Acquista corsi, artigianato e creatività

//www.flickr.com/photos/53374366@N07/4931114031/ Licence: https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/
Fonte: Maker faire Africa, creazione di mani, foto: Maker Faire Africa 2010 – Nairobi @ https://www.flickr.com/photos/53374366@N07/4931114031/ Licenza: https://creativecommons.org/licenses/by/ 2.0 /

Una grande attenzione è stata rivolta ultimamente alle conseguenze negative dell'eliminazione di programmi artistici, teatrali, di danza e musicali dalle scuole primarie e secondarie – e abbiamo aggiunto i nostri due centesimi alla discussione – ma le classi di artigianato e tecnologia stanno scomparendo proprio altrettanto veloce, se non più veloce. Il numero di classi di negozi offerti nelle scuole statunitensi è in calo dagli anni '70, quando la spinta per tutti a frequentare il college ha preso piede (Moses, 2009). Ad esempio, una recente decisione della Western Association of Schools and Colleges di non concedere più crediti universitari per le classi di negozi e artigianato ha fatto sì che Stati come la California riducessero il 90% delle loro classi di negozi (Brown, 2012). L'ipotesi sembra essere che solo le persone che non possono tagliarlo all'università dovrebbero seguire questi corsi e che i corsi di commercio e artigianato non portano alcun beneficio agli studenti più brillanti. Entrambe le ipotesi sono sbagliate. I nostri studi suggeriscono che se la società vuole incoraggiare scienziati e inventori innovativi, dovrà ricollocare le classi di negozio e artigianato nel curriculum.

Come quelli di voi che seguono il nostro blog, siamo interessati a studiare persone molto creative e innovative per vedere quali sono le loro esperienze educative formali e informali che possono dirci cosa potrebbe portare beneficio a tutti. Per esempio, stiamo attualmente completando uno studio sulle attività di tutti i premi Nobel in tutti i diversi campi in cui sono stati assegnati questi premi: Fisica, Chimica, Medicina e Fisiologia, Economia, Letteratura e Pace. Abbiamo anche completato uno studio dei membri della National Academy of Engineering degli Stati Uniti. Discuteremo le nostre scoperte nei blog futuri. Per il momento, vogliamo concentrarci su una scoperta particolare che distingue gli scienziati e gli ingegneri di maggior successo da quelli di minor successo: la partecipazione alle attività commerciali e artigianali.

Le statistiche sono convincenti. Circa il 40 percento degli ingegneri della National Academy of Engineering degli Stati Uniti ha avocazioni di artigiani adulti nella lavorazione del legno, lavorazione dei metalli, meccanica, ceramica, soffiatura del vetro, elettronica e / o computer ricreativo. Da qualche parte tra il 15 e il 20 percento dei fisici, chimici e ricercatori medici che vincono premi Nobel hanno anche avventure per adulti in uno o più di questi mestieri (Root-Bernstein, et al., 2008). In confronto, solo il 2-3 per cento degli scienziati tipici e dei premi Nobel in Economia, Letteratura e Pace si impegnano in tali attività (dati non pubblicati). La partecipazione all'artigianato è quindi una delle differenze più interessanti tra scienziati di successo o ingegneri e tutti gli altri. Inoltre, abbiamo scoperto che siamo in grado di differenziare gli scienziati e gli ingegneri che producono le invenzioni più brevettabili o che stabiliscono nuove società in base alla loro partecipazione ai mestieri a vita: più esperienza di artigianato ha uno scienziato o ingegnere, maggiore è la probabilità di fornire contributi economicamente utili a società (Root-Bernstein, et al., 2013). In altre parole, investire nell'educazione all'artigianato pagherà nelle invenzioni e nelle nuove aziende che li producono, guidando così la nostra intera economia.

Certamente, le avocazioni di artigiani adulti derivano quasi invariabilmente dall'esperienza infantile e adolescenziale. Molti premi Nobel spiegano perché tali esperienze siano state così importanti per le loro successive carriere. Ecco alcuni esempi degli ultimi venti anni, anche se le classi di botteghe e mestieri stavano scomparendo nelle nostre scuole:

Alla fine degli anni '90 Richard Smalley, premio Nobel per la chimica (1996), attribuiva la sua inventiva inclinazione alla pratica ludica facendo le cose da adolescente: "Da mio padre ho imparato a costruire cose, a smontarle e a riparare attrezzature meccaniche ed elettriche in generale. Passai lunghe ore in un negozio di falegnameria che teneva nel seminterrato della nostra casa, costruendo gadget, lavorando sia con mio padre che da solo, spesso fino a tarda notte. Mia madre mi ha insegnato il disegno meccanico in modo da poter essere più sistematico nel mio lavoro di progettazione, e ho continuato a scrivere lezioni durante i miei 4 anni di scuola superiore. Questo gioco con la costruzione, il fissaggio e la progettazione è stata la mia attività preferita durante tutta la mia infanzia, ed è stata una meravigliosa preparazione per la mia successiva carriera di sperimentista che lavora alle frontiere della chimica e della fisica "(Smalley, 1996).

Robert B. Laughlin (Nobel Prize Physics, 1998) ha ricordato che il gioco creativo sviluppato da bambino ha sviluppato abitudini di pensiero che hanno influenzato il suo approccio scientifico successivo: "Io … ero abituato a smontare gli elettrodomestici quando hanno rotto nel tentativo di risolverli, cosa che raramente ha fatto con successo, essendo un bambino. Sto meglio ora … Fu attraverso un gioco così creativo che imparai a conoscere le giranti delle pompe, i cicli di refrigerazione, la resistenza del materiale, la corrosione e i rudimenti dell'elettricità, e ancora più importante l'idea che la vera comprensione di una cosa derivi dal prenderla a parte, non leggerla in un libro o sentirne parlare in un'aula. Fino ad oggi insisto sempre a risolvere un problema sin dall'inizio senza leggerlo prima, un'abitudine che a volte mi mette nei guai ma altrettanto spesso mi aiuta a vedere le cose che i miei predecessori hanno mancato "(Laughlin, 1998).

John E. Sulston, che ha vinto il premio Nobel per la chimica nel 2002, ha attribuito il suo successo allo sviluppo di abilità manipolative acquisite attraverso il gioco creativo e l'artigianato: "Fin da quando mi ricordo, e prima, ero un artigiano, un produttore e doer … Io non sono una persona di libri ma una persona di mani … E quello fu l'inizio della mia carriera scientifica, se così puoi chiamarlo così "(Sulston, 2002).

Thomas Steitz, premio Nobel per la chimica nel 2009, ha elogiato in particolare la conoscenza della mano che ha acquisito nella scuola secondaria: "Ho scoperto che le competenze di base nel lavorare con strumenti e materiali che ho appreso nei corsi del negozio si sono rivelate preziose per me nelle successive anni, a casa e in laboratorio, compresa la costruzione di modelli di proteine. Penso che sia un peccato che tali corsi siano stati eliminati in molte scuole oggi come inutili o troppo costosi "(Steitz, 2009).

Testimonianze come questa sono avvincenti. Perché i migliori chimici, fisici e fisiologi dovrebbero essere così pronti a riposare gli allori sul gioco creativo e sulla formazione artigianale che hanno ricevuto da bambini e giovani? La risposta è, perché le lezioni che hanno appreso e i talenti che hanno affinato li hanno mantenuti in buono stato per tutta la vita. Non c'è da stupirsi che molti esprimano grande preoccupazione per la diminuzione delle prime pratiche artigianali tra gli attuali studenti di scienziati e ingegneri studenti. Solo tre anni fa, Heinz Wolff del British Institute of Engineering and Technology ha proclamato che l'eliminazione delle classi di artigianato ha portato alla "morte della competenza":

"Con queste cose [opportunità di lavorare con le mani] sviluppi effettivamente un occhio alla fine del dito, e lo fai quando hai sette anni …. Ma è sparito … I nostri studenti di ingegneria non possono fare cose. Potrebbero essere in grado di progettare cose su un computer, ma non possono fare cose. E non credo che tu possa essere un ingegnere correttamente … senza avere una certa abilità nel fare le cose "(Wolff, 2012).

U.S. Navy photo by Photographer's Mate Airman Philip V. Morrill his file is a work of a sailor or employee of the U.S. Navy, taken or made as part of that person's official duties. As a work of the U.S. federal government, the image is in the public domain.
Fonte: foto della US Navy del fotografo Mate Airman Philip V. Morrill il suo file è un lavoro di un marinaio o impiegato della Marina statunitense, preso o fatto come parte delle funzioni ufficiali di quella persona. Come opera del governo federale degli Stati Uniti, l'immagine è di pubblico dominio.

Scienziati e ingegneri hanno bisogno di una formazione artigianale. E stranamente, le persone di tutti i ceti sociali – inclusi i datori di lavoro – sembrano volerlo anche loro. L'eliminazione delle classi di artigianato dalle scuole non ha completamente eliminato la spinta personale ad acquisire abilità artigianali e / o il bisogno economico di conoscenza dell'artigianato. C'è un'enorme carenza di persone in grado di fare e sistemare cose che molte aziende che richiedono competenze di negozio stanno ora donando soldi ai sistemi scolastici negli Stati Uniti per reintrodurre le classi necessarie (Beltran, 2013; Quinton, 2013). Contemporaneamente, la società ha assistito all'ascesa del "movimento dei maker", un movimento artigianale auto-organizzativo che entusiasma persone di tutte le età in tutto il mondo, informalmente, fuori dalle mura scolastiche, per diventare inventori e imprenditori, scienziati e ingegneri (Wikipedia) .

"Con l'amo o la truffa" potrebbe essere il motto dei nostri futuri Nobelisti. O forse molto probabilmente, il nostro sistema educativo si sveglierà all'importanza vitale del fare e del crafting fin dall'infanzia per tutti, inclusi futuri scienziati e ingegneri.

© 2015 Robert e Michele Root-Bernstein

Riferimenti

Beltran K. 2013. La morte della classe del negozio è molto esagerata. https://www.cabinetreport.com/curriculum-instruction/death-of-shop-classes-greatly-exaggerated-just-ask-collision-repair

Brown TT. 2012. La morte della classe del negozio. http://www.forbes.com/sites/tarabrown/2012/05/30/the-death-of-shop-class-and-americas-high-skilled-workforce/

Laughlin RB. 1998. Robert B. Laughlin – Biografico ". Nobelprize.org. Nobel Media AB 2014. Web. 11 maggio 2015. http://www.nobelprize.org/nobel_prizes/physics/laureates/1998/laughlin-bio.html

Moses, A. 2009.Shop classi e formazione professionale. http://www.edutopia.org/shop-classes-vocational-education-technology

Quinton S. 2013. Il futuro della classe del negozio. http://www.theatlantic.com/education/archive/2013/12/the-future-of-shop-class/282389/

Root-Bernstein RS, Allen, L., Beach, L., Bhadula, B., Fast, J., Hosey, D., Kremkow, B., Lapp, J., Lonc, K., Pawelec, K., Podufaly, A., Russ, R., Tennant, L., Vrtis, E., Weinlander, S. 2008. Successo di promozione delle arti: confronto tra premi Nobel, Royal Society, National Academy e Sigma Xi Members. J. Psychol. Sci. Tech. 1 (2): 51-63.

Root-Bernstein RS, Lamore R, Lawton J, Schweitzer J, Root-Bernstein MM, Roraback E, Peruski A, Van Dyke M. 2013. Arte, artigianato e STEM Innovazione: un approccio di rete per comprendere l'economia della conoscenza creativa In: Creativo Comunità: opere d'arte nello sviluppo economico , Michael Rush, redattore. Washington DC: National Endowment for the Arts e The Brookings Institution, pp. 97-117.

Smalley RE. 1996. "Richard E. Smalley – Biographical". Nobelprize.org. Nobel Media AB 2014. Web. 11 maggio 2015. http://www.nobelprize.org/nobel_prizes/chemistry/laureates/1996/smalley-bio.html

Steitz TA. 2009. "Thomas A. Steitz – Biographical". Nobelprize.org. Nobel Media AB 2014. Web. 11 maggio 2015. http://www.nobelprize.org/nobel_prizes/chemistry/laureates/2009/steitz-bio.html

Sulston J. 2002. Autobiografia. http://nobelprize.org/nobel_prizes/medicine/laureates/2002/sulston-autobio.html

Wikipedia. 2015. Cultura del maker. http://en.wikipedia.org/wiki/Maker_culture

Wolff H. 2012. Destrezza manuale. http://micromath.wordpress.com/2012/01/11/manual-dexterity/

Solutions Collecting From Web of "Acquista corsi, artigianato e creatività"