Addicted to Therapy

Woody Allen era in psicanalisi da decenni. Era abbastanza per curare la sua angoscia? La psicoterapia a lungo termine sembra essere in declino in questi giorni – rimanere sul divano per più di cinque o sei anni è estremo, ma molti pazienti hanno difficoltà a dire addio al terapeuta. Spesso il paziente si sente curato e al sicuro, e ha paura di lasciare questa relazione nutrimento. Molti sentono una persistente paura che se dovessero affrontare il mondo da soli, non potrebbero tenerlo insieme. Il loro disagio emotivo, le lotte relazionali e altri sintomi avrebbero preso il sopravvento, e sarebbero appena tornati strisciando sul divano.

Un fenomeno correlato è l'occasionale "hopper della terapia" – i pazienti che saltano da un medico all'altro – forse godendo il brivido degli incontri iniziali e delle prime sedute di psicoterapia. Devono raccontare le storie della loro prima infanzia e dei problemi attuali più e più volte, senza dover scavare più a fondo nella loro vita emotiva. Quindi fuggono dalla terapia prima che i sentimenti diventino troppo intensi.

In uno dei casi insoliti che descrivo in "La donna nuda che si è fatta strada nella sua testa: le storie di uno psichiatra dei suoi casi più bizzarri", il paziente sembrava avere problemi di dipendenza – non all'alcol e alla droga, ma prima al cibo e quindi allo shopping. Dopo quella che sembrava essere una terapia di successo per i suoi impulsivi acquisti, insieme all'aiuto di un programma di debitori anonimi in 12 fasi, ho scoperto che aveva segretamente iniziato sessioni di psicoterapia regolari con una mia collega, continuando a lavorare ogni settimana con me. Dopo averla affrontata, ha ammesso di aver bramato il brivido provato dalle prime intuizioni sperimentate in terapia con me – per esempio, quando si è resa conto che la sua dipendenza si era spostata dal mangiare allo shopping. Per quanto provasse, il brivido della terapia con me stava calando, e vedere un altro terapeuta era il suo modo di andare avanti. Ora, avevo sentito parlare di tossicodipendenti seriali: persone che prendono a calci un'abitudine solo per passare a un'altra. Il modello di ricerca del brivido è lo stesso, ma l'oggetto del desiderio cambia. Tuttavia, a quel punto non avevo mai sperimentato un paziente che fosse dipendente dal cambiamento di terapista.

Se le persone sono dipendenti da sostanze, come alcol o droghe o processi, come il gioco d'azzardo, il sesso, il lavoro o la spesa, soffrono di sintomi simili. Si preoccupano dell'esperienza, sviluppano tolleranza e bramano dosi più alte, hanno difficoltà a evitare l'esperienza e hanno sintomi da astinenza quando non riescono a ottenere quello che vogliono. Spesso nascondono i loro comportamenti di dipendenza e cercano di sfuggire o evitare sentimenti scomodi sostituendo una dipendenza con un'altra. Non tutti gli esperti concordano sul fatto che alcuni di questi comportamenti rappresentino vere dipendenze o solo comportamenti ossessivo-compulsivi. Ad esempio, gruppi di lavoro per il nuovo Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-V) hanno sostenuto che non vi sono prove sufficienti per includere Internet come categoria di dipendenza.

Che la chiamiamo ossessione o dipendenza, i circuiti cerebrali sovrapposti che controllano la ricerca del piacere sono coinvolti quando le persone rinunciano a una dipendenza solo per sostituirne un'altra, e sappiamo che questi comportamenti interrompono la vita delle persone. Quando i pazienti si spostano tra forme di dipendenza, il problema può sfuggire ad amici, familiari e professionisti.

La maggior parte degli specialisti è a conoscenza del cambio di dipendenza, ma qualcuno può davvero rimanere agganciato alla terapia o sviluppare una dipendenza da terapia seriale? Cosa ne pensi?

Copyright Gary Small, MD

Seguimi su Twitter su drgarysmall.

Vedi il mio nuovo libro, "La donna nuda che le è venuta in testa: le storie di uno psichiatra sui suoi casi più bizzarri".

Solutions Collecting From Web of "Addicted to Therapy"