Advocacy o privacy?

http://www.freeimages.com/photo/1417191
Fonte: http://www.freeimages.com/photo/1417191

Nel 1994, quando ero all'università, ho perquisito il World Wide Web per la prima volta. Ricordo ancora quella domanda mosaicata: condizioni di navigazione in Australia, a mezzo mondo lontano da Provo, nello Utah. La risposta? Un rapporto completo, che include previsioni del tempo, maree e condizioni delle onde. In quel momento, mi sentivo come se avessi vinto il biglietto d'oro per la fabbrica della conoscenza di Willy Wonka. Questo cambierà tutto , pensai. Non ho mai pensato ai troll.

Nel 1994, avevi dieci anni. Nessuno stava pensando a cosa significherebbe Internet per i bambini di dieci anni.

Nel 1996, quando ero studente alla UCLA, gli assistenti di insegnamento hanno affrontato un nuovo, scoraggiante requisito: l'orario d'ufficio virtuale. Il concetto era così misterioso e incompreso che alcuni dei miei compagni di studio organizzarono effettivamente delle proteste sindacali. Ma come una donna in attesa del suo primo figlio, ho visto invece il potenziale per lavorare da qualsiasi luogo, che al momento sembrava un assoluto schiacciante. Forse, con l'aiuto di un computer e di un modem dial-up, una madre poteva lavorare da casa, pensavo.

Nel 1996, avevi 12 anni. Probabilmente sei stato uno dei 75 percento degli studenti delle scuole pubbliche che utilizzavano Internet per i progetti di ricerca della scuola media quell'anno. In 20 anni, lavorare da casa o da qualsiasi altra parte, in questo caso, sarebbe normale.

Nel 2001, ero una giovane madre casalinga che giocava con i siti web di base in codice html, e un pensiero fugace mi passò per la mente: e se potessi creare un sito web per condividere foto e aggiornamenti dei miei due bellissimi ragazzi con la nostra famiglia e amici? Un progetto di editing di libri mi ha distratto, anche se l'idea non mi ha mai lasciato in mente.

Nel 2001, avevi 18 anni e ti sei diretto a un'esperienza di college molto diversa da quella che avevo un decennio prima. Infatti, l'American Psychiatric Association ha riferito che nel 2001 uno studente su dieci era dipendente da Internet. Un ricercatore ha spiegato i risultati come segue: "Il senso di sicurezza offerto dall'anonimato di Internet offre a alcuni studenti opportunità meno rischiose per lo sviluppo di relazioni virtuali." 1 (Ah, quel senso di anonimato!)

Nel 2007, mi sono iscritto a Facebook per poter giocare a Scrabble online con i miei fratelli. Ho subito capito che era la piattaforma perfetta per l'idea accantonata di condividere le foto e gli aggiornamenti dei miei quattro bellissimi bambini. Non ho mai pensato alla privacy. Perché qualcuno diverso dalle persone che conoscevo e di cui avevo fiducia desiderava guardare la mia pagina Facebook? Ho anche creato il mio blog, The Anarchist Soccer Mom. Mi piaceva l'idea di un forum anonimo dove potevo essere sincero riguardo le sfide (e le gioie) della genitorialità – e quelle sfide diventavano sempre più difficili mentre il mio secondo figlio non rispondeva ai trattamenti per i suoi comportamenti irregolari, che avremmo imparato (molto più tardi) sono stati causati dal suo disturbo bipolare. Temevo che la gente avrebbe saputo che ero io? Ovviamente no. Nessuno, allora o ora, legge il tuo blog.

Nel 2007, avevi 24 anni, la transizione verso l'età adulta che è stata modellata da un accesso illimitato a tutti i tipi di informazioni. Forse hai appena comprato il tuo primo iPhone, un dispositivo che ha trasformato non solo il modo in cui accediamo e condividiamo le informazioni, ma ha rimodellato la nostra intera cultura. La tua vita adulta è stata plasmata dalla conoscenza di questo strumento "rivoluzionario e magico" 2 , il computer onnisciente nella tua borsa. Prima di avere figli, hai avuto il tempo di provare sia la meraviglia che il terrore di questa nuova costante connessione a tutta la saggezza e all'ignoranza combinate dell'umanità.

40 mamme come me non avevano lo stesso lusso. I nostri figli erano giovani, o appena nati, quando tutta questa meravigliosa e terrificante nuova tecnologia si era scatenata su di noi. Negli anni '80, i genitori portavano con orgoglio le foto stampate dei loro bambini. Verso la fine degli anni 2000, abbiamo iniziato a pubblicare foto, a migliaia, dei nostri bambini online. Abbiamo sinceramente pensato che il pubblico di quegli album di Facebook fosse lo stesso del pubblico delle foto dei portafogli dei nostri genitori.

Nel 2012, quando hai avuto dei figli piccoli, lo sapevi meglio. Hai trascorso i tuoi primi anni da adulti guardando le persone fare cose stupide e diventare virali. Hai sperimentato, personalmente o indirettamente, l'estrema vergogna del pubblico che solo Internet può facilitare. E non volevi che i tuoi figli sperimentassero quel livello di vergogna pubblica, a ragione. Il bullismo su Internet è terribile, pervasivo e talvolta persino fatale. 3

Quindi hai creato una nuova parola per descrivere le tue critiche alle mamme di 40-qualcosa che stavano costantemente postando sui loro figli: il brigantaggio. E hai creato un nuovo comandamento della giustizia della mamma: "Non scrivi sui tuoi figli online".

Nel 2012, in un interstizio straziante di una tragedia personale molto pubblica, ho condiviso una dolorosa storia sulla mia famiglia sul mio blog anonimo. Poi, dopo una lunga conversazione con un amico intimo, ho deciso di permettergli di ripubblicarlo, con il mio nome allegato. La mia rivelazione che mio figlio aveva una malattia mentale e non sapevamo come aiutarlo è diventato l'Allegato A in più di un saggio sull'eccesso di parenti dei genitori. Ad esempio, nel 2013, Phoebe Maltz Bovy ha descritto il mio saggio "I Am Adam Lanza's Mother" come "la versione più stravagante di un genere popolare: la condivisione parentale". 4

All'indomani del mio post sul blog virale, ho riflettuto a lungo sulla privacy dei miei figli e ho apportato alcune modifiche significative al modo in cui pubblico cose sui miei figli sui social media. Non uso mai i loro nomi ora. Penso attentamente al contenuto di qualsiasi messaggio che li riguarda e utilizzo le impostazioni sulla privacy per limitare l'accesso alle persone che possono vedere ciò che pubblico. Anche se adoro Instagram, cerco di assicurarmi che i volti dei miei figli non siano visibili nelle immagini che condivido lì.

Ma mi rifiuto assolutamente di smettere di parlare delle lotte della mia famiglia con la malattia mentale. Nel caso di malattie mentali o di qualsiasi malattia, l'advocacy supera la privacy.

Ogni genitore scrive fatica a parlare dei suoi figli. Emily Bazelon ha prescientemente assunto questo argomento nel 2008. Chiedendosi se le sue rivelazioni sulle vite dei suoi figli violassero la loro privacy, ha chiesto, "Dovremmo chiudere tutti i nostri laptop quando i nostri figli impareranno a parlare?" 5

In risposta alla sua domanda, un blogger onesto le disse che "per lo più vedevo il mio tormento per l'etica della scrittura sui miei figli come il risultato dello stesso impulso narcisistico che ci spinge a scrivere delle nostre famiglie in primo luogo. Perché alla maggior parte della gente non interessa quello che scriviamo. '"

Questo è un fatto. Se scrivi dei tuoi figli o pubblichi le loro adorabili foto sui social media, la maggior parte delle persone non leggerà ciò che scrivi. E il tuo pubblico previsto – amici e familiari della vita reale – apprezzeranno probabilmente i tuoi post e si sentiranno più connessi a te. Non vedo come questo sia più dannoso per i tuoi figli e la loro privacy di una lettera di vacanza annuale, e quelli sono stati in giro per un po '.

Ma capisco anche i difensori della privacy che si preoccupano di cosa succede se le persone leggono effettivamente ciò che scrivono. Molte persone hanno letto quello che ho scritto su mio figlio il 14 dicembre 2012. Più di quattro milioni, in effetti.

La mia lamentela principale con persone che mi usano come esempio di oversharing è abbastanza semplice: tutti sostengono che ciò che ho scritto su mio figlio è stato dannoso per lui o per il suo futuro.

E questo non è nemmeno vicino al vero.

Mi auguro che Abby Phillip del Washington Post mi abbia effettivamente contattato per discutere le conseguenze di ciò che lei chiama "overharenting" quando ha citato il mio blog. 6 Nel nostro caso, condividere la nostra storia ha avuto risultati più positivi che negativi. Perché ho parlato, mio ​​figlio ha ottenuto un trattamento efficace e ora è tornato in una scuola tradizionale con amici che stanno completamente bene con il suo disturbo bipolare. In effetti, loro – ed io – ammirano la sua auto-difesa e pensano di essere coraggioso per aver parlato e condiviso la sua storia. Siamo anche stati in grado di connetterci con una straordinaria comunità di sostenitori della salute mentale. Nessuno ci ha mai avvicinato al negozio e ha detto: "So chi sei. Sei quella mamma e bambino che ha parlato di malattie mentali dopo Newtown. Sei una persona orribile. "Non funziona in questo modo.

Google "supera il cancro infantile" e vedi se riesci a trovare le critiche delle madri che pubblicano sui loro figli che hanno il cancro sui social media. (Non potrei). Perché il mio presunto oversharing era potenzialmente dannoso per il futuro di mio figlio? Perché dovremmo vergognarci della sua malattia? O perché gli scrittori che mi criticano ignorano la malattia mentale?

Vorresti sapere cosa è realmente dannoso per mio figlio e per il suo futuro?

  1. La spaventosa mancanza di accesso all'assistenza sanitaria mentale per bambini e famiglie.
  2. La decisione della nostra società di mandare in carcere bambini e adulti con malattie mentali.
  3. Lo stigma che perpetuiamo quando rispondiamo con simpatia a una mamma che scrive della lotta di suo figlio con il cancro ma piange "oversharing!" Quando una mamma parla della lotta del suo bambino con il disturbo bipolare.

Queste lotte – cancro e malattie mentali – sono diverse solo perché la seconda madre avrà una tremenda difficoltà sia nell'assistere le persone a prendersi cura che nell'accedere alle cure.

Anche Hanna Rosin, una delle mie critiche più accese dopo che il mio post sul blog è diventato virale, ha finalmente ottenuto questo ultimo punto dopo aver studiato e scritto un pezzo commovente su Kelli Stapleton, che trascorrerà dieci anni in prigione dopo un tentativo fallito di uccidere se stessa e lei poi figlia di 12 anni, che ha l'autismo. 7

Quando ho suggerito su Twitter che il pensiero di Rosin si era evoluto sul tema dei genitori che difendevano i loro bambini con una malattia mentale, lei rispose: "Certo. Non l'ho capito fino a quando non ho letto il tuo libro e ho parlato con Kelli. "

Ora, nel 2015, condivido le parti più importanti e rilevanti della storia della mia famiglia, con il permesso dei miei figli, in ogni posto possibile.

E questa è la mia accorata richiesta a voi, 30-qualcosa di mamme: continua a condividere, specialmente se vostro figlio ha una malattia che può beneficiare della consapevolezza e della difesa. I genitori di bambini con bisogni speciali in realtà si affidano a Facebook per il tanto necessario supporto. 8 Non sai mai quando condividere le tue esperienze potrebbe cambiare il cuore di qualcuno e aiutare a guarire una mente.

Riferimenti

1. National Center for Education Statistics (2002). Accesso a Internet nelle scuole pubbliche e nelle aule degli Stati Uniti: 1994-2001.

2. Vogelstein, F. (2013). E poi Steve Jobs ha detto: "Sia disponibile l'iPhone". Il New York Times.

3. Statistiche di cyberbullismo 2014.

4. Bovy, PM (2013). Le implicazioni etiche dei genitori che scrivono sui loro bambini. L'Atlantico.

5. Bazelon, E. (2008). Questo capriccio è sul disco? Slate.com

6. Phillip, A. (2015). L'aumento della "sovra-condivisione" significherà la fine della privacy per i nostri figli? Il Washington Post.

7. Rosin, H. (2014). A mezzogiorno, sarebbero entrambi in paradiso. Rivista di New York.

8. Ammari, T., Morris, MR, & Schoenebeck, SY (2014). Accesso all'assistenza sociale e superamento del giudizio sui social media tra i genitori di bambini con bisogni speciali. Proc. ICWSM.

Solutions Collecting From Web of "Advocacy o privacy?"