Abuso di placebo: l'effetto di Hubris

Ho dovuto interpretare Jay Dixit e il recente thread di Dan Ariely sull'effetto placebo. Come psichiatra con una pratica pesante nella dipendenza, nella gestione del dolore e nella disintossicazione / riabilitazione, sono cresciuto a rabbrividire per le implicazioni caricate del concetto di placebo. Forse è utile prima scartare alcune definizioni e l'etimologia:

pla • ce • bo (pl -sb)
n. pl. pla • ce • bos o pla • ce • boes
1.
un. Una sostanza che non contiene farmaci e viene prescritta o somministrata per rinforzare l'aspettativa di guarigione di un paziente.
b. Una sostanza inattiva o un preparato usato come controllo in un esperimento o test per determinare l'efficacia di un medicinale medicinale.
2. Qualcosa di nessun valore correttivo intrinseco che viene utilizzato per placare o rassicurare un altro.

placebo
c.1225, nome dato al rito dei Vespri dell'Ufficio dei Morti, così chiamato dall'apertura della prima antifona, "Piacerò il Signore nella terra dei viventi" (Salmo cxiv: 9), da L . placebo "Per favore," indicativo futuro. di placere "per favore" (vedi per favore). Il senso medico è stato registrato per la prima volta nel 1785, "una medicina data più a piacere che a beneficio del paziente".

In medicina, una risposta clinica a un placebo porta spesso il bagaglio o implicazioni di ignoranza, mancanza di intuizione o autocoscienza. L'idea che un paziente riferisca una risposta sintomatica da "una sostanza che non contiene farmaci" sfortunatamente suggerisce l'idea che egli sia facilmente ingannato, anche se inconsciamente. Una doppia sequenza in più sfortunata è che molti medici definiscono in modo pregiudizievole i risponditori di un placebo che non hanno una vera malattia. Molte malattie e complessi di sintomi (fibromialgia, sindrome da stanchezza cronica, persino emicrania e disturbi convulsivi) hanno sofferto di incredulità come risultato.

Suggerisco che questa è una funzione della hybris della medicina. Se non si adatta alla nostra diagnosi categoriale, o se non possiamo spiegarlo, non è una vera malattia. Sono particolarmente sensibile a questo per due motivi. Per prima cosa, nella scuola media @ U Penn (un posto molto croccante e umanistico all'epoca), hanno sempre sondato la differenza tra malattia e malattia nelle nostre teste. Mentre una malattia è un complesso di segni e sintomi, spesso coerenti tra i casi, una malattia è la dialettica di quel complesso di sintomi e la reazione della persona ad esso. Malattia x Vita / esperienza della persona = malattia. Usando questa matematica, potremmo dire che: Farmaco x Vita / esperienza della persona = Trattamento Respone (che include un effetto mediato biochimicamente e un effetto cognitivo / emotivamente mediato, "placebo"). Quindi, forse l'effetto placebo è un livello complesso di trattamento mediato endogeno che semplicemente non ce la facciamo ancora.

Il mio secondo fastidio con il fallout dello stigma del placebo è che i pazienti che rispondono al placebo e le malattie sono spesso gettati sugli psichiatri. Non fraintendermi; Adoro il lavoro. E ora che la psichiatria / neuroscienza sta mappando più concretamente i legami fisiologici tra emozioni, cognizione, dolore e persino il sistema immunitario con belle immagini dalla risonanza magnetica funzionale e da altre modalità, abbiamo molto più da dare che mai. Ma il riversamento di questi pazienti in un campo che, purtroppo, porta ancora uno stigma da "tutto-in-testa", può sembrare sprezzante e svalutante per le persone che soffrono e hanno bisogno di aiuto e supporto. Questo porta a un appello per l'integrazione della mente e del corpo nella medicina e nella psichiatria.

Per non diventare più santo di te, ho un'ape finale nella mia cuffia psichiatrica. Il placebo è la prima persona del tempo futuro del placere latino, per favore. Nella psichiatria dinamica, la nozione di piacere o di gratificazione dei bisogni di un paziente viene spesso percepita erroneamente come un no-no. Un placebo si nutre di un bisogno non scientifico, nevrotico e inconscio. Sfortunatamente, la cattiva psichiatria può perdere opportunità qui. La risposta positiva a un placebo non dovrebbe essere letta come irrazionale, patologica o peggiorativa, ma piuttosto portare a una comprensione di ciò che porta quella persona o persone nel sollievo aggregato.

Il rovescio della medaglia di respingere l'effetto placebo lo sta usando per sempre. Sia Dan Ariely che Jay Dixit suggeriscono la possibilità di sfruttare il potere del placebo in trattamento. Se ciò avvenga prescrivendo attivamente farmaci placebo o optando per strutture economiche, comportamentali o terapeutiche che traggono vantaggio da risposte psicologicamente mediate o migliorate al trattamento.

Mi sembra buono con un avvertimento phat. Rallenta. Quando Piaget arrivò in America per tenere una lezione sui suoi studi sullo sviluppo cognitivo nei bambini, fu seccato nel constatare che la grande domanda americana era: "Come posso usare questo per rendere il mio bambino più intelligente più veloce?" La sua risposta fu "Amico, arretrare! "C'è molto terreno tra la scienza osservativa e la medicina prescrittiva. E, solo perché un placebo non è un "farmaco" approvato dalla FDA, può comunque fare molto bene o danneggiare. GD

Solutions Collecting From Web of "Abuso di placebo: l'effetto di Hubris"