Abuso sessuale infantile: il recupero sessuale è possibile

Per le donne, è il 15 percento, circa uno su sei, per gli uomini circa il due percento, uno su 50. Queste sono le proporzioni stimolate di persone che sono sopravvissute a traumi sessuali infantili – tutto da essere accarezzato una volta dal ragazzo accanto a anni di notte stupro da parte di un padre. Molte persone credono che l'abuso sessuale infantile sia così emotivamente devastante che le vittime non si riprendono mai e non potranno mai godere del sesso. In effetti, la guarigione è del tutto possibile, e così è una vita sessuale profondamente soddisfacente.

Certo, il recupero non è facile. Di solito ci vogliono anni e richiede una terapia professionale. I sopravvissuti tipicamente diventano ossessionati dal loro processo di recupero, che può far impazzire i loro amici, amanti e famiglie. Questa è la brutta notizia. La buona notizia è che i sopravvissuti alla fine escono dal tunnel buio della guarigione alla luce della guarigione e spesso riferiscono che il processo trasforma le loro vite sessuali da orribili a nutrimenti profondi e ad adempiere eroticamente.

Ecco il primo di tre post su questo argomento:

La guarigione è possibile

Le donne sperimentano la stragrande maggioranza degli abusi sessuali, quindi questa discussione si concentra su di loro. Ma i sopravvissuti di sesso maschile hanno esperienze e processi di recupero molto simili.

Laura Davis, di Santa Cruz, California, è la co-autrice di The Courage to Heal: una guida per le donne sopravvissute agli abusi sessuali su minori . I suoi libri riflettono la sua lotta per riprendersi dagli abusi del nonno – e la gioia che ha scoperto nel recupero: "Quando ho avuto i miei primi ricordi dell'incesto, sono passato dall'essere una persona molto sessuale all'essere totalmente eroticamente chiuso. Ho avuto dei flashback ogni volta che sono stato toccato, non sopportavo di essere toccato, e ho cambiato idea: Sì, voglio il sesso. No, non lo so. "Dopo sei mesi, questo si è rivelato troppo per l'amante di Davis e si sono lasciati.

Dopo la sua guarigione, Davis ha costruito un'altra relazione, ed è diventata una persona molto diversa sessualmente. Dice che "si diverte a essere toccata (il più delle volte) e considera il sesso un luogo in cui possiamo connetterci, guarire, esprimere amore e divertirci".

Staci Haines, di San Francisco, è un altro sopravvissuto. Dopo anni dedicati alla propria guarigione, ora gode di una vita sessuale piacevole e appagante, ed è diventata una psicoterapeuta specializzata nell'aiutare i sopravvissuti all'abuso a riscoprire i piaceri del sesso. È l'autrice di Healing Sex: un approccio mente-corpo per guarire il trauma sessuale : "La guarigione è possibile", spiega, "guarigione emotiva e guarigione sessuale. Dico ai sopravvissuti: sei sopravvissuto. Sei più potente di quello che ti è successo. La vittimizzazione è una cosa terribile. Sopravvivere è molto difficile. Ma ora che sei adulto, hai la capacità di recuperare, di costruire la vita e la vita sessuale, che scegli. "

In che modo l'abuso colpisce i sopravvissuti

Per i sopravvissuti, la fiducia è un problema chiave. Qualcuno che avrebbe dovuto nutrire e fidarsi era l'opposto. Il sesso è basato sulla fiducia. I sopravvissuti hanno difficoltà con la fiducia, motivo per cui hanno difficoltà con il sesso.

Un altro aspetto importante è la perdita di controllo dei sopravvissuti durante l'abuso. I loro desideri e integrità personale sono stati ignorati. Non avevano il controllo su ciò che accadeva loro. Di conseguenza, il recupero dei sopravvissuti ha spesso bisogno di affermare il controllo totale su ogni aspetto delle loro relazioni e sessualità. Anche questo rende difficile il sesso. Soddisfare il sesso implica una combinazione di controllo e lasciarsi andare, sentirsi contemporaneamente al sicuro e in grado di arrendersi al divertimento erotico e all'orgasmo. Il bisogno di controllo dei sopravvissuti spesso interferisce con questo, e rende il sesso – specialmente l'orgasmo – una sfida.

Un terzo problema è la "dissociazione", un meccanismo di difesa naturale per coloro che subiscono traumi gravi. Le menti dei sopravvissuti bloccano ciò che è accaduto ai loro corpi. La dissociazione non è unica per gli abusi sessuali su minori. I sopravvissuti a qualsiasi trauma-guerra, un incidente d'auto, ecc. Fanno tutto il possibile per sfuggire al dolore. Per evitare i loro ricordi, molti sopravvissuti si ritirano fisicamente ed emotivamente. Quando i bambini si dissociano prima di essere maturati al punto in cui sviluppano altre capacità di coping, la dissociazione può diventare l'unico modo in cui possono rispondere all'abuso. Crescono per essere adulti insensibili, dissociati. Davis una volta ha chiesto a un sopravvissuto come si sentiva riguardo al suo corpo. La sua risposta: "Quale corpo?"

La dissociazione include spesso l'incapacità di provare piacere fisico. Come spiega un sopravvissuto: "Avevo paura di provare piacere. Il mio corpo potrebbe contenere molto dolore, ma non piacere. "Un altro confessa:" Il piacere fisico non mi fa sentire bene. Volevo vomitare ogni volta che ho avuto un orgasmo. Tutto ciò a cui potevo pensare era mio zio. "

Alcuni sopravvissuti si sentono respinti dal sesso. Altri diventano ipersessuali e sessualmente spericolati, per esempio, incontri ubriachi senza contraccezione. E alcuni oscillano avanti e indietro, un momento bramano la vicinanza fisica, ma il prossimo, che gela o fugge. Queste reazioni sono tutti aspetti della dissociazione.

Durante il sesso, molti sopravvissuti sperimentano flashback, ricordi vivaci dell'abuso che rende il sesso difficile, a volte impossibile. I flashback possono accadere in qualsiasi momento, ma in genere si verificano durante il rapporto sessuale, anche se il sesso è tenero, amorevole e completamente consensuale. "Ho spesso avuto dei flashback durante il sesso. Ricordo una volta che il mio amante era sulla soglia in procinto di unirsi a me nel letto. Sapevo che era l'uomo che amavo, un uomo gentile e meraviglioso. Ma tutto quello che riuscivo a vedere era mio padre lì in piedi. Sapevo che mio padre era morto da una dozzina di anni. Ma ho visto mio padre. "

Un altro sopravvissuto: "I miei ricordi di abusi e la mia passione sono archiviati nello stesso posto. Se non faccio l'amore, non provo passione, ma non rivivo neanche l'abuso. Ogni volta che mi apro alla passione, i miei orribili ricordi tornano inondati ".

Ricercatori di Cincinnati hanno intervistato 832 donne sopravvissute ad abusi sessuali su minori, di età compresa tra i 14 e i 59 anni. Rispetto alle donne non traumatizzate, i sopravvissuti avevano maggiori probabilità di avere scarsa autostima, immagine negativa del corpo, disturbi alimentari, difficoltà relazionali, problemi di droga e alcol, e problematiche vite sessuali – o ritiro dal sesso o imprudenza sessuale.

Di conseguenza, non sorprende che molte persone, sia sopravvissute che pubbliche, credano che l'abuso sessuale sui minori rovini le donne per tutta la vita. In alcuni casi, è vero, con i sopravvissuti che diventano malati di mente o si suicidano. Ma nella maggior parte dei casi, con il tempo, la terapia e il supporto emotivo, i sopravvissuti all'abuso sessuale nell'infanzia possono recuperare, guarire e godersi il sesso.

La prossima volta: The Long Road to Healing

E poi: come gli uomini possono aiutare le donne vittime di abusi sessuali

Riferimenti :

Davis, L. The Courage to Heal: una guida per le donne sopravvissute agli abusi sessuali su minori (edizione del ventesimo anniversario) . William Morrow, NY, 2008.

Haines, S. Healing Sex: un approccio mente-corpo per guarire il trauma sessuale . Cleis Press, San Francisco, 2007.

Solutions Collecting From Web of "Abuso sessuale infantile: il recupero sessuale è possibile"