Abuso cyber e violenza domestica intensa

Photographee eu/Shutterstock
Fonte: Photographee eu / Shutterstock

"La mia preoccupazione principale è la mia sicurezza, perché se manda il cattivo maniaco del sesso sbagliato a casa mia … e si costringe a entrare, chissà cosa potrebbe accadere?"

In una recente storia pubblicata da CBC News, una donna di Edmonton ha descritto il terrore derivante da una bizzarra campagna di molestie lanciata da un ex-fidanzato. Oltre quattro sere, la donna è stata visitata da più di 30 uomini, i quali sono stati attratti da una serie di profili falsi collocati in siti di single online. Gli uomini che hanno tentato di entrare nella sua casa tutti riferiscono di aver proposto incontri sessuali, apparentemente orchestrati in modo anonimo. L'ex, che la vittima ha descritto come un "uomo molto, molto violento", avrebbe riferito di aver minacciato di mandare uomini a casa sua se non avesse "fatto la cosa giusta" e posto fine all'ordine di emergenza che aveva preso contro di lui. La polizia di Edmonton sta indagando sul caso e il sito online, Plentyoffish.com, sta collaborando attivamente.

Il cyberbullismo e forme simili di molestie online sono diventati più comuni nei casi di abuso domestico. Altri utenti abusivi utilizzano messaggi anonimi per molestare partner che potrebbero altrimenti essere protetti da ordini restrittivi. (Non che tali ordini restrittivi forniscano necessariamente una protezione sufficiente per le circa 10 milioni di donne americane vittime di un partner domestico ogni anno).

La ricerca sull'abuso informatico nel contesto della violenza domestica è scarsa, ma i pochi studi condotti fino ad oggi suggeriscono che i partner abusivi utilizzano queste tecnologie in modi preoccupanti, tra cui molestie online con minacce di violenza fisica o sessuale e l'uso del monitoraggio cibernetico per tracciare i movimenti e le attività di un partner.

E poi c'è il ruolo che l'alcol spesso gioca negli abusi domestici. Secondo la teoria della miopia dell'alcool, l'eccesso di alcol può portare a un restringimento del funzionamento percettivo e cognitivo e una corrispondente menomazione del giudizio. Per i tossicodipendenti domestici, il bere può aggravare i problemi psicologici esistenti, come la paranoia sull'infedeltà, e ridurre la loro inibizione verso la violenza. Questo li rende più propensi a rispondere in modo aggressivo di fronte a situazioni che possono provocare rabbia o ostilità (non che ci voglia molto per provocare un violentatore sufficientemente motivato).

Tutto ciò può portare a un circolo vizioso di paranoia e rabbia in quanto i tossicodipendenti utilizzano la tecnologia per rintracciare e molestare i partner, spesso mentre sono sotto l'influenza dell'alcool. Poiché la maggior parte degli adulti dispone di smartphone e utilizza app di social networking, il monitoraggio e l'abuso online sono più facili che mai. I partner abusivi possono anche approfittare della natura anonima di Internet per umiliare o molestare i partner, spesso sapendo che anche gli amici e la famiglia saranno obbligati a testimoniare.

Uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Psychology of Violence esamina in modo approfondito la prevalenza dell'abuso informatico tra gli uomini condannati per violenza domestica. Un gruppo di ricercatori guidati da Meagan J. Burns dell'Università del Tennessee ha esaminato 216 uomini condannati per abusi domestici nel Rhode Island e condannati a programmi di intervento del batterista (BIP) tra il 2014 e il 2015. Accettando di partecipare allo studio, ogni partecipante ha completato una serie di questionari strutturati che misurano i seguenti fattori:

  • Abusi informatici e monitoraggio: è stato utilizzato un inventario specializzato di autovalutazione che misura diversi aspetti dell'abuso o del monitoraggio cibernetico, nonché se il convenuto è una vittima o un molestatore. Articoli inclusi: "inviati testi minacciosi al partner", "ha fatto telefonate minacciose al partner", "ha controllato la pagina del social network per monitorare il partner", "ha controllato la cronologia delle email inviate / ricevute", ecc. Possibili punteggi totali per l'abuso di cyberbusiness e la vittimizzazione variava da 0 a 36.
  • Storia della violenza interpersonale: in base ai punteggi ottenuti nelle sottoscale di aggressione psicologica e assalto fisico delle scale di tattiche modificate, i partecipanti sono stati valutati in base alla frequenza con cui hanno abusato del loro partner e alla natura dell'abuso.
  • Abuso di alcol: tutti i partecipanti hanno completato la sottoscala di abuso di alcool / disturbo da dipendenza del questionario di screening diagnostico psichiatrico per valutare i problemi di alcol durante i 12 mesi precedenti all'inizio dello studio.

I risultati hanno mostrato che oltre il 90% dei partecipanti ha ammesso di aver compiuto almeno un atto di aggressione psicologica nei confronti di un partner nei precedenti 12 mesi, mentre il 59% ha ammesso almeno un atto di aggressione fisica. Per quanto riguarda l'abuso informatico, oltre l'80% dei partecipanti ha ammesso di aver praticato qualche forma di stalking o abuso informatico nei precedenti 12 mesi. È interessante notare che la percentuale di partecipanti che hanno segnalato di essere stata vittima di cyber abuso nello stesso periodo è stata quasi la stessa.

Esempi di cyber-abuso includono il controllo della cronologia delle chiamate del cellulare, l'invio di e-mail minatorie o di messaggi online, effettuare chiamate minatorie, monitorare i partner sulle pagine dei social media, inviare un numero eccessivo di messaggi o messaggi online, utilizzare il GPS per monitorare la posizione di un partner e minacciando di pubblicare foto imbarazzanti online. Più partecipanti tecnologicamente esperti hanno ammesso di utilizzare webcam, spyware e telecamere nascoste per monitorare i partner.

Combinando i contributi congiunti dell'abuso informatico e dell'abuso di alcol in un unico modello di predizione, Burns e i suoi colleghi hanno trovato prove di un effetto di interazione a doppio senso nella previsione dell'abuso domestico: in altre parole, i partecipanti con una storia di problemi alcolemici che hanno ammesso di frequentare l'uso del monitoraggio e degli abusi informatici ha mostrato un alto rischio di violenza fisica nei confronti dei loro partner.

Mentre il ruolo che l'alcol svolge nella violenza domestica è ben consolidato, sembra anche che i potenziali molestatori siano più inclini alla paranoia, anche facendo affidamento sulla tecnologia online per monitorare ciò che i partner stanno facendo. Data la miopia spesso vista con l'alcol, questo significa anche renderli più propensi a rispondere in modo aggressivo a qualsiasi errore percepito da una ex.

E cosa suggeriscono questi risultati di ricerca? Sebbene i precedenti studi sull'abuso di cyber-abusi si siano ampiamente concentrati sulla violenza degli adolescenti, possiamo vedere che il cyber monitoraggio e l'intimidazione possono essere utilizzati da abusatori domestici di tutte le età. Man mano che la tecnologia diventa più sofisticata, gli abusanti troveranno nuovi modi per esercitare il controllo sui partner passati o presenti. Nei paesi in cui le libertà delle donne sono già fortemente limitate, vediamo più segnali di monitoraggio elettronico per prevenire "comportamenti ribelli", qualcosa che potrebbe diffondersi man mano che diventa più facile da usare.

Conserva la tua privacy e prendi le misure necessarie per evitare di diventare una vittima. Non sai mai chi potrebbe stare a guardare.

Solutions Collecting From Web of "Abuso cyber e violenza domestica intensa"