ADHD è genetico?

L'ADHD è una malattia genetica? Questo sembra essere il punto di vista accettato tra psichiatri e genitori americani. Tuttavia, quando osserviamo da vicino la ricerca a sostegno di questa idea, l'opinione che l'ADHD sia causata da fattori genetici non sembra essere supportata da una solida ricerca scientifica.

Uno studio importante che ha promosso un fattore genetico nell'ADHD è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista medica The Lancet nel 2010. Un gruppo di ricerca internazionale ha scoperto che i bambini con diagnosi di ADHD avevano più probabilità di altri bambini di avere una particolare anomalia genetica. La conclusione dello studio, "l'ADHD non è puramente una costruzione sociale", è stata ripresa da numerosi giornali di primo piano e da altre fonti di notizie.

Tuttavia, un gruppo di ricerca guidato dal professor François Gonon all'Università di Bordeaux ha rilevato che questo studio aveva molti difetti. Dei 366 bambini con diagnosi di ADHD, 33 avevano anche ritardo mentale. Con la sua stessa definizione, una diagnosi di ADHD esclude il ritardo mentale.

Il team di Gonon ha anche scoperto che la prevalenza delle anomalie genetiche (alleli o varianti del gene DRD4) nei bambini con ADHD da sola era relativamente piccola rispetto al gruppo di controllo: 12% contro 7,5%. Questo risultato indicava un fattore di rischio, ma certamente non una causa, dal momento che il 78% dei bambini con diagnosi di ADHD non aveva l'allele.

Gonon ha sottolineato che i ricercatori non hanno fornito nemmeno un "suggerimento" di un test genetico per confermare una diagnosi di ADHD. L'anomalia genetica non si verifica in tutto o addirittura nella maggior parte dei bambini con ADHD. La diagnosi di ADHD si basa semplicemente su sintomi comportamentali, non su un'analisi genetica.

Altri ricercatori, come lo psicologo infantile Oliver James e il professor Lindsey Kent dell'Università di St. Andrews nel Regno Unito, hanno criticato il studiare per esporre i risultati. Hanno sottolineato che la variazione genetica potrebbe al massimo essere un fattore di rischio per l'ADHD, ma a malapena una causa.

Per mettere questo in prospettiva, si consideri una vera malattia genetica come la sindrome di Down, in cui il 100 per cento dei bambini diagnosticati ha un'anomalia genetica, cioè una copia extra del cromosoma 21, e c'è un test genetico per la malattia. I sintomi comportamentali non sono considerati nel fare una diagnosi.

Se i ricercatori trovassero un'anomalia genetica nel 100% dei bambini con diagnosi di ADHD e un test su cui basare la diagnosi, ciò sosterrebbe l'idea che l'ADHD sia una malattia a base genetica. Fino ad allora, l'ADHD rimane una diagnosi soggettiva (alcuni direbbero finzione) basata semplicemente sui sintomi comportamentali.

(Una nota su "studi gemelli" che pretendono di dimostrare che l'ADHD è codificato nei geni. Richard Lewontin ei suoi coautori, in Not in Our Genes , sottolineano che gli adulti tendono a trattare i gemelli fraterni come individui diversi. D'altra parte, tendono a trascorrere più tempo insieme e si comportano in modo più simile rispetto ai gemelli gemelli, quindi la ricerca che trova che gemelli identici hanno maggiori probabilità di condividere comportamenti identificati come ADHD può essere spiegata in termini di gemelli fraterni. differenze ambientali Vedere anche il libro di Jay Joseph, The Trouble with Twin Studies.

Copyright © Marilyn Wedge, Ph.D.

Il mio nuovo libro, A Disease Called Childhood: perché l'ADHD è diventato un'epidemia americana, dà uno sguardo più approfondito alla "scienza" sostenendo che l'ADHD è un disturbo mentale basato sul biologico. Discuto il "nuovo neurosetticismo" di ricercatori come François Gonon e il professore di Stanford John Iaoniddes.

Marilyn Wedge
Fonte: Marilyn Wedge

Solutions Collecting From Web of "ADHD è genetico?"