Abilità musicale e pratica deliberata

Ormai molti di noi hanno familiarità con la "regola delle diecimila ore", resa popolare da Malcolm Gladwell. Questa è l'ipotesi che per raggiungere un livello d'élite di esperienza in un dato dominio – che si tratti di performance musicali, atletica, arte visiva o giocare a scacchi – richiede un minimo di diecimila ore di pratica deliberata.

Ma il ruolo del tempo e delle pratiche deliberate nella musica non è così chiaro quando guardiamo oltre i livelli più alti degli artisti d'élite per considerare i musicisti che sono ancora in procinto di padroneggiare i loro strumenti. Mentre abbiamo la prova che coloro che raggiungono i più alti livelli di competenza tendono a iniziare a giocare in età precoce (e quindi hanno più tempo per la pratica deliberata), il quadro è più complicato se consideriamo gli studenti che giocano tutti allo stesso livello. In effetti, nei confronti degli studenti di musica che si trovano allo stesso livello, non è stata trovata alcuna relazione forte e coerente tra la quantità di pratica e la qualità delle prestazioni.

Uno studio di Sloboda, Davidson, Howe e Moore (1996) ha esaminato 257 giovani strumentisti di età compresa tra 8 e 18 anni, giocando a vari livelli diversi. Hanno scoperto che alcuni studenti raggiungevano alti livelli con una pratica relativamente scarsa, mentre altri avevano bisogno di quattro volte il tempo medio di pratica per raggiungere un determinato livello. Uno studio di McPherson (2005) ha seguito 157 bambini di età compresa tra 7 e 9 per tre anni. Il numero di ore di pratica accumulata di ogni bambino ha rappresentato tra il 9% e il 32% della varianza nei punteggi sulla musica provata eseguita. Ma le ore di pratica non hanno avuto alcun effetto su altri compiti musicali, come la lettura della vista, la riproduzione dalla memoria e il suonare ad orecchio. In uno studio recente condotto su 163 studenti, Susan Hallam (2011) ha rilevato che il tempo trascorso a imparare a suonare uno strumento e ad esercitarsi settimanalmente non prevedeva voti ottenuti con esami di musica strumentale graduale.

Se passare più tempo a esercitarsi non è il modo di padroneggiare uno strumento musicale, allora che cos'è? Ciò che distingue coloro che fanno bene anche se sembrano passare poco tempo con i loro strumenti da coloro che trascorrono molto tempo e continuano a lottare? I ricercatori non sono sicuri, ma una parte del puzzle sembra essere la qualità del tempo trascorso a praticare piuttosto che la quantità . Non tutti i modi di praticare sono ugualmente efficaci. Per esempio, semplicemente suonare un pezzo dall'inizio alla fine non era un modo particolarmente efficace per dominarlo. Passare attraverso un pezzo e lavorare sulle aree più difficili lentamente e deliberatamente è stata una strategia molto più efficace. Anche gli artisti più abili di ogni livello tendevano ad avere uno "schema" uditivo del pezzo nella loro mente mentre ci lavoravano. Hanno valutato i propri progressi contro questo schema durante la pratica, a volte registrando le loro prestazioni per aiutarli a giudicare il loro miglioramento.

Infine, non sottovalutare l'importanza dell'atteggiamento. Quando gli studenti credevano che l'abilità musicale non fosse fissa ma piuttosto potesse essere migliorata, tendevano ad avere abitudini di pratica più efficaci e livelli più alti di padronanza (Braten & Stromso, 2004).

Riferimenti

Braten, I., & Stromoso, HI (2004). Credenze epistemologiche e teorie implicite dell'intelligenza come predittori di obiettivi di realizzazione. Psicologia dell'educazione contemporanea, 29, 371-388.

Hallam, S. (2011). Che cosa prevede il raggiungimento del livello di competenza, la qualità delle prestazioni e le future aspirazioni musicali nei giovani musicisti strumentali? Psicologia della musica, 40, 652-80.

McPherson, GE (2005). Dal bambino al musicista: sviluppo delle abilità durante le fasi iniziali dell'apprendimento di uno strumento. Psicologia della musica, 33 (1), 5-35.

Sloboda, JA, Davidson, JW, Howe, MJA, e Moore, DG (1996). Il ruolo della pratica nello sviluppo di musicisti performanti. British Journal of Psychology, 87, 287-309.

Solutions Collecting From Web of "Abilità musicale e pratica deliberata"