ADHD come Continuum, Inside e Out

I critici dell'ADHD come entità valida hanno sottolineato come la diagnosi possa essere soggettiva all'interpretazione quando il livello di attività di un bambino deve essere considerato troppo alto o un livello di attenzione troppo basso. Accumulare dati di ricerca ha dimostrato in modo abbastanza conclusivo a questo punto che una delle cose che complica la diagnosi di ADHD è che i comportamenti che lo costituiscono non esistono in una forma binaria (cioè gruppi chiaramente distinti di persone con livelli normali e anormali) ma piuttosto come uno spettro o un continuum non dissimile dall'intelligenza o dalla pressione sanguigna. Ho già scritto su questo argomento in diversi post del blog PT qui e qui oltre al mio libro che affronta la questione generale di cercare di tracciare la linea tra tratti e disordini.

Quello che è stato molto meno studiato è il grado in cui le cause e la sottostante neurobiologia dei comportamenti ADHD esistono anche in un continuum, contrapposte a cose un po 'separate che contribuiscono a livelli di attenzione e di attività a livelli moderati rispetto a livelli più estremi. Questa domanda ha generato un dibattito all'interno di una piccola comunità scientifica che è stata probabilmente troppo civile ed esoterica per fare notizia. Tuttavia, un esame di questo argomento è stato recentemente pubblicato sul Journal of American Academy of Child and Adolescent Psychiatry.

I dati provengono da uno studio ben noto dall'Inghilterra chiamato Avon Longitudinal Study of Parents and Children (ALSPAC). Mentre la metodologia è un po 'complicata, gli scienziati hanno controllato più di mezzo milione di geni da un campione di circa 4.500 bambini per vedere quali erano associati a lievi livelli di iperattività e disattenzione. Intendiamoci, non hanno guardato rare mutazioni che tendono ad avere grandi effetti ma piuttosto versioni di geni, chiamati polimorfismi a singolo nucleotide o SNP, che tutti noi portiamo in una certa misura. Da questa analisi sono stati in grado di calcolare un "punteggio di rischio poligenetico" complessivo. Questo punteggio è stato quindi utilizzato per confrontare un gruppo diverso di circa 500 bambini con ADHD documentato a un gruppo di controllo per vedere se queste stesse varianti genetiche comuni erano correlate al tratto i livelli di ADHD erano anche correlati a persone con una diagnosi completa di ADHD.

La linea di fondo era che lo erano, anche se chiaramente questi geni comuni non erano l'intera storia per l'ADHD, che è ben noto anche per essere collegato a determinati fattori ambientali (dalla genitorialità all'esposizione al piombo) e ad altri tipi di influenze genetiche.

Gli autori hanno concluso che i loro dati supportano l'ipotesi che il disturbo dell'ADHD sia meglio compreso in una parte di uno spettro di variazioni del tratto normale.

Questo è solo uno studio, ma in un certo senso è in qualche modo una vittoria per entrambi i campi attraverso il dibattito ADHD. Coloro che in genere sostengono la validità scientifica di ADHD accolgono con favore queste informazioni aggiuntive che offrono alcune intuizioni reali su come qualcosa possa essere molto reale nel cervello e nei geni, ma ancora eludere il rilevamento come qualcosa che un radiologo può puntare su una risonanza magnetica e dicono, "C'è l'ADHD." I critici dell'ADHD, tuttavia, possono anche usare questo studio come supporto per l'idea che vedere l'ADHD da una classica prospettiva del modello "malattia del cervello" sia problematico. Il dibattito proseguirà sicuramente, ma lo studio è una bella illustrazione di come la scienza possa tagliare un argomento altamente polarizzato e politico fino alla conclusione che nessuno, a parte me a volte sembra, ama davvero.

@ Copyright di David Rettew, MD

David Rettew è autore di Child Temperament: New Thinking About the Boundary Between Traits and Illness e un bambino psichiatra nei dipartimenti di psichiatria e pediatria dell'Università del Vermont College of Medicine.

Seguilo su @PediPsych e come PediPsych su Facebook.

Solutions Collecting From Web of "ADHD come Continuum, Inside e Out"