Adolescenza ed elaborazione emozione dolorosa

I giovani che non riescono a elaborare le emozioni rischiano maggiormente di comportarsi

Carl Pickhardt Ph. D.

Fonte: Carl Pickhardt Ph. D.

Per la maggior parte dei giovani, il viaggio di crescita è talvolta un passaggio emotivamente doloroso, e necessariamente così. Per esempio:

C’è una perdita quando ci si separa dall’infanzia, si lascia andare a modi infantili e manca molto che è stato apprezzato e familiare.

C’è l’autocoscienza che si adatta ai cambiamenti fisici non volontari e alle conseguenze sociali della pubertà.

C’è il desiderio di appartenere socialmente ai compagni e la paura di non adattarsi.

C’è l’ansia di sperimentare esperienze e avventure più antiche e di sfidare l’ignoto.

C’è solitudine quando le relazioni valutate non si uniscono o si separano.

C’è delusione quando alcuni obiettivi o ambizioni di crescita non sono soddisfatti.

C’è la noia dal non sapere sempre cosa fare con il proprio sé che cambia.

E ci sono più momenti di frustrazione e di estraniazione quando si incrocia con i genitori su questioni di indipendenza sociale e autoespressione.

In questo mondo emotivamente più intenso, una parte importante del sano sviluppo dell’autogestione sta imparando come elaborare emozioni dolorose quando si presentano – in modi utili e non auto o socialmente dannosi. Con l’esempio, l’istruzione e l’interazione, i genitori hanno un ruolo centrale da svolgere in questa educazione. “Di solito parliamo dei nostri sentimenti, felici e infelici, con i bambini in modo che possano imparare a fare lo stesso con noi.”

Quindi considera come i genitori potrebbero avvicinarsi al tema dell’emozione in generale con il loro adolescente, e quindi come i genitori potrebbero aiutare il giovane a elaborare sentimenti emotivamente dolorosi quando si presentano. I genitori potrebbero iniziare spiegando le emozioni in questo modo.

EMOZIONI IN GENERALE

Un modo troppo semplice di pensare ai sentimenti sono gli agenti psicologici del nostro “sistema di consapevolezza affettiva” che rileva emotivamente quando qualcosa di significativo, da piacevole a doloroso, sta accadendo nel nostro mondo interiore o esteriore dell’esperienza di vita. L’emozione può indirizzare la nostra attenzione su ciò che sta accadendo e può dare energia a una risposta riflessiva, espressiva o correttiva. Le emozioni sono preziose fonti di autocomprensione.

Insieme ad altri sistemi di consapevolezza (visione, udito e tatto, ad esempio), il nostro sistema di consapevolezza affettiva ci aiuta a rimanere in contatto con eventi significativi dentro e intorno a noi. Sentimenti piacevoli ci informano su qualcosa di positivo in corso. Ad esempio, l’amore identifica l’attaccamento; la curiosità identifica l’interesse; la gratitudine identifica l’apprezzamento. I sentimenti dolorosi ci informano su qualcosa di negativo in corso. Ad esempio, violazioni delle identità di rabbia; la paura identifica il pericolo; il dolore identifica la perdita.

Ciò che non serve bene a un giovane è quando sono esclusi dall’autocoscienza e inconsapevoli e quando sono socialmente isolati dagli altri e sono soli. Infelicità + ignoranza emotiva + isolamento sociale = più rischio di fare del male. Qui è dove possono verificarsi atti di auto e lesioni sociali – quando alle emozioni infelici viene dato un focus dominante su ciò che sta accadendo e viene data un’influenza dominante su cosa fare.

Questo è il motivo per cui, per esempio, i genitori dovrebbero sempre essere vigili su una romantica separazione adolescenziale, in particolare quando il loro adolescente è nel ruolo rifiutato. È molto facile per la parte rifiutata diventare emotivamente sopraffatta dalla perdita del primo amore. In questo frangente una giovane donna può essere più a rischio di depressione per il dolore per la sua “mancanza di femminilità”, mentre il giovane può essere più a rischio di aggressione dal risentimento per la sua “virilità ferita”. In entrambi i casi, parlare dell’infelicità può diminuire la probabilità di metterlo in pratica

Mentre i sentimenti possono essere buoni informatori; possono essere cattivi consiglieri. Ad esempio, la rabbia può consigliare la ritorsione; la paura può consigliare l’evitamento; e la depressione può consigliare il ritiro. In ogni caso, queste decisioni emotive possono peggiorare la situazione, non meglio. Quindi è importante che l’adolescente sappia che mentre si sente arrabbiato è okay; agire sconvolto potrebbe non esserlo. Spiegare la rabbia a qualcuno di solito è più sicuro che mostrare a quella persona quanto si sente arrabbiato. Per quanto riguarda l’uso di sostanze quando è turbato, questo tende ad aumentare l’intensità emotiva e l’influenza emotiva sul processo decisionale.

EMOZIONE TRATTAMENTO

È importante che, per l’adolescenza, ai giovani sia stato insegnato un vocabolario funzionante che identifichi una particolare parola con un particolare stato emotivo. Questo è il motivo per cui i genitori insegnano ai bambini le “parole di sentimento” in modo che il bambino possa identificare e parlare delle emozioni e non impulsivamente recitarle. “Quando hai voglia di colpirmi, piuttosto che farlo, dimmi che ti senti” arrabbiato “con me e ascolterò ciò che hai da dire, quindi aiuterai a capire cosa fare.” Attraverso parole dette a se stesse o ad un altro persona o entrambi, una persona giovane può imparare a elaborare i sentimenti parlando e gestendo la gestione dell’esperienza emotiva. “Mi sento meglio sapendo cosa non va e avendo un’idea del modo migliore per rispondere”.

Quindi, come possono i genitori aiutare il loro giovane adolescente, in un periodo di crescita emotivamente più intenso, imparare a gestire in modo costruttivo tempi inevitabili di infelicità emotiva? Potrebbero aiutare il giovane a chiedere e rispondere a quattro domande di elaborazione.

“Quale parola o parola descrive meglio l’infelicità che sento?”

“Cosa sto dicendo a me stesso o facendo con me stesso che potrebbe peggiorare l’infelicità?”

“Cosa potrei dire a me stesso o fare con me stesso che potrebbe farmi sentire meglio?”

“A chi potrei parlare (come i genitori o un consulente, o entrambi) per il supporto emotivo per aiutare a ottenere un duro momento emotivo?”

UN’OPPORTUNITÀ EDUCATIVA

Naturalmente, se fossimo educativamente disponibili, potremmo offrire agli studenti delle scuole medie una lezione per comprendere le emozioni e l’autogestione emotiva. In questo periodo vulnerabile allo sviluppo, e per prepararci agli impegnativi anni dell’adolescenza, potremmo impartire loro istruzioni formali su molte varietà di emozioni piacevoli e dolorose e suggerire strategie costruttive per ottenere le persone felici e per superare quelle infelici.

Forse chiama la classe “Educazione affettiva” e presenta l’emotività come una parte fondamentale della condizione umana, che può essere compresa e gestita in modo sicuro dalle scelte di persone di tutte le età.

Sul lato del sentimento felice , la discussione degli studenti potrebbe concentrarsi su argomenti come: interesse, infatuazione, fiducia, amore, divertimento, ammirazione, curiosità, eccitazione, anticipazione, attrazione, fascino, tentazione, competizione, fiducia, lealtà, coraggio, contentezza, soddisfazione , ambizione, empatia, speranza, soddisfazione, sollievo, rilassamento, gioia, apprezzamento, gratitudine, orgoglio, competenza, successo, entusiasmo, gioia e trionfo.

Sul lato del sentimento infelice , la discussione degli studenti potrebbe concentrarsi su argomenti come: perdita, dolore, imbarazzo, dolore, solitudine, umiliazione, vergogna, ansia, minaccia, paura, paura, sospetto, sfiducia, frustrazione, delusione, tristezza, rabbia, risentimento , rabbia, odio, senso di colpa, rimpianto, rifiuto, timidezza, impazienza, inadeguatezza, insicurezza, insuccesso, inutilità, solitudine, invidia, gelosia, impotenza, apatia e noia.

Ci sono così tanti modi per le persone più giovani e anziane di provare felicità e infelicità, quindi perché non fornire un po ‘di educazione emotiva all’autogestione a scuola? Ciò che ha un senso emotivo (seguire i propri sentimenti) non sempre ha un senso ragionevole (controllando con il proprio giudizio), ei giovani hanno bisogno di esercitarsi a scervellarsi su quale usare quando si prendono decisioni di quel tipo. Hanno bisogno di capire che i sentimenti sono funzionali e quindi sono degni di attenzione.

E se alcuni adulti obiettano dicendo che il 6 ° – 8 ° elementare non dovrebbe essere esposto a un argomento così caricato, suggerire a questi adulti reticenti che la maggior parte dei giovani già dalla scuola media lo sono. È la vita.

Inoltre, dal momento che atti giovanili di autolesionismo e violenza sociale sono almeno in parte guidati dal punto di vista emotivo, forse qualche Educazione Affettiva potrebbe fornire agli adolescenti alternative non distruttive da considerare quando si verifica un’infelicità significativa.

Per ulteriori informazioni sugli adolescenti genitori, consultare il mio libro “SOPRAVVIVERE L’ADOLESCENZA DEL TUO BAMBINO” (Wiley, 2013). Informazioni su: www.carlpickhardt.com

L’iscrizione della prossima settimana: correggere gli adolescenti con la libertà d’azione o l’uso

Solutions Collecting From Web of "Adolescenza ed elaborazione emozione dolorosa"