libro poco più di una raccolta di aneddoti sui poveri piccoli ricchi.

C'è anche la domanda sulla causalità: la disuguaglianza sociale ed economica causa angoscia emotiva o viceversa? L'ineguaglianza stessa è cattiva: ma questo singolo fattore dovrebbe essere usato per spiegare tutto. Altre spiegazioni potrebbero anche essere avanzate come l'ascesa del liberalismo laico in opposizione alla fede religiosa o al relativismo morale e intellettuale.

Alcuni hanno attaccato le incoerenze nell'agenda politica di James oltre a seguire il sistema scandinavo. Di quanto intervento statale abbiamo bisogno e quanta legislazione per garantire alle persone aspettative più equilibrate e impiegare denaro in modi più appropriati.

Molti lo hanno accusato di una lettura selezionata e semplicistica dei propri dati. Lui sceglie sia le sue statistiche che i suoi casi studio.

Tuttavia la tesi del libro ha suscitato sufficiente interesse affinché le scuole introducano una guida per la discussione sull'affluenza con il seguente tipo di domande:

  • Shopping Fever: quanto spesso fai acquisti? E 'una ricreazione per te? Portate una lista di ciò che vi serve e seguitelo o fate acquisti d'impulso?
  • A Rash of Bankruptcies: sei mai stato seriamente in debito? Cosa hai fatto al riguardo? Conoscete persone che sono profondamente indebitate?
  • Aspettative gonfie: come pensi che le nuove tecnologie influenzino la tua vita? Pensi di dover stare al passo con computer più veloci e altre tecnologie? Perché o perché no?
  • Congestione cronica: scegli un prodotto che usi regolarmente e fai una "analisi del ciclo di vita" di esso – cioè, ricerca da dove viene, di cosa è fatto, per quanto tempo lo userai e dove finirà su.

Un problema importante e correlato è la preoccupazione di Poor Rich Kids: bambini di famiglie molto benestanti che sono psicologicamente svantaggiati. Non c'è carenza di libri scritti dai terapeuti sulla psicologia dell'affluenza e sui problemi che comporta.

Jessie O'Neill, una psicoterapeuta, nel suo libro The Golden Ghetto nota che la "classe moniata" spesso si trova in un "ghetto d'oro" in cui questo gruppo selezionato è separato dalla maggioranza. I bambini nel ghetto d'oro vengono isolati ed emarginati dalla maggior parte delle persone nella società. Possono sentirsi discriminati dagli altri invidiosi con cui si sentono a disagio. Descrive l'idea che l'affluenza è sinonimo di felicità come un "mito culturale persistente e pernicioso" (pagina 50).

O'Neill crede che le disfunzioni psicologiche dell'affluenza siano: assenteismo, genitori di maniaco del lavoro e sfiducia nei confronti degli altri – e queste possono facilmente essere tramandate. Altrettanto improvvisa ricchezza (acquisita per ereditarietà, vincite alla lotteria) può creare un falso senso di diritto, una perdita di motivazione e una crescente intolleranza alla frustrazione. Ereditare il denaro può danneggiare l'autostima, il valore e la fiducia perché non sono sicuri di averlo fatto da soli o se le persone li trattano in modo diverso a causa dei loro soldi. Non hanno mai saputo "Ci sono riuscito?" O "I miei soldi hanno acquistato successo?" E "Mi amano per quello che sono?" O "perché sono ricco", "È semplicemente un gigolò dopo i miei soldi?" o "È questo vero amore?" In effetti, la società è spesso molto ambivalente nei confronti del "benessere" esibizionista benestante, e quindi dei ricchi oziosi. Ci sono anche abbondanti prove di rabbia, invidia e risentimento verso i ricchi.

Sostiene che i fondatori di ricchezza familiare hanno una mentalità "mai sufficiente" che può riflettere elementi di dipendenza o compulsivi. È anche spesso guidato da un bisogno narcisistico di essere speciale.

Poveri ragazzini ricchi – una volta resi popolari dal fumetto Richy Rich – spesso riportano "bambini vuoti" con genitori scomparsi, un senso di mancanza di amore e bassa autostima. I loro privilegi speciali possono portare all'isolamento sociale ed emotivo di altri della loro età e quindi difficoltà a interagire con loro. Questo può portare alla vergogna. Una maggiore interazione con i tutori surrogati (tutor, baby-sitter) significa che spesso hanno problemi con l'identità personale. Non possono identificarsi con i loro genitori o raccogliere i loro valori e credenze. Provano un senso di abbandono emotivo o peggio, incesto emotivo in cui il genitore gratifica i loro insoddisfatti bisogni di intimità emotiva a spese dei bisogni del bambino e della sicurezza emotiva.

Quindi i bambini isolati e confusi sono facilmente inclini all'ansia e alla depressione a causa del vuoto che molti sentivano di essere privati ​​dell'attenzione dei genitori, della cura e dell'amore. Inoltre, secondo O'Neill (1999), poiché i bambini benestanti hanno così poca "sana frustrazione" e battute d'arresto e soddisfano i desideri più esperienziali e materiali, sviluppano aspettative non realistiche e una mancanza di responsabilità personale. Questo può portare alla sindrome del "perenne bambino". Di conseguenza sembrano molto poveri nel formare, mantenere e prosperare nelle relazioni intime.

La disparità finanziaria può portare a molti problemi di relazione. Il più conosciuto e accettabile sono i ricchi che hanno mogli trofeo. È più problematico per una donna che ha una grande ricchezza. O'Neill sostiene che i bambini ricchi si sentono colpevoli ma particolarmente vergognosi quando si rendono conto di quanti poveri ci sono. Le loro strategie di coping consistono nel donare ingenti somme in beneficenza o "escludere" i poveri dalle loro vite che ricordano loro la loro ricchezza. I ricchi non capiscono la causa del loro malcontento e si disconnettono a causa dei miti che circondano il denaro. Quindi proiettano o spostano i loro sentimenti di rabbia, risentimento e paura sugli altri, mettendo così a rischio relazioni salutari che riducono quella vergogna "le strategie per nascondere la ricchezza sono spesso sforzi inconsci per tenere a bada i sentimenti di vergogna" (p 151). Il denaro può essere uno strumento di umiliazione sia per chi non ce l'ha, sia per chi lo fa.

Di conseguenza O'Neill (1999) ha varie raccomandazioni per aiutare i bambini ricchi a sviluppare un'affluenza in piena regola:

Ridurre l'enfasi sugli aspetti esteriori (aspetto, proprietà, risultati) e rendere l'ambiente domestico accettante, solidale e desideroso di premiare l'unicità. Smantellare il falso senso del diritto. I bambini non devono sentirsi speciali, meritevoli e hanno diritto a tutto ciò che vogliono. Prendere in considerazione il ritardo della gratificazione e la capacità di tollerare la frustrazione. L'impazienza e le richieste di gratificazione immediata devono essere controllate. I bambini hanno bisogno di sperimentare e saper gestire la noia, la delusione e il fallimento. Diffuse ricche aspettative culturali e familiari di diventare sempre più ricchi, mantenendo viva la dinastia. Separare denaro e amore. Il denaro non dovrebbe mai essere un sostituto per amore e attenzione

De Graaf, J., Wann, D., e Naylor, T. (2001). Affluenza. San Fancisco: Berrett-Koehler

Furnham, A. (2014). La nuova psicologia del denaro. Londra: Routledge

James, O. (2007). Affluenza. Londra. Vermilllion

O'Neill, J. (1997). Il ghetto d'oro. Wisconsin: Progetto Affuenza

Solutions Collecting From Web of "Affluenza: la psicologia della ricchezza"