ADHD e relazioni: l'altro partner

Nelle risorse di auto-aiuto sull'ADHD per adulti (incluso questo blog), di solito ci concentriamo sulle persone che hanno l'ADHD e le loro lotte ed esperienze. Come, ad esempio, l'ADHD influisce sul loro lavoro? Vita domestica? Relazioni? Quello di cui non parliamo molto sono gli altri nelle relazioni intime. I partner, i coniugi e altri significativi che sono anche colpiti da ADHD per adulti ma che non capita di averli da soli. Quando arriva ADHD nelle loro vite, quali sono i loro pensieri? Esperienze? Preoccupazioni?

Questi partner in realtà non hanno l'ADHD, ma ne sono comunque sicuramente influenzati. A causa del modo in cui concettualizziamo e affrontiamo i problemi di salute mentale e comportamentale in questo paese, non pensiamo spesso a lungo alle altre persone in queste relazioni. Eppure svolgono un ruolo fondamentale nelle relazioni che sono così influenzate dall'ADHD.

Comprendere e affrontare le esigenze dei partner non ADHD nelle relazioni con impatto sull'ADHD finora ha ricevuto scarsa attenzione. Nel 2008 la giornalista Gina Pera ha tratto le proprie esperienze come partner non ADHD in una relazione coniugale con la pubblicazione del suo libro, Is it you, me o Adult ADD ? La terapeuta e autrice della California Susan Tschudi ha pubblicato Loving Someone with Attention Deficit Disorder nel 2012, che fornisce anche una grande quantità di informazioni per il partner non ADHD nella relazione. La signora Tschudi è allo stesso modo il partner di qualcuno con ADHD, e quindi attinge sia alle sue esperienze personali che professionali nel suo libro.

Anche con queste risorse utili e informative, il partner non-ADHD è stato una parte trascurata dell'equazione ADHD degli adulti. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che solo recentemente ADHD per adulti ha ricevuto molta attenzione. Per gran parte della sua storia, l'ADHD è stato visto come una condizione di infanzia e adolescenza. Come abbiamo riconosciuto che l'ADHD persiste nell'età adulta, il nostro obiettivo è stato naturalmente su coloro che hanno il disturbo, piuttosto che chiudere gli altri che ne sono influenzati.

Ma l'ADHD influenza significativamente l'altro partner nella relazione, spesso in modi prevedibili. Con il tempo lo spirito spontaneo e libero della persona con ADHD diventa un po 'meno esilarante. La sensazione di essere incantati è rimpiazzata dall'irritazione e dal timore – su ciò che non è stato fatto oggi, quale fattura scaduta non è stata pagata, quale forma è stata persa.

Le fasi inizialmente pensate per essere adattive – come fastidioso e vergognoso – si verificano più frequentemente. E il partner non ADHD, solo per ottenere le faccende domestiche e le faccende domestiche necessarie, prende spesso il posto del suo partner. Insieme a questi cambiamenti comportamentali provengono rabbia, risentimento, delusione e disgusto. Si possono sviluppare più conflitti, gli argomenti diventano parte della vita quotidiana e la promessa di un amore che appaga e si approfondisce diventa incerta, se non improbabile.

Col tempo il partner non ADHD impara a compensare facendo da solo i compiti annullati, dal momento che è più semplice in quel modo. Oppure lui / lei può tormentare, perseguitare e spingere per fare le cose. Ma è l'impatto sulla relazione stessa che è così dannoso.

Man mano che la situazione persiste, i partner non ADHD spesso si relazionano con gli altri non in una relazione impegnata, ma più come i loro familiari a carico dell'adolescente. Alla fine, il divorzio o la separazione possono essere considerati, se non esplicitamente minacciati o discussi. Data la situazione, i partner non-ADHD possono essere inclini a sentirsi soli, non apprezzati o bruciati. La sensazione di essere in una relazione di supporto reciproco è indebolita e il risentimento si sviluppa nel tempo. Un fattore che spesso contribuisce a questi sentimenti è un malinteso sull'ADHD degli adulti. I comportamenti del partner con ADHD sono spesso (ragionevolmente) attribuiti a pigrizia, motivazione ridotta o difetti di carattere, piuttosto che visti come segni di ADHD per adulti.

L'uscita è per saperne di più sull'ADHD adulto e utilizzare queste informazioni per rafforzare la relazione e modificare alcuni dei modelli interpersonali problematici che si sono sviluppati nel tempo. Leggere libri come quelli sopra menzionati è molto utile, ma potrebbe non essere sufficiente a rimuovere i modelli di relazione profondamente radicati. Pertanto, la terapia di coppia con un professionista che è esperto di ADHD per adulti è altamente raccomandato. Per le esigenze specifiche del partner non-ADHD, la terapia individuale e la partecipazione a gruppi di supporto attraverso il CHADD con altri che hanno situazioni simili sono anche esperienze molto potenti e positive per affrontare queste sfide.

Solutions Collecting From Web of "ADHD e relazioni: l'altro partner"