Adolescenti e comportamenti auto-ingiuriosi

A Rosewood, la nostra specialità è il trattamento dei disturbi alimentari. Tuttavia, molto raramente qualcuno presenta solo un disturbo alimentare. È comune che siano presenti anche problemi di comorbilità. La dottoressa Nicole Garber, responsabile dei disordini alimentari pediatrici e adolescenziali di Rosewood, condivide la sua esperienza su adolescenti e comportamenti autoaggressivi, un problema comune co-occorrente tra adolescenti e disturbi alimentari.

Scenario tipico

Maria entra in ufficio con sua madre. Maria sembra stanca e non guarderà gli occhi mentre si siede. Prima che la porta sia ancora chiusa, sua madre dice in tono quasi isterico: "Falla vedere, mostrale quello che hai fatto!" Esitante Maria preme la manica della camicia per rivelare diversi tagli lineari e superficiali che si sono autoinflitti. Sua madre si siede e sembra frustrata e dice "Non capisco, come può far male a se stessa".

Quanto sopra è una scena che i medici affrontano quotidianamente. L'autolesionismo o, più formalmente, l'autolesionismo non suicidario (NSSI), è comune negli adolescenti con una percentuale compresa tra l'8 e il 61% della popolazione che si comporta in comportamenti autoaggressivi. La stima dell'8% proviene da stime della comunità e la fascia più alta dello spettro proviene da pazienti in cerca di servizi di salute mentale. L'età media di insorgenza per autolesionismo è tra 14 e 15 anni e prima negli adolescenti. Le ragazze si auto-feriscono più dei ragazzi, ma i tassi diventano più equi durante il periodo successivo dell'adolescenza.

Cos'è l'NSSI?

NSSI è definito come "Distruzione diretta e deliberata del tessuto corporeo in assenza di qualsiasi intenzione osservabile di morire". (Nock) Uno deve chiedere circa l'intenzione della lesione e non assumere in modo o l'altro.

Perché i giovani si auto-feriscono?

Spesso nella stampa popolare, l'autolesionismo sarà presentato come un mezzo per attirare l'attenzione di un giovane. A volte, l'autolesionismo può essere usato come un grido di aiuto, ma più comunemente è usato per regolare le emozioni. Un giovane può autolesionarsi quando sta vivendo emozioni molto intense e non sa come autoalimentarsi in modo più adattivo. È noto che quando qualcuno si auto-ferisce ci sono oppiacei endogeni che vengono rilasciati e che possono far sentire meglio la persona, il che è parte della ragione per cui un giovane continua il comportamento nonostante altre conseguenze negative. Spesso i giovani con traumi si sentono insensibili o dissociati e si auto-feriscono per radicarsi e sentire qualcosa.

Quali sono alcuni segnali di avvertimento che il mio adolescente potrebbe auto-ferirsi?

Si possono notare macchie di sangue su vestiti, asciugamani o tessuti. Spesso ci sono frequenti ferite inspiegabili o un aumento degli "incidenti". Si può anche notare che indossano sempre maniche lunghe o pantaloni, anche se non è appropriato per situazioni o condizioni meteorologiche. La maggior parte dei giovani si auto-ferisce in privato, quindi potrebbe esserci più tempo da solo e irritabilità prima di essere in grado di andare in un posto privato se hanno la voglia di autolesionismo.

Cosa fare se il mio adolescente si auto-ferisce?

Se scopri che il tuo bambino si auto-ferisce, fai un respiro profondo e prenditi qualche minuto (o ore) per riprenderti. Chiedi a tuo figlio cosa stai notando e prova a prendere una posizione curiosa e non giudicante. Fai loro sapere che ti rendi conto che devono provare un dolore significativo se sono auto-feriti e che tu sei lì per loro e vuoi aiutarli. Quindi prenotare un appuntamento con un operatore di salute mentale, terapista o psichiatra, per una valutazione. Oltre il 90% degli adolescenti che si auto-feriscono soddisfano i criteri per una o più diagnosi psichiatriche come depressione, disturbo d'ansia o disturbi della condotta. È anche noto che l'autolesionismo negli adolescenti aumenta il rischio di un tentativo di suicidio e il completamento del suicidio.

Trattamento dell'autolesionismo:

Il professionista della salute mentale lavorerà con l'adolescente e i membri della famiglia per sviluppare un piano di trattamento che affronterà l'autolesionismo e tutti i disturbi concomitanti. Terapie specifiche sono state sviluppate per trattare l'NSSI negli adolescenti, inclusa la terapia dialettica comportamentale (DBT) e il trattamento basato sulla mentalizzazione (MBT). Sia DBT che MBT hanno un modello coerente per comprendere i comportamenti autoaggressivi, impiegare un terapeuta attivo, bilanciare la convalida con il cambiamento, creare una connessione tra pensieri, sentimenti e comportamenti e incoraggiare l'agenzia tra gli adolescenti.

In sintesi, l'autolesionismo è comune negli adolescenti ed è spesso usato come mezzo per regolare le proprie emozioni. Se sospetti che tuo figlio si auto-ferisca, ti preghiamo di chiedere una valutazione a un professionista della salute mentale qualificato poiché esistono trattamenti efficaci.

Riferimenti:

Nixon M, Cloutier P, Jansson S (2008) Nonsuicidal autolesionismo nei giovani: un sondaggio basato sulla popolazione. Giornale dell'associazione medica canadese. 178: 306-312
Taliaferro L, Muehenkamp J, Borowksy I, McMorris B, Kugler K (2012) Fattori che distinguono i giovani che segnalano comportamenti autoinflittuali: un campione basato sulla popolazione. Pediatria accademica. 12: 205-213.
Hankin B, Abela J (2011). Autolesionismo non suicida nell'adolescenza: tassi prospettici e fattori di rischio in uno studio longitudinale di 2 anni e mezzo. Ricerca di psichiatria. 186: 65-70.
Nock M (2010). Ferita autoinflitta. Rassegna annuale di psicologia clinica. 6: 339-363.
Nock M, Teper R, Hollander M (2007) Trattamento psicologico di auto-lesione tra adolescenti. Journal of Clinical Psychology. 63: 1081-1089.
Rossouw TI, Fonagy P (2012). Trattamento basato sulla mentalizzazione per autolesionismo negli adolescenti: uno studio controllato randomizzato. Rivista dell'American Academy of Child and Adolescent Psychiatry. 51: 1304-1313.
Klonsky, E David. Maggio, Alexis M. Glenn, Catherine R (2013) La relazione tra autolesionismo non suicida e tentato suicidio: prove convergenti di quattro campioni. J Abnorm Psychol. 122 (1): 231-7, 2013 Feb.
Schiavone, Francesca L. Links, Paul S (2013) Elementi comuni per la gestione psicoterapeutica di pazienti con comportamento autolesionistico. Abuso minorile Negl. 37 (2-3): 133-8, 2013 Feb-Mar.
De Leo, D; Heller, T. "Chi sono i bambini che si fanno male? Un sondaggio autovalutale australiano. 2004. MJA, 181: 140-144.

Solutions Collecting From Web of "Adolescenti e comportamenti auto-ingiuriosi"