Adolescenti più anziani e uso consapevole di alcool e marijuana

Quindi il tuo adolescente si trasferirà dalla famiglia il prossimo autunno, forse in un lavoro e in una condivisione di appartamenti, magari al college. Come la maggior parte degli anziani delle scuole superiori, lei o lui ha probabilmente già provato alcol e / o marijuana in alcune occasioni, due dei più comuni farmaci psicoattivi (che alterano l'umore e la mente) che nonostante l'illegalità sono facilmente disponibili a questa età. E come molti, il giovane prevede di continuare un certo grado di uso ricreativo quando vive lontano da casa.

Quest'ultima fase dell'adolescenza, quella che chiamo Indipendenza di Trial (età 18-23), è un'età di maggiore uso, sia nella frequenza che nella varietà, delle droghe psicoattive. Perché usare? In parte, credo, per concedere un certo grado di libertà e indipendenza, in parte per il piacere fisico e psicologico che l'uso può portare, e in parte per far fronte a una maggiore insicurezza in occasione di riunioni sociali dove i giovani si auto-meditano per disinibire, adattarsi, comportarsi in modo più anziano e darsi una sicurezza chimica per affrontare socialmente, dare calci, lasciarsi andare, sciogliersi e divertirsi.

A questa data tarda, mandando la figlia o il figlio in un mondo più chimicamente attivo, c'è qualcosa che i genitori potrebbero dire utile? Credo che ci sia.

Incoraggio i genitori a parlare con i loro adolescenti in partenza in termini di "Uso consapevole". Per "Consapevolezza" intendo l'uso "Moderato" e "Funzionale" misurato dal tipo di decisioni di autogestione che i giovani prendono quando scelgono di mettersi sotto l'influenza di due droghe viste casualmente, ma molto potenti – alcool e pot. "Moderato" significa sapere quando uno ha avuto "abbastanza" in modo che il giudizio sobrio non sia significativamente compromesso o perso. "Funzionale" significa mantenere le priorità operative essenziali in modo che le responsabilità importanti non siano ignorate e messe da parte.

CONSUMI MINIMI RICHIEDONO UN IMPIEGO MODERATO E FUNZIONALE.

Soprattutto durante l'adolescenza, l'uso di sostanze è allettante perché fornisce una scorciatoia per un'esperienza psicologica particolarmente potente per l'età. Mi riferisco alla libertà da vincoli normali e ad attività espansive che possono essere liberatorie ed esilaranti su entrambi i fronti.

Quando si assumono droghe psicoattive come alcol e marijuana, la disposizione, l'intensità, la reattività, l'impulsività, la percezione, il giudizio e il processo decisionale possono essere modificati. Consumo consapevole attraverso l'uso moderato e funzionale può regolare il grado in cui uno sperimenta questi effetti.

USO MODERATO

Il problema principale di Uso moderato è Sufficienza. Prendi in considerazione l'uso di alcol per esempio. Più si beve, più diventa facile alterare la qualità della cura. Lo stato d'animo può cambiare da una cura sobria a un'attenzione spensierata a una cura minore per diventare ubriachi senza preoccupazioni. In questo ultimo eccessivo stato d'uso, nulla può sentirsi proibito e ogni cosa può sentirsi permessa. Ora il giovane può diventare più liberamente permissivo o aggressivo, più emotivamente concentrato o esplosivo, più reattivo e impulsivo. Quando i sentimenti sono liberi di pensare, non ci si può preoccupare di ciò che accade ora, di ciò che gli altri possono pensare, di quali rischi si corrono, di quale danno può arrecare a se stessi o agli altri, quali conseguenze potrebbero derivarne.

Con l'uso smodato ed eccessivo, il consumo può diventare pericolosamente estremo e ora aumentano tutti i tipi di rischi per la sicurezza, come lesioni accidentali, violenza sociale, insuccesso scolastico, attività illegali, disavventure sessuali, comportamento audace, sconforto suicidario e sovradosaggio chimico.

Ci vuole un uso moderato per sapere quando uno ha avuto "abbastanza" per mantenere una sufficiente attenzione sobria in modo da poter mantenere la supervisione sicura del giudizio.

USO FUNZIONALE

Il problema principale dell'uso funzionale è la responsabilità. Prendi in considerazione l'uso della marijuana, per esempio. Quanto più si fuma (o altrimenti si ingerisce), tanto più facile diventa assentarsi dal trattare con pressanti preoccupazioni della realtà. Ora è più facile ritardare e negare ciò che deve essere fatto. Ora ci può essere più dimenticanza e procrastinazione. Ora può esserci più inclinazione a sfuggire alle richieste quotidiane come scuola, lavoro, famiglia o altri obblighi, piuttosto che impegnarsi in esse. Può diventare più facile sognare che fare. Stonato, può essere difficile fare molto di tutto tranne che di niente.

Con l'uso disfunzionale e irresponsabile, un giovane può descrivere "girare le mie ruote", con il quale spesso significa l'incapacità di ottenere una trazione sufficiente nella propria vita per spostarsi in avanti per raggiungere obiettivi importanti o anche obiettivi più piccoli. Quello che sta accadendo è un significativo slittamento di responsabilità, slittamento su tre importanti fronti operativi.

C'è l'incapacità di completare ciò che iniziano. Sono ancora bravi a fare delle risoluzioni, ma spesso non riescono a portare a termine il traguardo, quindi lascia andare il loro obiettivo o piano.

C'è l'incapacità di mantenere la continuità di attività importanti. Spesso non riescono a mantenere la coerenza di uno sforzo salutare o costruttivo nel tempo, e così lasciano scadere il loro regime.

C'è l'incapacità di mantenere gli impegni a se stessi o agli altri. Spesso non riescono a seguire la loro parola, a fare risoluzioni e promesse vuote, e così lasciano andare se stessi o gli altri.

Prende l'uso funzionale per mantenere un sufficiente potere di attenzione per osservare regolarmente importanti priorità operative nella vita di una persona. Se i genitori si sentono in perdita su come discutere l'uso funzionale della marijuana con il loro adolescente, c'è un utile libro di discussione disponibile: "ONE TOKE – una guida di sopravvivenza per adolescenti", di Marc Aronoff. Vale la pena dare un'occhiata.

Quindi i genitori potrebbero offrire alcune linee guida generali sull'uso di sostanze psicoattive per mantenerlo entro un intervallo relativamente sicuro. Qui ci sono alcuni da considerare.

1. Prendi la decisione di usare intenzionalmente, non automaticamente. Non usare una questione di impulso o abitudine.

2. Usa una libera scelta personale, non una scelta socialmente sotto pressione. Non lasciare che altre persone determinino il tuo uso.

3. Usare con gli amici, non con gli estranei. Non usare in compagnia di persone che non conosci.

4. Usa perché vuoi, non perché è necessario. Non lasciare che le emozioni guidino il tuo uso.

5. Quando si usa andare lentamente, procedere a tutta la velocità desiderata. Non usare così velocemente perderti la traccia dell'uso.

6. Quando lo usi, vai alla tua velocità. Non usare per stare al passo o competere con l'uso di altre persone.

7. Scopri perché stai usando. Non usare perché non sai cos'altro fare.

8. Scopri cosa stai usando. Non usare quando non si è sicuri della natura della sostanza che viene offerta.

9. Conoscere la forza di ciò che si sta usando. Non iniziare con una dose elevata; inizia basso e vai lento.

10. Attenersi alla singola sostanza utilizzata. Non mischiare le sostanze psicoattive quando usi.

11. Coprifuoco il tuo uso. Non usare dopo la mezzanotte quando tutti i tipi di rischi sociali iniziano a salire.

12. Dopo l'uso, valuta il tuo uso. Non ignorare le decisioni sagge e poco sagge fatte sotto l'influenza; entrambi hanno qualcosa da insegnare.

13. Utilizzare in modo proattivo. Non iniziare a usare senza un piano per come e quanto intendi usare; quindi attenersi a ciò che hai proposto.

I genitori non possono dissuadere la determinazione dei loro adolescenti più grandi a indulgere in un certo grado di uso di sostanze ricreative, ma possono informare tale scelta. Ad esempio, possono parlare di Uso consapevole. Per la salvezza della figlia in partenza o del figlio, credo che dovrebbero.

Per ulteriori informazioni sugli adolescenti genitori, vedere il mio libro, "SOPRAVVIVERE L'ADOLESCENZA DEL TUO BAMBINO" (Wiley, 2013). Informazioni su: www.carlpickhardt.com

L'iscrizione della prossima settimana: la mutua disaffezione di genitori e adolescenti

Solutions Collecting From Web of "Adolescenti più anziani e uso consapevole di alcool e marijuana"