ADHD: trovare nuove soluzioni

Questo post per gli ospiti è stato scritto da Jamison Monroe, Jr.

Lo psichiatra infantile Leon Eisenberg eseguì alcune delle prime sperimentazioni sui farmaci stimolanti sulla giovinezza per attenuare il comportamento iperattivo, negli anni '50 e '60. A quel tempo, la soluzione primaria per il trattamento di problemi psichiatrici e comportamentali era la rigorosa psicoanalisi. L'obiettivo della ricerca di Eisenberg era di rendere il trattamento più accessibile alle famiglie con diversi redditi e di ottenere risultati efficaci e rapidi.

Eisenberg, che morì nel 2009, non avrebbe mai potuto prevedere quanto fosse diffuso l'uso di farmaci per questi casi. Verso la fine della sua vita, condivise pubblicamente il suo senso di allarme riguardo al tasso di crescita delle diagnosi di ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder). Ha anche espresso disagio per lo stretto rapporto tra i produttori di farmaci e i medici, aprendo la discussione sul rischio di diagnosticare eccessivamente questa condizione una volta rara (oggi onnipresente). Nel suo libro di memorie, eravamo addormentati allo switch? , Eisenberg sosteneva che gli interessi economici stavano prendendo decisioni sulla vita delle persone e sul benessere dei bambini, dando poca attenzione sia alla scienza che alla società.

Sfortunatamente, l'ADHD è un disturbo difficile da individuare e quindi è cronicamente sovradimensionato nella nostra cultura. Non esiste un test preciso; invece, un certo numero di sintomi e comportamenti devono essere controllati da un professionista della salute mentale. In parole povere, l'ADHD è caratterizzato da un modello di iperattività, disattenzione e impulsività, in altre parole, l'ADHD può essere solo un comportamento da bambini. I bambini che vivono con questa "condizione" presumibilmente tendono ad agitarsi di più, a perdere la concentrazione a scuola, a litigare con i coetanei e hanno prestazioni scolastiche inferiori. Quando si considera una diagnosi, i sintomi in genere devono essere presenti per un periodo di almeno sei mesi e in varie impostazioni.

Per rendere le cose più complicate, il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali ha spostato i propri criteri per l'ADHD nel 2013. Questo aggiustamento includeva l'espansione dell'età massima per alcuni sintomi che compaiono dai 7 ai 12 anni, riducendo anche il numero di sintomi che necessitano essere presente dopo i 17 anni. In effetti, questo ha ampliato le basi per determinare se qualcuno ha o meno l'ADHD.

In concomitanza con questi cambiamenti è un forte aumento delle diagnosi di ADHD negli ultimi anni. Mentre la prevalenza era media tra il tre e il sette percento, ora l'11 percento di tutti i bambini in età scolare negli Stati Uniti è stato diagnosticato con ADHD, e l'87 percento di quelle diagnosi ha portato all'uso di farmaci con prescrizione medica. Perché stiamo prescrivendo farmaci invece di trattare i sintomi con modificazione comportamentale, pratiche di consapevolezza e attività fisica normale?

In genere, alle persone che ricevono una prescrizione per ADHD viene somministrato un farmaco stimolante, come Adderall o Ritalin. Questi stimolanti aumentano i livelli di dopamina nel cervello, che facilitano le sensazioni di concentrazione e calma mentre potenzialmente innescano potenziali comportamenti di dipendenza. Originariamente, i farmaci ADHD erano destinati a trattare casi gravi, ma solo il 14% dei giovani con la diagnosi rientrano in questa categoria. I farmaci per l'ADHD sono un rimedio a rapida soluzione che può portare a comportamenti distruttivi a lungo termine.

Quindi cosa fare invece? Che ne dici di interventi che non hanno ripercussioni negative sul corpo o sulla mente? Uno studio pubblicato su Mind & Brain, The Journal of Psychiatry, ha rilevato che i bambini con ADHD che praticano la meditazione hanno mostrato un aumento del funzionamento del cervello e una diminuzione dei sintomi, risultati anche confermati da studi condotti su adulti con ADHD.

Anche la ricerca sull'effetto dell'attività fisica sul cervello in crescita è stata promettente: uno studio ha mostrato un significativo miglioramento delle prestazioni cognitive e della funzione cerebrale nei bambini a seguito di una regolare attività fisica. La dieta è stata ripetutamente collegata ai sintomi dell'ADHD; uno studio del dott. Lidy Pessler del Centro di ricerca ADHD nei Paesi Bassi ha indicato che ben il 64% dei bambini con diagnosi di ADHD soffre effettivamente di sensibilità alimentare, e il semplice cambiamento della loro dieta ridurrà i sintomi più drammaticamente dei farmaci.

Leon Eisenberg era in anticipo sui tempi nel riconoscere la frattura tra mente e corpo che è stata catalizzata dal sistema sanitario contemporaneo e l'uso eccessivo di farmaci che ne è risultato. Invece di prescrivere una pillola, sosteneva, i medici dovrebbero guardare all'ambiente del bambino e ad altre circostanze, l'intero ambiente psicosociale. Ma ci vuole tempo e pazienza. Ovviamente, i genitori preoccupati sono ansiosi di trovare una soluzione veloce, perché viviamo in una cultura che cerca facili soluzioni e comportamenti esterni difficili da comprendere e difficili da gestire. Ma dobbiamo affrontare la verità: l'ADHD viene diagnosticato eccessivamente e sovradichiarato e abbiamo la responsabilità di cercare interventi olistici e sostenibili per i nostri bambini.

Fonte: courtesy Jamison Monroe, Jr.

Con molti trattamenti farmaceutici, c'è una controparte olistica. Ricerche recenti hanno gettato luce su un altro modo più naturale per aumentare i livelli di dopamina nel cervello: l'esercizio. Sappiamo tutti che l'attività fisica è benefica, ma non solo mantiene sani il nostro corpo e la nostra mente, ma aiuta anche a rilasciare i neurotrasmettitori e ad aumentare il flusso sanguigno che porta a concentrarsi, concentrarsi e prendere decisioni migliori.

Gli studi suggeriscono che, in particolare per i bambini con ADHD, solo 20 minuti di attività fisica al giorno possono portare ad un aumento significativo dell'attenzione. Questa ricerca suggerisce anche che trascorrere del tempo fuori può avere un effetto calmante per molti bambini, che può ridurre i comuni sintomi iperattivi. Inoltre, poiché i sintomi dell'ADHD possono ostacolare lo sviluppo sociale dei bambini, iscriversi a uno sport o un'attività di gruppo può aiutare a espandere la propria cerchia sociale e insegnare loro a essere giocatori di squadra.

Le opinioni sull'ADHD variano. In definitiva, dipende dalla situazione unica del bambino e dal supporto clinico che ricevi. Esistono alternative salutari ai farmaci da prescrizione, anche Eisenberg la pensava così.

Jamison Monroe, Jr., è il fondatore della Newport Academy in California.

Solutions Collecting From Web of "ADHD: trovare nuove soluzioni"