Adolescenti online e "predatori" sessuali

Ricorda quando Facebook consentiva alle persone con indirizzi e-mail universitari di unirsi alla sua rete? È difficile credere che sia stato solo 10 anni fa. Dopo che Facebook ha aperto le sue porte alle reti delle scuole superiori, i ragazzi sono rapidamente saliti su un carrozzone originariamente pensato per i giovani adulti. Un decennio dopo, un recente sondaggio mostra che 4 adolescenti su 5 utilizzano attivamente Facebook, con più di un quarto di adolescenti che usano Facebook "sempre" [1].

Con Facebook e altri popolari siti di social media come Instagram, WhatsApp e Vine, tutte parti integranti della vita sociale degli adolescenti [1], molti genitori sentono l'imperativo di parlare ai loro figli della sicurezza in Internet, compreso il potenziale per incontrare persone malvagie intento a sfruttare i bambini. Questa paura è rafforzata dai messaggi dei media che suggeriscono che Internet è uno spazio non sicuro: " I predatori sessuali non devono più scendere in strada per trovare la loro prossima possibile vittima [2] ."" Rep. Debra Heffernan, D-Brandywine Hundred South [disse:] "Sono finiti i giorni di preoccuparsi quando tuo figlio va al parco o al negozio. Possono essere richiesti all'interno della casa a qualsiasi ora del giorno [3] . "

Mentre avere adolescenti su Internet apre le porte all'ignoto, questo è forse simile anche se diverso da persone sconosciute con cui possono parlare quando sono al centro commerciale e in altri posti di persona. La maggior parte degli adolescenti che interagiscono con estranei online non sono a rischio di predazione sessuale [4]. Inoltre, di circa 13 anni, la maggior parte degli adolescenti comprende la "complessità sociale di Internet" e la necessità di esercitare cautela sul web [5].

In uno studio del 2007, gli adolescenti che avevano profili online o che avevano pubblicato foto di se stessi erano in effetti più probabilità di essere contattati da estranei, ma questi estranei erano di tutte le età e le interazioni non erano necessariamente aggressive [6]. Allo stesso modo, molti studi suggeriscono che almeno la metà di tutti gli adolescenti pubblica informazioni personali online – nonostante gli avvertimenti contro di farlo – e tuttavia non sono necessariamente più a rischio di essere presi di mira da avvocati online [7]. È improbabile che anche i "predatori" online utilizzino profili online per localizzare e perseguitare le vittime [7]. Altri comportamenti, come l'invio di informazioni personali e immagini (piuttosto che la semplice pubblicazione su un profilo) o la chiacchierata sul sesso, rendono gli adolescenti più vulnerabili alle sollecitazioni sessuali online [7]. Inoltre, la maggior parte delle relazioni romantiche che si verificano tra un adolescente e un adulto sono con un adulto che è in anticipo sulla loro età e le intenzioni sessuali [7]. Come in altri scenari di sfruttamento sessuale, gli adolescenti con un forte attaccamento emotivo agli estranei online possono mancare di assistenza sociale o familiare, e quindi cercano o sono più vulnerabili all'attenzione online [7].

Mentre la preoccupazione per i "predatori" online è per lo più malriposta, è comunque importante parlare con i ragazzi della sicurezza di Internet. Proprio come chiedi loro con chi sono e dove vanno quando sono fuori con i loro amici, chiedi loro con chi parlano e dove vanno online. Stabilire regole di base adeguate allo sviluppo (ad esempio, i giovani più anziani che sono responsabili dovrebbero avere più libertà online rispetto ai giovani). E, parla ai tuoi figli del sesso. Questo potrebbe includere i tuoi sentimenti riguardo alla pornografia e il motivo per cui potresti non volere che li guardino, sia online che offline. Mentre può essere difficile pensare che i tuoi ragazzi diventino sessualmente curiosi, riconosci che è normale nell'adolescenza. Comprendere il sesso sano comprende comprendere i potenziali effetti negativi del sesso non sano e parlare ai bambini di come sono diversi [7]. Parlare onestamente ai ragazzi di comportamenti sessuali sani può aiutarli a riconoscere quando una situazione su Internet, così come offline, è inappropriata [7].

Per saperne di più sui miti e le realtà dei "predatori" online e delle loro vittime, leggi qui lo studio completo.

Scopri di più sulla nostra ricerca su http://innovativepublichealth.org/

Trovaci su Google+, Twitter e Facebook

Ringraziamenti: Grazie a Emilie Chen e Jennifer Renzas per i loro contributi a questo blog.

[1] http://time.com/2922227/study-facebook-teens/

[2] http://www.minormonitor.com/resource/online-predators/

[3] http://news.delaware.gov/2014/06/24/delaware-steps-up-fight-to-protect-kids-from-child-predators/

[4] Wolak, J., Mitchell, K., & Finkelhor, D. (in corso di stampa). Parlare online con persone sconosciute è sempre rischioso? Distinguere gli stili di interazione online in un campione nazionale di utenti Internet di giovani. CyberPsychology e comportamento .

[5] Yan, Z. (2006) Cosa influenza la comprensione di bambini e adolescenti della complessità di Internet? Psicologia dello sviluppo , 42, 1-11.

[5] Lenhart, A., & Madden, M. (2007). Anni dell'adolescenza, privacy e social network online: come gli adolescenti gestiscono le loro identità online e le informazioni personali nell'era di MySpace. Estratto da: http://www.pewinternet.org/pdfs/PIP_Teens_Privacy_SNS_Report_Final.pdf

[6] Wolak, J., Finkelhor, D., Mitchell, K., e Ybarra, M. (2008). "Predatori" online e le loro vittime: miti, realtà e implicazioni per la prevenzione e il trattamento. The American Psychologist, 63 (2), 111-128.

Solutions Collecting From Web of "Adolescenti online e "predatori" sessuali"