Aborto e disturbo da stress post traumatico

Quando pensiamo al disturbo post traumatico da stress, spesso pensiamo ai veterani di guerra ea coloro che hanno subito crimini violenti. Ma ci sono molti altri modi in cui il DPTS può colpire le vittime di altri traumi, forse meno ovvi. Una delle forme meno riconosciute di PTSD risulta dal trauma di un aborto spontaneo. Mentre ci si aspetta un periodo di lutto e tristezza dopo aver perso un bambino non ancora nato, è importante riconoscere quando finisce il normale lutto e inizia il DPTS clinico.

Se un aborto avviene prima della settimana venti, viene ufficialmente definito un "aborto spontaneo (SAB)". Dopo la ventesima settimana di gravidanza, il termine medico è "parto morto". Numerosi studi hanno dimostrato che circa un quarto di tutte le gravidanze termina in aborto spontaneo. nelle prime fasi. Questo è un numero piuttosto alto. Tuttavia, i nati morti sono molto meno comuni e le statistiche mostrano che si verificano solo approssimativamente in 1 su 200 gravidanze.

Un aborto può verificarsi per molte ragioni: età, cambiamenti ormonali, lifetsyle, impianto improprio dell'uovo o trauma. E anche se non è sempre possibile sapere perché si verifica una mortalità in fase avanzata, alcune spiegazioni comuni sono problemi con la placenta o il cordone ombelicale, le anomalie cromosomiche e le infezioni.

Le donne che hanno fatto la scelta consapevole di avere un bambino iniziano ad attaccarsi molto presto con quel bambino non ancora nato. Le reazioni ormonali e fisiche intense possono essere drammatiche, così come l'inaspettata perdita di un bambino che la madre ha già iniziato a legare con l'in-utero. Più lungo la gravidanza si evolve, più potenzialmente può essere un aborto potenzialmente traumatico. Inoltre, un aborto spontaneo che si verifica nelle fasi successive della gravidanza può essere molto doloroso e richiedere un intervento chirurgico maggiore per riprendersi. Cose come l'ingorgo mammario e la depressione postpartum indotta da ormoni devono essere aggiunte agli effetti emotivi già debilitanti.

Di gran lunga i sintomi più comuni di PTSD che risultano dall'aborto sono la depressione e l'ansia . Altri sintomi possono includere affaticamento, difficoltà di sonno, mancanza di concentrazione, perdita di appetito e frequenti episodi di pianto. L'impatto del trauma dipende dalle risorse interne ed esterne della nuova madre, dal suo livello di stress al momento dell'evento, dalla forza della sua relazione con un partner (se ne ha uno), dal supporto esterno, l'importante delle sue speranze di creare una famiglia e il suo livello di capacità di addolorarsi. I genitori che hanno sperimentato aborti hanno bisogno non solo di elaborare il loro dolore, ma anche di risolvere il loro trauma. È vitale che la futura mamma riconosca che l'aborto è fuori dal suo controllo e non è colpa sua.

Per coloro che cercano di navigare come avvicinarsi a un partner, un familiare o un amico che ha recentemente sperimentato un aborto traumatico, la sensibilità e la pazienza sono fondamentali.

Ecco alcuni passaggi appropriati da seguire se tu o qualcuno vicino a te hai recentemente sperimentato un aborto e stai faticando per venire a patti con esso:

  1. Cerca un consiglio. Il tuo medico è un ottimo punto di partenza. Lui o lei può fornire risposte a domande che possono mettere a proprio agio la mente e il cuore, e saranno anche in grado di raccomandare ulteriori fonti di consulenza.
  2. Creare un sistema di supporto di amici e familiari . Essere in grado di parlarne può aiutare profondamente.
  3. Ottieni una valutazione per Sindrome da stress acuto. Se i sintomi durano per più di un mese, cercare test di follow-up per PTSD. La ricerca ha rilevato che fino al 25% delle vittime di aborto soddisfa i criteri per il DPTS un mese dopo l'evento. *

Non tutte le donne che subiscono un aborto soffriranno di PTSD. Secondo il medico di famiglia americano, "prove aneddotiche suggeriscono che fino al dieci per cento delle donne soddisfano i criteri per l'ASD (Disturbo da stress acuto) entro un mese dall'aborto spontaneo e che fino all'uno per cento soddisfa i criteri per PTSD quattro settimane dopo il evento. "Affinché una diagnosi di PTSD sia convalidata, una vittima di aborto deve manifestare i sintomi per più di quattro settimane. L'ASD, d'altra parte, può entrare dopo pochi giorni. **

Guarire non significa dimenticare. Comunica con gli altri, trova gruppi di supporto, educati con i libri, lasciati soffrire, e se ti ritrovi a cadere in depressione, cerca l'aiuto di un terapeuta.

Alcuni siti Web utili che affrontano l'aborto spontaneo e la perdita di gravidanza includono:

  • www.nationalshareoffice.com
  • www.mend.org
  • www.aplacetoremember.com
  • www.miscarriagesupport.org.nz/sarah.html
  • www.hopexchange.com/
  • www.americanpregnancy.org/pregnancyloss/

Libri:

  • Aborto spontaneo: donne che condividono il cuore – di Shelly Marks, Marie Allen.
  • Aborto spontaneo: un sogno infranto – di Sherokee Isle, Linda Hammer Burns
  • Sopravvivere alla perdita della gravidanza: un libro di testo completo per le donne e le loro famiglie – di Rochelle Friedman e Bonnie Gradstein

* CITAZIONE: Journal of Family Practice, novembre 2006 http://findarticles.com/p/articles/mi_m0689/is_11_55/ai_n27059397/

** CITAZIONE: il sito web del medico di famiglia americano http://www.aafp.org/afp/20000315/1689.html

© Susanne Babbel Ph.D. MFT

Solutions Collecting From Web of "Aborto e disturbo da stress post traumatico"