Accettare le emozioni spiacevoli il segreto della felicità?

alphaspiri/Shutterstocy
Fonte: alphaspiri / Shutterstock

Ti senti oltraggiato, ansioso, affranto o qualsiasi altro tipo di emozione negativa oggi? Se è così, ci sono delle buone notizie. Ricerche recenti suggeriscono che permettere a te stesso di provare uno spettro di emozioni spiacevoli – e non fingere che tutto sia hunky-dory essendo una Pollyanna – ti farà davvero sentire meglio a lungo andare. Nell'ultima settimana, due studi separati hanno riportato i benefici dell'abbracciare le emozioni autentiche durante i momenti di tristezza o angoscia.

Il primo studio sull'accettazione emotiva, dell'Università della California, a Berkeley, ha rilevato che esercitare pressione su se stessi per sentirsi ottimisti quando si sente veramente oppresso o avvilito può richiedere un bilancio psicologico. Questi risultati sono stati pubblicati il ​​10 agosto nel Journal of Personality and Social Psychology . Il principale suggerimento di questo studio è: "Sentirsi male nel sentirsi male può effettivamente farti sentire peggio".

Per questo studio sfaccettato, sono stati condotti tre esperimenti separati su varie coorti in laboratorio e utilizzando questionari online. La parte online dello studio ha chiesto a 1.000 partecipanti di compilare un sondaggio per valutare quanto fortemente qualcuno concordasse con affermazioni come "Dico a me stesso che non dovrei sentirmi come mi sento". In tutto il forum, i ricercatori hanno scoperto che le persone che non sembravano "sentirsi male nel sentirsi male" mostravano livelli più elevati di benessere rispetto alle controparti che si picchiavano per provare emozioni negative.

Ci saranno di nuovo raggi di sole nella tua anima

Nel sommario dello studio, i ricercatori di Berkeley concludono: "Nel complesso, questi risultati suggeriscono che le persone che accettano piuttosto che giudicare le loro esperienze mentali possono ottenere una migliore salute psicologica, in parte perché l'accettazione li aiuta a provare emozioni meno negative in risposta agli stressanti".

Usando una metafora meteorologica, questa ricerca suggerisce che la visualizzazione di stati d'animo più oscuri come le nuvole che temporaneamente bloccano il sole associato a emozioni positive può giovare al tuo benessere psicologico a lungo termine. Lungo questa linea, Frank Gifford era famoso per aver mantenuto una mentalità positiva quando la sua squadra stava perdendo una partita di calcio dicendo a se stesso: "I cieli grigi sono solo nuvole che passano sopra". Posso identificarmi. Ogni volta che mi sento cinico o disperato, il mantra che uso per rianimare i miei spiriti (pur continuando a lasciarmi ammaliare da una certa malinconia) è ricordare a me stesso: "Ci saranno di nuovo raggi di sole nella tua anima".

L'ultimo studio di UC Berkeley riafferma i benefici di questo stile esplicativo. I ricercatori hanno scoperto che accettare le emozioni oi pensieri negativi nel momento aiuta le persone ad evitare la catastrofe o di soffermarsi su esperienze mentali negative temporanee. La linea di fondo sembra essere che accettare emozioni negative senza giudicare o cercare di cambiarle aiuta le persone a far fronte in modo più efficace a vari tipi di stress.

In una dichiarazione, l'autore senior Iris Mauss, direttore dell'Emotion and Emotion Regulation Lab di Berkeley, ha dichiarato: "Abbiamo scoperto che le persone che accettano abitualmente le loro emozioni negative sperimentano meno emozioni negative, il che si traduce in una migliore salute psicologica. Forse se hai un atteggiamento di accettazione verso le emozioni negative, non stai dando loro così tanta attenzione. E forse, se giudichi costantemente le tue emozioni, la negatività può accumularsi. "

Accettare le emozioni spiacevoli è un ingrediente chiave per la felicità?

Il secondo studio interculturale sull'accettazione emotiva ha coinvolto 2.324 studenti universitari provenienti da otto paesi – Stati Uniti, Brasile, Cina, Germania, Ghana, Israele, Polonia e Singapore – ed è stato condotto da un team internazionale di ricercatori tra cui Maya Tamir e Shalom H. Schwartz della Hebrew University di Gerusalemme, Shige Oishi dell'Università della Virginia a Charlottesville e Min Y. Kim della Keimyung University in Corea del Sud. Il loro articolo, "Il segreto della felicità: sentirsi bene o sentirsi bene?" È stato pubblicato il 14 agosto in anticipo sulla stampa sul Journal of Experimental Psychology: General .

I risultati di questo studio coincidono con i risultati dello studio UC Berkeley sui benefici dell'accettazione delle emozioni negative. Tamir et al. ha anche scoperto che le persone tendono ad essere più felici quando si permettono di sentire le emozioni che sembrano appropriate al momento, anche se quelle emozioni sono negative o spiacevoli.

In una dichiarazione, Maya Tamir, che dirige il laboratorio di Emotion and Self-Regulation, ha descritto i risultati della sua squadra: "La felicità è più che semplicemente provare piacere ed evitare il dolore. La felicità consiste nell'avere esperienze significative e di valore, comprese le emozioni che pensi siano quelle giuste da avere. Tutte le emozioni possono essere positive in alcuni contesti e negative in altre, indipendentemente dal fatto che siano piacevoli o spiacevoli ".

In diverse culture, i ricercatori hanno scoperto che le persone che erano aperte a provare emozioni sia positive che negative tendevano a segnalare una maggiore soddisfazione di vita e un minor numero di sintomi di depressione. In particolare, Tamir ha dichiarato: "La gente vuole sentirsi sempre molto bene nelle culture occidentali, specialmente negli Stati Uniti. Anche se si sentono bene la maggior parte del tempo, possono ancora pensare che dovrebbero sentirsi ancora meglio, il che potrebbe renderli meno felici nel complesso. "

L'ultima ricerca psicologica suggerisce che accettare le tue emozioni negative come qualcosa di commovente non è solo OK, ma potrebbe essere migliore per la tua salute mentale piuttosto che indossare un paio di occhiali rosa, seppellire la testa nella sabbia e fingere che tutto sia cippato quando non lo è.

"Se non sei indignato, non stai prestando attenzione." -Heather Heyer (1985-2017)

Indubbiamente, tutti noi possiamo relazionarci con le ultime ricerche empiriche sull'accettare o negare le nostre spiacevoli emozioni basate su esperienze di vita personale o prove aneddotiche. Ad esempio, le atrocità che si sono verificate a Charlottesville lo scorso fine settimana, incluso l'orribile omicidio di Heather Heyer il 12 agosto 2017, ha creato un effetto a catena che continua a causare a milioni di persone in tutti gli Stati Uniti (e in tutto il mondo) un ampio gamma di emozioni molto spiacevoli.

© Steven Luce and the Hollywood-North Park Community Association
Il progetto del cartello "Hate Has No Home Here" è iniziato con un gruppo di vicini di North Park, un quartiere di Chicago caratterizzato dalla sua diversità di età, razza, religione, nazionalità ed etnia. La frase e il logo usati su questi segni (che possono essere ottenuti attraverso il loro sito Web) sono il cervello di due studenti della scuola elementare di Peterson.
Fonte: © Steven Luce e la Hollywood-North Park Community Association

La scorsa notte, una veglia a lume di candela tenuta nel campus UVA ha illuminato i benefici psicologici di abbracciare le nostre autentiche emozioni individualmente e collettivamente. Molti indossavano magliette viola con una citazione dell'ultimo post di Heather Heyer su Facebook, "Se non sei indignato, non stai prestando attenzione." Ovviamente, questo sentimento non è una licenza per odiare. Ieri, in un elogio funebre, la madre di Heyer ha sottolineato che essere indignati non è una chiamata di chiarimento per perpetuare qualsiasi tipo di odio.

Come americani, dobbiamo stare insieme e dichiarare con forza: L'odio non ha casa qui. Speriamo che accettare e processare la rabbia e la tristezza che molti di noi sentono in questo momento finiranno per generare meno violenza e più compassione, insieme a una migliore salute mentale e un migliore benessere psicologico per le persone di ogni ceto sociale negli Stati Uniti. America.

  • Workaholism and Psychiatric Disorders
  • L'OMS rilascia un nuovo rapporto sul suicidio
  • Tre pilastri essenziali di salute e resilienza nel mondo di oggi
  • Farmaci antipsicotici, anziani e bambini
  • Living The Gentle Life: Part 2
  • Anche l'ansia e lo stress sono al lavoro
  • Consegne fai-da-te: coraggioso o pazzo?
  • 5 modi per mangiare di più consapevolmente nel 2014
  • Cosa può fare una sposa per una damigella d'onore fuori controllo?
  • Le stagioni potrebbero influenzare il tuo umore?
  • 5 modi per scrollarsi di dosso il dolore del rifiuto
  • Sensazione di senso di colpa?
  • AIUTO! Il mio comportamento di controllo sta distruggendo i rapporti!
  • Il paradosso dell'accettazione e del cambiamento
  • Quando hai troppa fiducia, aspettati che ciò accada
  • I principi CBT possono renderti un commerciante migliore?
  • Che cos'è Fentanil e perché dovrebbe interessarti?
  • Consulenza per trovare un buon lavoro
  • Greenwashing the Earth
  • La Trance Sacra
  • Su un filo spinato: aiutare i professionisti, il trauma e la resilienza
  • Un giorno nella vita del papà di un cagnolino
  • Disciplina, alimentazione o esempio vivente: quale funziona meglio?
  • Quando la depressione giovanile conduce al suicidio
  • Twitter prende su Iron Man 3: perché Tony Stark non può dormire?
  • La magia dello sviluppo del disegno per bambini
  • Depressione - Causata dall'infiammazione, così come altre malattie della civiltà
  • La neurochimica delle conversazioni di potere
  • Battere lo stress
  • Tutte le donne sono silenziose e a volte nude? Hollywood pensa così
  • Evita il training del sonno stressante e prendi il sonno di cui hai bisogno
  • Incontra "Cancer Mom": The Heroics of Parenting a Dying Child
  • Sei sul recinto? 10 domande per aiutarti a liberarti
  • Consapevolezza e meditazione: due passi verso una migliore salute
  • 5 segni che cercano aiuto possono aiutarti
  • Vai e non andare là terapia