ADHD e dipendenza da oppiacei

Gli Stati Uniti sono nel bel mezzo di una crisi di dipendenza da oppioidi che il CDC e altre organizzazioni di sanità pubblica hanno ritenuto un'epidemia. Tra il 1999 e il 2015, oltre 180.000 persone sono morte per overdose da oppioidi. Contrariamente agli stereotipi popolari dei tossicodipendenti dipendenti da eroina che vivono in povertà e isolamento, quasi la metà dei casi di overdose da oppioidi è dovuta agli oppioidi da prescrizione. Molti tossicodipendenti sono ad alto funzionamento e una parte significativa ha prescrizioni mediche valide.

Ogni giorno più di 1.000 persone sono trattate in pronto soccorso per incidenti ed effetti collaterali dovuti a oppioidi. Le persone con ADHD sono rappresentate sproporzionatamente tra le loro fila. Non è una semplice coincidenza. L'ADHD è un fattore di rischio significativo per la dipendenza e in particolare per la dipendenza da oppioidi.

Perché le persone con ADHD diventano dipendenti

Le persone con ADHD hanno maggiori probabilità di usare droghe e più probabilità di diventare dipendenti quando lo fanno. Nessun singolo fattore può spiegare questo fenomeno. Invece, è dovuto a una complessa interazione di molti problemi. Affrontare individualmente ciascun problema può ridurre il rischio di dipendenza da oppiacei o, in qualcuno che è già dipendente, di invertire la malattia della dipendenza.

Questi fattori di rischio includono:

Comportamento impulsivo Le persone con ADHD possono essere più propensi a provare la droga, a superare il dosaggio raccomandato di farmaci e ad intraprendere altre azioni sconsiderate.
Stimolazione in cerca. Le persone con ADHD cercano intrattenimento e stimolazione. Sono facilmente frustrati e annoiati, e le droghe possono aiutare ad alleviare questi sentimenti.
La frustrazione della vita con ADHD. Le persone con ADHD possono avere difficoltà a scuola o al lavoro, possono sviluppare depressione e tendono ad affrontare una serie di altre sfide della vita. Alcuni si rivolgono alle droghe come un modo per offuscare il dolore e rendere la vita più piacevole.

L'ADHD è collegato al dolore cronico

Il dolore cronico è un fattore di rischio significativo per l'abuso di oppioidi. Questo perché il dolore cronico rimane poco compreso e difficile da trattare. Le persone possono passare anni senza ricevere una diagnosi e molte persone con dolore cronico non imparano mai perché provano dolore. Sebbene la ricerca mostri che la terapia cognitivo-comportamentale, l'esercizio fisico e i cambiamenti nello stile di vita possono aiutare, il dolore può essere una barriera all'accesso a questi cambiamenti. Inoltre, le persone con dolore cronico possono sentirsi come se il loro dolore sia preso meno seriamente quando i medici non prescrivono farmaci.

Questo potrebbe essere il motivo per cui i medici sono così pronti a prescrivere oppioidi a persone con dolore cronico. È un tentativo errato di aiutare i pazienti a sentirsi meglio e di aiutarli a sentirsi ascoltati. Gli Stati Uniti consumano più oppioidi di qualsiasi altra nazione al mondo. Nel 2013, i medici hanno scritto oltre 200 milioni di prescrizioni di oppioidi.

Quindi cosa c'entra questo con l'ADHD? Plenty. Una nuova ricerca suggerisce che le persone con ADHD possono essere più vulnerabili al dolore cronico rispetto ad altri. Data la loro propensione alla dipendenza, la combinazione di ADHD e dolore cronico è particolarmente onerosa.

Molti adulti con ADHD non diagnosticati

L'ADHD non va necessariamente nell'età adulta. E per alcuni adulti, l'ADHD fa la sua prima apparizione ben oltre l'infanzia. Poiché molti medici vedono l'ADHD come un disturbo dei bambini, spesso non viene diagnosticato in età adulta. Ciò significa che i fornitori potrebbero non riconoscere le persone a maggior rischio di dipendenza da oppiacei e altre dipendenze perché non sono adeguatamente diagnosticate. ADHD non diagnosticata significa anche ADHD non trattato. Quindi gli adulti il ​​cui ADHD non diagnosticato sono più vulnerabili a sintomi gravi, nonché a condizioni correlate, come depressione e ansia.

È importante essere prudenti quando si prescrivono oppioidi

I medici devono camminare su una linea sottile tra onorare il bisogno dei loro pazienti di farmaci antidolorifici e impedire ai loro pazienti di diventare dipendenti da oppioidi. Cospargete gli stressanti aggiunti di cure gestite, troppi pazienti e pazienti che potrebbero non essere sempre onesti e avete una ricetta per un problema serio.

Alcuni medici semplicemente non stanno attenti con gli oppiacei. In effetti, la ricerca mostra che alcuni medici hanno semplicemente maggiori probabilità di creare tossicodipendenti oppiacei rispetto ad altri. Uno studio ha scoperto che alcuni medici del pronto soccorso prescrivono oppioidi tre volte più spesso dei loro coetanei, anche se stanno trattando pazienti simili.

Per le persone con ADHD, questo è particolarmente rischioso. Gli adulti che hanno o sospettano di avere ADHD hanno bisogno di lavorare con un medico che comprende come gestire il dolore cronico, il rischio di dipendenza e l'ADHD. Questo potrebbe voler dire avere uno psichiatra che lavora con un fornitore di cure primarie. Non esitare a difenderti. Chiedi informazioni sui rimedi non terapeutici e assicurati che il medico segua le linee guida per la prescrizione di CDC. Quelli includono:

-Procedere agli oppioidi solo quando è improbabile che altri rimedi siano efficaci.
-Specificare i cambiamenti dello stile di vita, come l'esercizio e la terapia, in primo luogo
– Valutazione del rischio di dipendenza e abuso da oppioidi da parte di ciascun paziente. Questo può includere esplorare la storia psichiatrica e parlare della connessione tra ADHD e dipendenza da oppioidi.
-Continuo a monitorare i pazienti per segni di abuso di oppioidi e interrompere il trattamento il più presto possibile.
-Prescrivere le dosi più basse quando possibile e clinicamente efficace.

ADHD può mascherare i sintomi di abuso di oppiacei

È abbastanza facile snocciolare i sintomi dell'ADHD e dell'abuso di oppioidi. Il problema è che si può nascondere l'altro. La dipendenza da oppioidi non trattati può sembrare molto simile all'ADHD adulto. Ciò rende più facile per i propri cari liquidare i sintomi e consente alla dipendenza di andare fuori controllo, rendendo potenzialmente più difficile il trattamento.

L'ADHD per adulti e la dipendenza da oppioidi sono curabili, ma solo se si cerca un trattamento. Entrambe le condizioni tendono a peggiorare con il tempo, quindi il momento migliore per cercare un trattamento è sempre oggi.

Solutions Collecting From Web of "ADHD e dipendenza da oppiacei"