Abuso sessuale infantile: la lunga e difficile strada verso la guarigione sessuale

Per i sopravvissuti all'abuso sessuale infantile, la guarigione è dolorosa. Di solito ci vogliono anni. Può minacciare o distruggere le relazioni dei sopravvissuti con i perpetratori e i membri della famiglia che mantengono relazioni con loro. Le relazioni sessuali dei sopravvissuti spesso non sopravvivono al processo. Ma con la terapia, i sopravvissuti possono recuperare e costruire vite sessuali sane, felici e profondamente nutrite.

Gli approcci terapeutici variano, ma Staci Haines, autore di Healing Sex: un approccio mente-corpo per guarire il trauma sessuale che sopravvive agli abusi sessuali su minori e ora è un terapeuta per altri sopravvissuti, combina la tradizionale terapia del linguaggio con sforzi concreti per reintrodurre i sopravvissuti ai loro corpi. Un focus sul corpo, a volte chiamato terapia somatica, aiuta i sopravvissuti a sentirsi a proprio agio nella propria pelle, un processo che alla fine consente loro di provare piacere erotico.

Uno dei temi centrali della terapia della parola è il superamento del senso di colpa dei sopravvissuti. I sopravvissuti pensano spesso che l'abuso sia in qualche modo colpa loro. Alla fine, capiscono che sono dove i bambini. Non avevano alcun potere nella relazione abusiva e, di conseguenza, non sono da incolpare per quello che è successo. Questo permette loro di perdonare se stessi. Permette anche a loro di arrabbiarsi con chi abusa, un passo importante nella guarigione.

La terapia verbale esplora anche la dissociazione dei sopravvissuti, l'avversione al sesso, il sesso solo per mantenere felici i loro amanti, il piacere finto e il falso orgasmo.

Sul corpo / lato somatico della terapia, l'obiettivo è superare la dissociazione e imparare a godere del tocco sensuale. "Sentire è guarire", dice Haines. "Può essere molto intenso rivivere ciò che hanno vissuto i sopravvissuti durante il loro abuso, i sentimenti profondi nei loro corpi. Ma questo è fondamentale. La consapevolezza del corpo consente ai sopravvissuti di andare oltre la dissociazione e alla fine sperimentare il vero piacere sessuale.

Tuttavia, prima della guarigione sessuale, la maggior parte dei sopravvissuti ha bisogno di un periodo di celibato, o forse di contatto sensuale con le mani, di coccole, di abbracci, ma non di giochi genitali. Per alcuni, il timeout sessuale dura diversi mesi, per altri, anni.

"Quando ho iniziato la terapia," ricorda un sopravvissuto, "non potevo sopportare di essere toccato. Per un certo periodo, il mio amante e io non abbiamo avuto alcun contatto fisico. Poi volevo essere tra le sue braccia, sentirmi vicino, ma tutto quello che potevo tollerare era essere abbracciato. Alla fine, abbiamo iniziato a esplorare il fatto di essere più sessuali. "

Per ottenere conforto con il piacere fisico e le sensazioni sessuali, uno strumento importante è la masturbazione. "Conosci te stesso", spiega Haines. "La masturbazione è il fondamento dell'autoeducazione sessuale. Durante la masturbazione, i sopravvissuti possono imparare di nuovo come essere pienamente presenti nel momento, come non sparire mentre si hanno sensazioni sessuali, senza tutte le complicazioni del sesso dei partner. La masturbazione permette ai sopravvissuti di imparare di nuovo a sperimentare il piacere sessuale alle loro condizioni. Dà loro potere. A mano a mano che ritornano al sesso dei partner, hanno più auto-conoscenza sessuale, che costituisce una base salutare per un sesso piacevole. "

Il programma di Haines di masturbazione guidata è simile al programma basato sulla masturbazione per insegnare alle donne pre-orgasmiche come avere orgasmi. Entrambi i programmi mettono la donna sotto controllo e le concedono il lusso di scoprire la propria sessualità a modo suo nel proprio orario. Non sorprende che molti sopravvissuti incontrino difficoltà con l'orgasmo. Per loro, il programma di masturbazione è ancora più cruciale.

Ma la masturbazione spesso provoca flashback. Quando i flashback colpiscono, Bass e Davis, co-autori di The Courage to Heal: Una guida per le donne sopravvissute agli abusi sessuali su minori , consigliano: "Apri gli occhi. Abbordati nel presente. Capire che toccarsi o essere toccati da un amante non è un abuso, anche se evoca ricordi dolorosi. Dì a te stesso che è un tuo diritto ricevere un tocco d'amore, quel tocco è piacevole e che ti meriti piacere. Non è dannoso, vergognoso o sbagliato.

La masturbazione inizia il processo di auto-riscoperta sessuale, ma la vera sfida per i sopravvissuti è quella di tornare al sesso dei partner. Una chiave è per i sopravvissuti di avere il controllo totale su di esso. Questo può essere molto difficile per gli amanti dei sopravvissuti. Ma col passare del tempo, il bisogno di supercontrollo del superstite di solito scompare e il sesso può diventare più reciproco, rilassato, giocoso e amorevole.

I flashback – e gli "inneschi" situazionali che mandano i sopravvissuti a tornare indietro nel triste passato – sono spaventosi, ma Haines consiglia ai sopravvissuti di usarli come strumenti di guarigione: "Supponiamo che l'abuso abbia comportato il fatto che il padre del sopravvissuto fosse sopra di lei. Avere il marito nella stessa posizione potrebbe innescare dei flashback. Alcuni sopravvissuti potrebbero dire al marito: "Non posso averti sopra di me … mai". Essi orchestrano il sesso per evitare tutte le situazioni che scatenano ogni rivivere il loro abuso. Ma la maggior parte dei sopravvissuti ha molti inneschi sessuali. Se mettono le loro vite sessuali per evitarli tutti, molto presto, non possono assolutamente fare sesso. "

Invece di evitare i trigger di flashback, Haines esorta i sopravvissuti ad abbracciarli: "Abbracciare i grilletti significa non spegnersi quando arrivano. Significa pensare: "Ok, mio ​​marito è sopra di me. Sono innescato, pensando a mio padre. Sto scivolando indietro nel passato. Non sono presente nel qui e ora. Ma invece di evitare questo tipo di sesso, mi trasformerò in questo grilletto, e lo sentirò davvero. '"

Abbracciare i trigger di flashback è simile al processo emotivo di affrontare qualsiasi paura: più lo affronti, più diventa facile. Nel corso del tempo, i trigger perdono la loro capacità di traumatizzare i sopravvissuti. "Nel corso del tempo", spiega Haines, "i sopravvissuti escono dal loro trauma in un luogo in cui le emozioni che circondano l'abuso non li controllano più, o limitano le loro vite, comprese le loro vite sessuali. È un posto dove i sopravvissuti possono onestamente dire: "In passato, ero una vittima, ma non lo sono più. In passato, il sesso veniva usato contro di me. Non è più Oggi il sesso può essere piacevole. '"

Un recente studio condotto da ricercatori della University of British Columbia ha utilizzato varianti di terapie "talk" e "body" per ridurre il disagio sessuale dei sopravvissuti. Hanno arruolato 20 sopravvissuti in una terapia cognitivo comportamentale (CBT) che li ha aiutati a reinterpretare le loro storie dall'abuso all'empowerment personale. La metà del gruppo ha anche imparato la meditazione di consapevolezza (MM), che si concentra sulla consapevolezza non giudicante del momento presente. MM allena le persone ad osservare i loro pensieri, qualunque essi siano, e poi li lascia andare. Alla fine dello studio di un mese, entrambi i gruppi hanno riportato meno stress sessuale, ma rispetto al gruppo con solo CBT, coloro che hanno anche imparato MM hanno riferito un maggiore sollievo.

The Stages of Recovery (adattato da The Courage to Heal )

• La fase di emergenza. Agitazione emotiva come ricordo della superficie di abuso.

• Ricordando. Per coloro che non hanno soppresso i loro ricordi, il ricordo implica di entrare in contatto con ciò che provava. Per quelli che lo hanno fatto, implica affrontare sia i ricordi che i loro sentimenti.

• Credere che sia successo. I sopravvissuti spesso mettono in dubbio i propri ricordi, specialmente quando altri membri della famiglia dicono "Sei pazzo".

* Rompendo il silenzio. L'inizio della guarigione implica parlare dell'abuso – con amici, famiglia, terapista e l'amante del sopravvissuto.

• Capire che non è stata colpa tua. I bambini spesso credono di portare un abuso sessuale su se stessi. I bambini sono impotenti. La colpa è dell'abusante.

• In lutto. Molti sopravvissuti hanno passato anni a chiudere le loro emozioni a causa degli abusi. Molti si sentono distaccati dai loro corpi. Il lutto fa parte della guarigione. Permette ai sopravvissuti di provare ciò che hanno perso: innocenza, fiducia negli altri, fiducia in se stessi.

• Rabbia. Un elemento chiave nella guarigione è la capacità di arrabbiarsi con l'aggressore.

• Confrontarsi con l'aggressore. Questo non è per tutti. Ma per alcuni sopravvissuti, può essere un potente elemento di guarigione.

• Perdono. Alla fine alcuni sopravvissuti perdonano l'aggressore. Gli altri non possono e non lo fanno. Ma è importante per i sopravvissuti perdonare se stessi per ogni ruolo che sentono di aver giocato nell'abuso, e qualsiasi cosa di cui si pentono hanno fatto per sopravvivere.

Risoluzione e andare avanti. Nel corso del tempo, con la terapia, i sentimenti di vittimizzazione di solito si stabilizzano e alla fine si attenuano. Il sopravvissuto viene a patti con l'abuso e quelli che si trovano alla periferia di esso, di solito altri membri della famiglia. I sopravvissuti non possono cambiare ciò che è accaduto, ma nel tempo arrivano in un posto dove non li controlla né li perseguita. Si sentono guariti.

Precedentemente: abuso sessuale infantile: traumatico e orribile, ma il recupero sessuale è possibile

Successivo: Come gli uomini possono aiutare le donne vittime di abusi sessuali

Riferimenti :

Brotto, LA et al. "Studio pilota di un breve approccio cognitivo comportamentale rispetto alla consapevolezza per le donne con disagio sessuale e una storia di abuso sessuale infantile", Journal of Sex and Marital Therapy (2012) 38: 1.

Davis, L. The Courage to Heal: una guida per le donne sopravvissute agli abusi sessuali su minori (edizione del ventesimo anniversario ). William Morrow, NY, 2008.

Haines, S. Healing Sex: un approccio mente-corpo per guarire il trauma sessuale . Cleis Press, San Francisco, 2007.

Solutions Collecting From Web of "Abuso sessuale infantile: la lunga e difficile strada verso la guarigione sessuale"