Adattamento del giuramento antico alla ricerca della rilevanza moderna

"I tempi stanno cambiando" è l'eufemismo di tutti gli understatements! È probabilmente sicuro dire che questo cliché è particolarmente applicabile a ciò che noi chiamiamo eufemisticamente American Medical System. Esplorerò diversi argomenti contemporanei di medicina per i prossimi numerosi blog; tuttavia non nel solito modo che riguarda i meccanismi del sistema: Medicaid, Medicare, Obamacare, ecc. Invece, voglio discutere alcune questioni comportamentali da una prospettiva storica ed etica, eventualmente catalizzando il pensiero e la discussione su argomenti che spesso stimolano individui forti sentimenti. Il lettore dovrebbe pensare a ciò che scrivo come spunto di riflessione e discussione e in nessun modo a sostenere o contrastare gli argomenti. Andiamo indietro nel tempo per le basi di questa discussione.

Nell'antichità, la pratica della medicina era basata sulla magia e sull'astrologia, piuttosto che su qualsiasi parvenza di scienza. Ippocrate di Cos, che visse tra il IV e il V secolo aC, fu probabilmente il primo a occuparsi sia degli aspetti scientifici che di quelli etici della medicina. In realtà, il giuramento di Ippocrate così come è scritto, non rappresenta la pratica medica greca del tempo. Il pensiero ippocratico in realtà assomigliava più a principi giudaico-cristiani che alle flessibili pratiche ellenistiche del suo tempo, in cui l'infanticidio, l'aborto e il suicidio erano condonati e forse persino incoraggiati. Si pensa, quindi, che Ippocrate fondasse essenzialmente un nuovo modo etico che gli valse il titolo di padre della professione.

La leggenda vuole che abbia proposto un giuramento che sarebbe un impegno non vincolante di intenti per il comportamento etico nella pratica della medicina. Per molti anni, quel giuramento è stato recitato diplomando studenti di medicina durante gli esercizi di inizio; infatti, ho un vivido ricordo dell'eccitazione che provavo quando il mio primo atto dopo aver ricevuto il diploma di medicina era recitare il giuramento con i miei compagni di classe. La recitazione del giuramento di Ippocrate è, ammettiamolo, solo una formalità oggi, ed è fatta solo sporadicamente tra la preghiera delle istituzioni e il giuramento di fedeltà, poiché alcuni ritengono che alcuni siano politicamente inappropriati. Ancora il fascino rimane, e molti riferimenti sono fatti, nonostante il fatto che la maggior parte dei pazienti e anche alcuni medici non hanno idea di ciò che Ippocrate in realtà ha detto. Sospetto che la maggior parte pensi che il giuramento sia di interesse storico solo – una scrittura che simboleggia un rito tradizionale di passaggio piuttosto che un documento funzionale. Una delle libertà del processo di invecchiamento, tuttavia, è di essere dogmatica, e in questo scritto, usando questo privilegio auto-concesso, cerco di negare questa idea del giuramento. In realtà, gran parte di questo libro di regole antico ma sorprendentemente precoce è pertinente e praticabile nella pratica odierna della medicina.

Nonostante tutte le pressioni secolari e progressiste dei tempi contemporanei, credo che ci sia un imperativo per i medici di salvare i resti di integrità morale da un clima poco promettente. A causa della mia fede negli alti ideali delineati nel giuramento di Ippocrate, e poiché sono preoccupato per il comportamento del medico, l'etica e la loro relativa moralità, credo che valga la pena esaminare non solo il contenuto originale del giuramento, ma anche alcune delle modifiche che hanno stato fatto in una ricerca di rilevanza moderna.

Le scuole di medicina che amministrano il giuramento di solito la adattano per bypassare la formulazione originale, che proibisce l'aborto e l'eutanasia, e inoltre ammonisce i medici contro l'esecuzione di un intervento chirurgico. Dovrebbe essere chiarito, tuttavia, che l'esclusione delle dichiarazioni sull'aborto e l'eutanasia dalle versioni moderne non rappresenta un sostegno di fatto né una condanna di nessuno dei due. L'assenza della formulazione è intesa a consentire la flessibilità giuridica, nonché il dibattito e il disaccordo tra i membri sia della professione che del pubblico. In effetti, attualmente c'è un dialogo molto vigoroso all'interno di circoli accademici e legali su questi temi. I temi dell'aborto e dell'eutanasia in particolare, e un altro relativo alla formazione chirurgica speciale, sono in realtà nel dominio della mia discussione, e nei prossimi blog, cercherò di tessere l'applicabilità di questi argomenti nelle considerazioni del lettore senza prendere posizione o avallando una vista specifica.

Ovviamente, altre complesse questioni etiche associate alle conoscenze acquisite di recente non si trovano nella clonazione di giuramenti originale e in altre ingegneria genetica, nella ricerca sulle cellule staminali e altre, tutte di pertinente interesse. Questi sono tempi fertili per i bio-etici. Tuttavia, una discussione che include tutti gli adattamenti necessari del giuramento va oltre lo scopo di questi blog. Quasi certamente, man mano che le conoscenze scientifiche crescono, emergeranno nuovi argomenti che sfidano intellettualmente gli esperti di etica e, a livello pratico, sfidano i medici che amministrano la cura del paziente. Con l'evolversi di questo discorso intellettuale, la professione medica interagirà quasi certamente, sarà d'accordo e in disaccordo, e si opporrà o si acconsente alle macchinazioni intellettuali degli antropologi sociali.

Poiché il comportamento del medico è una questione importante per me, vorrei esaminare il documento originale di Ippocrate e spiegare come è stato modificato nella ricerca dell'applicabilità moderna. Nel fare ciò, ho affrontato solo quei cambiamenti che ritengo più rilevanti per il mondo di oggi. Ad esempio, alcuni adattamenti, come la restrizione dell'aborto del giuramento, sono controversi e giustificano la discussione, ma per i nostri scopi, solo in modo limitato. Le mie opinioni personali potrebbero essere ovvie per mezzo di aneddoti, ma non hanno lo scopo di sfidare le credenze del lettore. Quindi, viene offerta una guida di premura piuttosto che un motto. Avvicinarsi alla discussione generale sull'aborto sarebbe presuntuoso da parte mia e inoltre rischierebbe la polarizzazione politica e la diluizione dei pensieri che sono essenziali per il mio scopo letterario.

Quello che segue è il giuramento di Ippocrate completo che è stato originariamente tradotto dal greco:

"Giuro su Apollo, Asclepio, Hygeia e Panacea, e prendo a testimoniare tutti gli dei, tutte le dee a mantenere secondo le mie capacità e il mio giudizio, il seguente giuramento.

Considerare caro a me, come ai miei genitori, a colui che mi ha insegnato quest'arte; vivere in comune con lui e, se necessario, condividere i miei beni con lui; considerare i suoi figli come miei fratelli, insegnare loro quest'arte.

2. prescriverò regimi per il bene dei miei pazienti

secondo le mie capacità e il mio giudizio e non farlo mai

danno a nessuno.

3. Non darò una droga letale a nessuno se me lo chiederanno, né lo farò

Consiglio un tale piano. Allo stesso modo, non darò una donna a

pessario * per causare un aborto.

4. Conserverò la purezza della mia vita e della mia arte.

5. Non taglierò per pietra, anche per i pazienti in cui il

la malattia è manifesta; Lascerò questa operazione per essere

eseguita da professionisti che sono specialisti in questo

arte.

6. In ogni casa in cui vengo, entrerò solo per il bene

dei miei pazienti, tenendomi lontano da tutti i malati intenzionali

facendo e tutta la seduzione, specialmente dai piaceri di

amare con donne o uomini, siano essi liberi o schiavi.

7. Tutto ciò che può venire alla mia conoscenza nell'esercizio del mio

professione o nel commercio quotidiano con gli uomini, che dovrebbe

non essere diffuso all'estero, terrò segreto e non lo farò mai

svelare.

8. Se mantengo fedelmente questo giuramento, mi goda la mia vita e

pratica la mia arte, rispettata da tutti gli uomini in ogni momento; ma

se mi allontano da esso o violo, può essere il contrario.

Il paragrafo introduttivo dell'originale giuramento di Ippocrate che faceva riferimento agli dei pagani è ovviamente assente dalle versioni dei giorni moderni. Diverso è anche il primo paragrafo che affronta "l'insegnamento della medicina ai figli dei miei insegnanti". Questa sezione si riferisce alla perpetuazione della corporazione della medicina in cui i figli dei medici hanno spesso seguito la tradizione familiare. Fino a tempi recenti, le scuole di medicina generalmente davano una considerazione preferenziale ai figli maschi dei medici. La demografia della medicina, tuttavia, è cambiata sostanzialmente – lentamente negli anni '70, ma drammaticamente negli ultimi venti o trenta anni, così che ora il processo di selezione per la scuola medica si basa appropriatamente su un sistema di meritocrazia e, di conseguenza, a la metà delle classi in entrata tipiche sono le donne. Poiché la professione assume sempre più una personalità bi-gender, le interazioni medico-paziente-empatia, pazienza, ecc. Cambieranno senza dubbio un po '. Come in tutte le parti della "forza lavoro", le ramificazioni di questa tendenza in termini di comportamento forniscono un terreno fertile per la discussione, che lascio felicemente agli antropologi sociali e agli altri studiosi di biologia comportamentale. Quindi, questa parte del Giuramento non può più essere applicata in modo letterale.

La sezione del giuramento che parla di "mai tagliare per pietra" (parte 5) si riferisce letteralmente all'intervento che è stato eseguito per calcoli renali e vescicali. Questa limitazione si basava sul fatto che i medici di quel tempo compromettevano il loro status nella società se facevano un intervento chirurgico, che era lasciato ad altri individui "meno seri". I compiti chirurgici sono stati lasciati in gran parte ai barbieri. Questo è adattabile ai tempi contemporanei mediante interpellanza e applicazione. In effetti questo può essere usato per la restrizione della chirurgia a quelli adeguatamente addestrati a farlo. Facendo un ulteriore passo avanti nella discussione sul cancro, uno dei punti che ho discusso in un blog precedente era che in questo giorno di cura del cancro molto sofisticata, il team multidisciplinare di specialisti del cancro è la norma piuttosto che l'eccezione. Come parte integrante di quella squadra, l'oncologo chirurgico (cioè il chirurgo del tumore) è la chiave. In sostanza, non c'è posto nella chirurgia del cancro per un chirurgo con un allenamento marginale o uno che fa solo interventi chirurgici occasionali al tumore. Nelle comunità più piccole, questo problema crea molte difficoltà pratiche sia per i pazienti che per i medici locali, e quando i pazienti in comunità più piccole non possono o non vogliono andare in un centro per i tumori, possono creare un difficile dilemma per i medici locali. Il giorno della ultra sub-specializzazione si basa su questa sezione profetica del giuramento.

Le parti 2 e 3 del giuramento riguardano ciò che nel linguaggio moderno dei bioeticisti viene definito "beneficenza del paziente" o ciò che potrebbe essere definito genericamente come ciò che è nell'interesse di un paziente. "Per prescrivere regimi per il bene dei miei pazienti. . . e non fare mai del male a nessuno "e" non dare mai una droga letale "sono direttive chiare nelle loro intenzioni. Questa è la sezione del giuramento più rilevante per la cura dei pazienti oncologici di oggi. La morte e la morte, la morte assistita dal medico, il suicidio assistito dal medico e l'eutanasia sono questioni importanti e spesso controverse che rientrano in questa categoria. Mentre questo saggio è scritto, ci sono forze sociali e politiche al lavoro relative a questi stessi problemi, e una discussione sostanziale sulla cura del cancro deve coinvolgere questi argomenti. I membri del team oncologico dovrebbero cercare di capire i propri sentimenti riguardo a questi problemi sobri. Paragono questa autovalutazione del dottore del cancro allo sviluppo di psicoterapeuti, ai quali è richiesto di sottoporsi a tempo di terapia / analisi personale come pazienti con un collega psichiatrico. Facendo seguito a questa "analisi", si spera che meglio comprendano come le loro forze e limitazioni psichiche intersechino quelle dei loro pazienti psichiatrici. Un concetto paragonabile e dinamico sono all'opera in oncologia.

Solo dopo che il medico ha definito i propri pensieri su morte e morte, dovrebbe iniziare un dialogo simile con un paziente.

I pazienti sono spesso spaventati da tale discussione e non affronteranno la questione. La possibilità di morte è almeno una parte subliminale di ciò che si annida nella mente della maggior parte dei malati di cancro e, quando indicato, nessuno dovrebbe essere più abile di un oncologo a indagare su questo. L'evitare questa discussione scomoda porta a malintesi, false supposizioni e aspettative, nonché a un approccio errato alla malattia del paziente. Idealmente, l'efficacia delle capacità comunicative del medico dovrebbe mitigare la negatività di questo argomento sobrio. In un futuro blog, ho in programma di discutere uno degli argomenti più caldi del suicidio assistito da day-doctor; cioè l'eutanasia.

La terza parte del giuramento che vieta l'induzione di un aborto viene cancellata dalle versioni moderne, non perché la professione medica americana approva o condona la pratica, ma per consentire una discussione su questa materia molto controversa. In realtà, la pratica, sebbene legale, non è né scoraggiata né incoraggiata dalle attuali linee guida della professione. L'argomento merita una discussione mirata e sarà l'argomento di un futuro blog.

• Pessario: un dispositivo indossato nella vagina per sostenere l'utero, ma è stato usato dagli antichi per indurre un aborto

Solutions Collecting From Web of "Adattamento del giuramento antico alla ricerca della rilevanza moderna"