Affari rischiosi: i nonni, l'assunzione di rischi e le cadute

Bill Morrow/Bungee jumping at Spring Fling/Flickr
Fonte: Bill Morrow / Bungee jumping a Spring Fling / Flickr

I lettori abituali della serie di blog Aging Brain, Ageing Body, sanno che l'ansia correlata alla caduta, o "paura di cadere", può aumentare la probabilità che una persona anziana subisca una caduta. (Se non hai letto questi post precedenti del blog, qui puoi trovare una panoramica dei fattori di rischio legati all'ansia). Tuttavia, come dettagliato nel post del blog del mese scorso, non è tutto negativo e negativo nel mondo delle cadute degli anziani. Sono attualmente in fase di sviluppo nuovi interventi che sperano di ridurre le cadute degli anziani attraverso il targeting di questa paura di cadere.

Sfortunatamente, l'ansia correlata alla caduta non è l'unico fattore psicologico che può aumentare il rischio di caduta degli anziani.

Mentre precedentemente trascurato, recenti ricerche suggeriscono che la propensione di un adulto più anziano a impegnarsi in comportamenti a rischio può anche aumentare la probabilità di cadere. In un eccellente studio presentato da Butler e colleghi (2015), l'assunzione di rischi fisici (misurata dalla larghezza e dall'altezza di una tavola di legno che il partecipante riteneva di poter attraversare in sicurezza) è stata confrontata con l'effettiva capacità di equilibrio. (Una rappresentazione visiva di questo setup sperimentale può essere trovata qui). I risultati hanno dimostrato che circa un quarto degli adulti più anziani mostrava un comportamento "a rischio", selezionando un percorso a piedi oltre la propria abilità fisica. In un follow-up di un anno, anche questi individui a rischio assumevano un più alto tasso di cadute.

Questa relazione tra assunzione di rischi e aumento delle cadute ha senso. Quando siamo giovani, abbiamo la necessaria capacità di equilibrio per compensare qualsiasi "comportamento rischioso", sia che camminiamo concentrandoci sui nostri telefoni cellulari anziché su dove stiamo andando, o attraversando la strada prima che le luci diventino verdi. Tuttavia, man mano che invecchiamo, le nostre capacità di equilibrio diminuiscono e c'è meno spazio per correre rischi "in sicurezza". Quindi camminare senza prestare attenzione al percorso a piedi può significare che l'adulto più anziano perde un rischio di inciampare. Tuttavia, a differenza delle loro controparti degli adulti più giovani, queste persone potrebbero non possedere più le capacità fisiche necessarie per eseguire il rapido passo reazionario necessario per riconquistare il loro equilibrio dopo questo viaggio.

La consapevolezza delle nostre capacità fisiche – sia i nostri punti di forza che le nostre debolezze – è fondamentale per garantire che selezioniamo l'azione appropriata durante la navigazione nel nostro ambiente ed evitare qualsiasi rischio non necessario. Ad esempio, prima di decidere quale percorso da percorrere selezioniamo – il percorso più breve, "rischioso" coperto dal ghiaccio, o il percorso più lungo, "sicuro", dobbiamo valutare le nostre capacità fisiche.

La ragione per cui alcuni adulti più anziani si impegnano in comportamenti a rischio potrebbe essere causata dall'incapacità di valutare accuratamente le loro capacità fisiche?

La ricerca indica certamente così. Rispetto ai giovani adulti (che di solito mostrano un "meccanismo di sicurezza" di sottovalutazione delle loro abilità di equilibrio fisico), gli anziani spesso sovrastimano ciò che possono ottenere in relazione al loro equilibrio. Questo modello di risultati è stato presentato per una serie di diversi compiti di bilanciamento, tra cui il raggiungimento di un oggetto o il superamento di un ostacolo (Lafargue, Noel e Luyat, 2013; Sakarai et al., 2013). È interessante notare che i dati presentati da Sakarai e colleghi (2013) suggeriscono che questa sovrastima potrebbe essere più comune negli anziani che sono caduti in precedenza. Presi insieme, questi risultati suggeriscono che gli anziani in generale possono non avere una consapevolezza del declino legato all'età nella capacità di equilibrio, con questa mancanza di consapevolezza più pronunciata nei soggetti adulti più anziani.

Che cosa significa questo per gli interventi volti a ridurre il rischio di caduta? Bene, queste scoperte suggerirebbero che gli interventi dovrebbero promuovere un ambiente che permetta al partecipante di valutare criticamente le proprie abilità di equilibrio – raccomandazioni supportate dal nostro intervento di exergame che verrà presto pubblicato.

Solutions Collecting From Web of "Affari rischiosi: i nonni, l'assunzione di rischi e le cadute"