ADHD: L'attenzione non lo descrive per metà

Il punto di partenza per la famiglia ADHD Solution e per la cura del disturbo da deficit / iperattività dell'attenzione (ADHD) nel mondo reale è la comprensione che l'ADHD (e questo include ADD, che è ora più accuratamente etichettato come disattenzione dell'ADHD) è un comprovato, spesso frainteso disturbo medico. Quando genitori, insegnanti o bambini sono portati a credere che l'ADHD sia falso o in qualche modo solo una scusa per la mancanza di sforzo, motivazione o autocontrollo di un bambino, lascia gli adulti frustrati e confusi, i bambini che lottano con le proprie tendenze neurologiche senza guida e fratelli catturati nel mezzo.

Dovremmo essere molto al di là di ogni discussione sulla realtà dell'ADHD. È reale e ci sono dozzine di studi credibili che lo dimostrano. Se adeguatamente identificato, l'ADHD non è diverso da qualsiasi altra condizione medica. Dove si presenta occasionalmente il problema è ottenere una diagnosi accurata; L'ADHD può essere difficile da riconoscere in qualsiasi individuo. Invece di riversare lo sforzo in un dibattito privo di significato sull'esistenza dell'ADHD, possiamo sostenere al meglio le famiglie aiutandole a capire cosa sia realmente l'ADHD e come gestirlo.

L'ADHD è una condizione di basso livello. I sintomi stereotipati – mancanza di attenzione, iperattività e impulsività – si limitano a graffiare la superficie. Le parti del cervello implicate nell'ADHD controllano anche le abilità della funzione esecutiva – abilità come la gestione del tempo, il giudizio, l'organizzazione e la regolazione emotiva. La funzione esecutiva è un po 'come il manager del cervello, responsabile della supervisione e del coordinamento della nostra pianificazione, dei nostri pensieri e delle nostre interazioni con il mondo. Il vero problema con l'ADHD è una delle funzioni esecutive e, come è stato affermato dal Dr. Russell Barkley e altri, un nome più appropriato per l'ADHD potrebbe essere il "disturbo da deficit di funzioni esecutive".

Per guidare le famiglie su un percorso migliore, dobbiamo smettere di discutere l'esistenza dell'ADHD e chiarire invece idee sbagliate su di esso. Quando i genitori o gli insegnanti perdono traccia del fatto che l'ADHD è un deficit neurologicamente basato, i bambini vengono incolpati di comportamenti e scelte non completamente nel loro controllo. Comprendere la neurologia dell'ADHD ci consente di riconoscere che l'apparente comportamento scorretto o la scarsa motivazione di un bambino si riduce a una concreta difficoltà basata sulle abilità, focalizzata sul compito, sul controllo delle emozioni o su qualsiasi altra lunga lista di abilità legate all'esecutivo funzione.

Proprio come alcune persone possono disegnare, tirare una pallacanestro, o imparare a suonare uno strumento più facilmente di altri, pianificare, ricordare e prestare attenzione sono abilità innate guidate in gran parte dalla nostra genetica. Questioni croniche con dimenticanza, scarsa pianificazione, allontanarsi dal compito, lasciare compiti dietro casa, non ascoltare quando chiamati, perdere la calma quando frustrati … riflettono tutti i deficit della funzione esecutiva. Puoi scegliere di insegnare a qualcuno come sparare a un tiro libero, o un nuovo modo per tenere traccia della loro lista delle cose da fare, ma l'abilità non si materializzerà dal nulla.

Non diresti a un bambino affetto da asma: "Cerca di fare di più, smetti di respirare". Allo stesso modo, aspettarsi che un bambino con scarse capacità esecutive di "metterlo insieme" in questo momento sia ingiusto e imposta aspettative sfidanti e spesso non realistiche. Invece, dobbiamo sviluppare una visione compassionevole e obiettiva delle loro vere abilità, seguita da una pianificazione dettagliata che costruisce entrambe le abilità e crea strategie che compensano le aree che rimangono difficili. Incoraggiamo comportamenti appropriati e duro lavoro, ma dobbiamo anche essere consapevoli del fatto che gli ostacoli legati all'ADHD possono intralciare.

Affrontare l'impatto ad ampio raggio dell'ADHD sulle famiglie inizia riconoscendolo come una condizione medica che influisce sulla funzione esecutiva. Quando iniziamo a capire la piena realtà della situazione – che qualcuno con l'ADHD ha una vera malattia che influenza il modo in cui gestiscono le loro vite – possiamo quindi fare scelte abili su come noi genitori, come insegniamo e come possiamo gestire al meglio altri aspetti di cura. Quando riconosciamo la vera causa dell'ADHD e i suoi sintomi di vasta portata, possiamo cambiare le nostre aspettative con compassione mentre offriamo piani intelligenti a lungo raggio che sviluppano le capacità e assicurano che tutti i bambini con ADHD raggiungano il loro pieno potenziale.

Solutions Collecting From Web of "ADHD: L'attenzione non lo descrive per metà"