Abitudini di lavoro e flusso creativo

La maggior parte di noi sono creature dalle forti abitudini. Riempiono la nostra giornata con attività abituali e facce familiari. Le abitudini ci aiutano a sopravvivere e prosperare riducendo i rischi. Il problema è che potrebbero soffocare la spontaneità, o "flusso".

Flusso come esperienza di picco

Flow è un termine usato dai teorici della motivazione per descrivere alcune attività aperte che sono assorbenti e interessanti per il loro stesso interesse. Girovagando per un mercatino delle pulci alla ricerca di mercanzie per le occasioni senza sapere in anticipo ciò che si può trovare è un esempio.

Secondo il teorico della motivazione Mihaly Csikszentmihalyi (1), l'esperienza ottimale si verifica quando affrontiamo compiti impegnativi che sono finalizzati e forniscono un feedback immediato. Tali attività ci danno la sensazione di avere il controllo e ispirare sentimenti di eccitazione e coinvolgimento profondo.

Le esperienze di punta potrebbero sembrare l'opposto di attività inconsapevolmente abituali come la cernita di lettere o la falciatura del prato. Tuttavia, vi è una sorprendente connessione tra atti abituali e esperienze di picco.

L'intersezione tra esperienza e abitudini di punta

Sia che la sfida sia la pesca con la mosca, o l'arrampicata su roccia, molti hobbisti apprezzano le attività migliori per le quali hanno sviluppato abilità ben calibrate. (Csikszentmihalyi farebbe in modo opposto il fatto che, se ci godiamo queste esperienze di punta, siamo motivati ​​ad acquisire le abilità rilevanti per essere bravi con loro).

Quindi sembra che siamo disposti a lavorare sodo per affinare le competenze per le attività che intraprendiamo per i loro vantaggi intrinseci. Ciò richiede la disponibilità a dedicare tempo e sforzi considerevoli al fine di padroneggiare e migliorare qualche hobby, sia che si tratti di sparare cerchi o suonare uno strumento musicale.

La chiave per la padronanza di tali abilità è la pratica determinata, vale a dire, buone abitudini di lavoro. Quindi c'è un'apparente contraddizione in cui le abitudini preparano il terreno per le esperienze di punta. Le abitudini di lavoro sono come il pane sandwich che trattiene la carne dell'esperienza ottimale.

Applicare le abitudini al flusso verso le impostazioni del lavoro e la creatività

Per le persone che sono realmente coinvolte nel loro lavoro, lavorare sodo e raggiungere gli obiettivi viene naturale. Ovviamente richiede uno sforzo, ma non si stanno combattendo in ogni momento. Invece, si sentono calmi e concentrati e il loro giorno passa in una sfocatura di attività piacevolmente stimolante.

Queste persone tendono a essere maniache del lavoro e molti si sentono molto più felici, tranquilli, più stimolati e in controllo delle loro vite quando lavorano piuttosto che nei giorni liberi. Il lavoro può essere una via per le esperienze culminanti e tali esperienze sono potenzialmente coinvolgenti, motivo per cui alcune persone lavorano in modo compulsivo e vanno ben oltre la chiamata del dovere.

Un fenomeno simile si applica a attività più convenzionalmente creative come la scrittura di fiction o la pittura. Il punto è che le persone creative di maggior successo generalmente hanno buone abitudini lavorative e adottano un approccio disciplinato alla loro arte. Ernest Hemmingway era un ubriaco terribile, ma rimandò i suoi eccessi alcolici fino a quando non avesse completato il suo compito di scrivere per la giornata. In questo modo, ha prodotto una produzione costante. Le buone abitudini di lavoro sono una caratteristica degli scrittori creativi di maggior successo ..

Il lavoro regolare può sembrare attenuato. Tuttavia, esiste una relazione complessa tra abitudini lavorative ed esperienze ottimali.

Le abitudini di lavoro possono essere paragonate alla maniglia di partenza che una volta veniva utilizzata per avviare i motori delle auto per farle iniziare. Una volta investito lo sforzo di girare la maniglia, il motore risponde prendendo vita. Allo stesso modo, l'applicazione disciplinata di alcuni mestieri può suscitare esperienze estreme a meno che una persona non lavori per lavorare in condizioni estreme (ad esempio, una fabbrica di manodopera) che distrugge la loro motivazione intrinseca.

Dopo tutto, la noiosa routine del lavoro non è realmente separata dal flusso creativo e dalle esperienze di punta.

fonte

1. Csikszentmihalyi, M. (1990). La psicologia delle esperienze ottimali. New York: Harper e Row.

Solutions Collecting From Web of "Abitudini di lavoro e flusso creativo"