Affari rischiosi: la psicologia del pericolo di fronte

Li ammiriamo, li emuliamo e, a volte, purtroppo li commemoriamo – perché non tutti coloro che prendono il rischio sopravvivono al calvario di spingersi contro il baratro delle possibilità comportamentali.

A volte, come nel caso di un artista di alto livello tra grattacieli in equilibrio precario tra cielo e terra, si tratta di una sfida personale. Altre volte, quando un vigile del fuoco si immerge in un edificio in fiamme per salvare un bambino, le vite restano in bilico.

In entrambi i casi, noi umani possediamo una comprovata capacità di assunzione del rischio calcolata – e la psicologia comportamentale ci dice che sono spesso necessari componenti specifici del condizionamento mentale per aiutarci ad affrontare momenti di grave pericolo.

Si scopre che quando si tratta di assunzione di rischi, siamo spronati sia dal condizionamento comportamentale che dalla biologia evolutiva cognitiva.

Comportamento prima.

Chi di noi non ama il brivido di una sparatoria? Soprattutto quando la posta in gioco è alta. Vincere o perdere, tutto o niente. Rotoliamo i dadi e raccogliamo la nostra ricompensa, a volte. Se vinciamo, il più delle volte, rotoliamo di nuovo. E se perdiamo – avete indovinato – rotoliamo di nuovo comunque la maggior parte del tempo.

Questo perché un gioco di merda ci tiene quasi irresistibilmente attratti dalla sua stessa natura – e dalla nostra. I profitti sono imprevedibili, erogati in base a un programma di remunerazione variabile. Precisamente il tipo di programma che mantiene più fortemente qualsiasi comportamento appreso.

L'assunzione di rischi funziona nello stesso modo.

Non sappiamo mai se un determinato rischio stia per pagare. Non solo, ma l'assunzione di rischi ha anche un'altra forma di variabilità – una grandezza variabile di rinforzo – perché quando rischiamo, anche la posta in gioco varia. E ampiamente così.

Prendere rischi può rafforzare le alleanze o migliorare la posizione sociale agli occhi dei nostri compagni. Pensa a diplomatico o politico, campione di pugilato o pilota di auto da corsa vincente.

Inoltre, la biologia evolutiva dimostra che l'assunzione di rischi può essere uno strumento prezioso nel kit di sopravvivenza di qualsiasi specie sociale, come nel caso di vigili del fuoco, agenti di polizia o personale militare che spesso salvano vite attraverso azioni altruistiche e talvolta sacrificali.

Oltre ai programmi e alle grandezze variabili della ricompensa, il condizionamento mentale attraverso l'approssimazione – il progressivo e sistematico aumento dell'azione in una particolare direzione comportamentale – aiuta a spianare la strada alla volontà di correre rischi calcolati.

Attraverso la formazione continua, squadre di pronto intervento e personale militare diventano abili nello svolgere le loro mansioni in circostanze sempre più disastrose, finché non sono mentalmente pronti a rispondere alla chiamata al dovere praticamente a qualsiasi costo.

L'acquisizione di un condizionamento mentale così affilato può essere facilmente visto nel regime di addestramento degli animali che noi umani a volte reclutiamo per aiutarci nelle nostre iniziative più rischiose.

Per essere di massima efficacia, i calci laterali equini degli ufficiali di polizia montati, per esempio, devono essere gradualmente introdotti e desensibilizzati al tipo di condizioni che dovranno affrontare sul campo.

La stampa delle folle, ad esempio, viene simulata delicatamente aggiungendo in modo incrementale il numero di spettatori che assistono a simulazioni di scenari di risposta alle emergenze. All'inizio, gli astanti sono passivi, ma col tempo diventano sempre più irrequieti finché, alla fine, i cavalli della polizia montati riescono a funzionare in mezzo al caos di una rivolta. Lungo la strada, tali cavalli vengono avvicinati attraverso le loro prime risposte in preda al panico al fumo e al fuoco, rumori forti e persino gli effetti sorprendenti degli spari.

Durante il mio periodo come ex addestratore di delfini civili per la Marina degli Stati Uniti, un collaboratore di filosofia ha pensato una volta a voce alta sui potenziali limiti del condizionamento mentale. Ha chiesto se un delfino potrebbe mai essere addestrato a immergersi abbastanza profondamente per raggiungere un punto letale di non ritorno, superando il limite della sua capacità di trattenere il respiro.

Ho dovuto pensare per un momento. Ci sono stati incidenti mortali tra i subacquei liberi che trattenevano il respiro umano. Tra pugili e piloti di auto da corsa e artisti high wire. Ci sono stati sacrifici volontari tra vigili del fuoco e paramedici, agenti di polizia e personale militare. Dovevo concludere che ogni volta che la percezione di high stakes si combina con un condizionamento attento e sistematico, le nostre menti possiedono la sorprendente capacità di mettere ognuno di noi in pericolo.

Copyright © Seth Slater, 2016

Solutions Collecting From Web of "Affari rischiosi: la psicologia del pericolo di fronte"