Abduzione aliena parte III

Negli ultimi due post ho discusso della natura generale e della storia delle relazioni sui rapimenti di alieni, nonché di una serie di questioni relative alla concettualizzazione su come pensarle. Voglio ora affrontare possibili spiegazioni per queste esperienze. Queste esperienze sono importanti perché, come hanno notato Carl Sagan e John Mack, sollevano interrogativi sul ruolo degli umani nell'universo osservabile, sui limiti di ciò che possiamo sapere e su come sviluppiamo i nostri sistemi di credenze. Possono eventualmente anche avere un ruolo nella creazione delle religioni di questo mondo. In effetti, i concetti di UFO, alieni spaziali e rapimenti sono abbastanza importanti che il governo degli Stati Uniti considerò vitale indagare sulle prime notizie di avvistamenti di navi spaziali aliene e dal 1947 al 1969 condusse Project Blue Book. Le registrazioni del Project Blue Book sono ora disponibili al pubblico e la conclusione finale dell'indagine è che gli UFO non rappresentano una minaccia alla sicurezza nazionale per gli Stati Uniti. Tuttavia, almeno un presidente, Jimmy Carter, aveva assistito a un UFO nel 1973 e in seguito si era ritirato dalla promessa di rilasciare tutte le informazioni sugli UFO dopo essere diventato presidente. Funzionari governativi di alto rango, come John Podesta, hanno anche recentemente suggerito che più informazioni devono essere rese pubbliche. Chiaramente, il problema non è risolto.

Sia che i rapiti alieni siano stati effettivamente rapiti o abbiano in qualche modo creato un vivido ricordo di qualcosa che stanno interpretando come un'esperienza di abduction, ci sono prove che le loro reazioni alle descrizioni di queste esperienze includono l'eccitazione fisiologica (es. Aumento della frequenza cardiaca, aumento della frequenza respiratoria, sudorazione) simile a quello che si vedrebbe nei pazienti che hanno vissuto eventi traumatici "ordinari" (Appelle, Lynn, Neuman e Malaktaris, 2014). Chiaramente, per le persone che hanno avuto queste esperienze, c'è una realtà che rende l'incredulità in loro difficile. Va sottolineato che molte persone sono diventate consapevoli di queste esperienze solo dopo aver subito l'ipnosi e questo potrebbe aumentare significativamente la credenza e la risposta emotiva ai ricordi che potrebbero essersi sviluppati come conseguenza dell'ipnosi stessa. Una forte reazione a un ricordo non è quindi una garanzia della realtà dell'esperienza. Quando parlo della realtà, intendo nel senso della razionalità empirica dell'illuminismo tradizionale e delle regole di evidenza basate su un'osservazione attenta, sulla convalida del consenso, sulla generazione di ipotesi e sulla sperimentazione controllata. I ricordi recuperati dall'ipnosi da sola non possono soddisfare questi standard.

Quindi una possibile spiegazione, almeno per alcuni di questi rapporti, è che sono indotti inavvertitamente dai terapeuti che usano l'ipnosi e conducono il paziente a formare una sorta di falsa memoria. Psichiatri come John Mack sono stati sfidati per questi motivi. I falsi ricordi sono in realtà comuni e li abbiamo tutti. Sfortunatamente, causano il caos in certe situazioni, come quando le persone sono state condannate per crimini che non hanno commesso sulla base di una testimonianza in tribunale che è il risultato di falsi ricordi. Allo stesso modo, le persone che hanno a che fare con qualche forma di stress possono essere portati ad avere false memorie di rapimenti alieni a seguito di un uso inappropriato di tecniche ipnotiche. Un ulteriore supporto per questa posizione è che, come ho sottolineato nella prima parte, queste esperienze sembrano essere raramente riportate nelle presentazioni standard dei pazienti per la terapia (Appelle et al, 2014).

Appelle et al (2014) citano la prova che la predisposizione alla fantasia può contribuire ad avere esperienze di abduzione aliena. Come notato nel post precedente, molte persone prima esperienza di questi durante l'infanzia. Sembra che le persone che segnalano rapimenti alieni abbiano molte più esperienze di vari eventi paranormali come vedere entità non fisiche come bambini rispetto a coloro che non riportano queste esperienze. Questo tipo di esperienze sono state collegate a quella che è stata definita la personalità incline al fantasy. La ricerca fino ad oggi in questo settore è stata troppo limitata per escludere definitivamente questo come una possibile spiegazione, ma ulteriori ricerche sono giustificate.

Come osserva Appelle et al (2014), vi è un aumento frequentemente riportato nell'esperienza di eventi paranormali generali in seguito a esperienze di abduzione di alieni, nonché la segnalazione di una maggiore frequenza di queste esperienze prima dell'abduzione. Ciò ha portato alcuni a ipotizzare che tali individui possano avere un livello più elevato di abilità di percezione extrasensoriale. In che modo ciò potrebbe aumentare la probabilità di un vero rapimento non è chiaro e l'esistenza dell'ESP rimane a dir poco controverso.

Una spiegazione che va solo oltre è quella della psicopatologia. Come ho notato in precedenza, la stragrande maggioranza degli addotti non è chiaramente psicotica, ma non esclude il possibile contributo di dire, allucinazioni, che sono molto più comuni di quanto generalmente riconosciuto, o effetti psicosomatici che potrebbero spiegare alcune delle manifestazioni fisiche di abduction a volte notato come segni o chiazze sulla pelle. Ricordo ancora di aver frequentato un seminario sull'ipnosi negli anni '90 e di aver visto una dimostrazione di come un soggetto ipnotizzato potesse mostrare un'area arrossata sull'avambraccio quando veniva detto che una moneta bollente stava per essere messa lì, anche se era solo una moneta normale preso immediatamente da una tasca. Allo stesso modo, il tempo mancante potrebbe essere giustificato da disturbi come il disturbo dissociativo dell'identità. L'evidenza, ad oggi, è che alcune esperienze possono essere spiegate dalla psicopatologia, ma nel complesso, gli addotti non dimostrano una maggiore psicopatologia rispetto alla popolazione generale (Appelle et al, 2014).

I rapimenti di alieni sono stati a volte liquidati come allucinazioni. Questa spiegazione tiene in considerazione. Si scopre che differenziare le allucinazioni dalle percezioni reali può essere difficile (Siegel, 1992). Le considerazioni psicologiche e filosofiche propongono che le percezioni reali siano diverse dalle immagini mentali, dalle fantasie, dai sogni, dai ricordi, dai pensieri e così via. Hanno qualità di essere più vivi, vivi, coerenti e concreti. Si pensa anche che abbiano una certa qualità di sentimento in quanto coinvolgono i nostri sensi interagendo con gli stimoli dell'ambiente per creare suono, vista, gusto e sentimento. Sperimentiamo le percezioni reali come esterne a noi stessi e queste esperienze non si fermano se desideriamo semplicemente che si fermino. Quando un evento mentale assume queste qualità non è possibile distinguerlo da una percezione reale. Le esperienze di droga, i sogni e le allucinazioni possono assumere queste qualità e, in effetti, possono sembrare più reali delle percezioni "reali". Può essere impossibile sulla base dell'esperienza da solo determinare se un'esperienza è stata causata da uno stimolo esterno, o è stata in qualche modo creata dalla mente o dal cervello stesso.

Un'altra possibile spiegazione è che le persone stanno deliberatamente presentando una bufala. Di nuovo, come ho notato in precedenza, è improbabile che riportare falsamente un'esperienza del genere rischia di non essere ben accolta e potrebbe effettivamente danneggiare la posizione della persona nella comunità. È anche possibile che gli addotti si presentino con una forma di disturbo fittizio, meglio noto come Sindrome di Munchausen, in cui le persone fingono di avere disordini fisici o psicologici per assumere un ruolo malato. Questo tipo di presentazione non è tuttavia comune tra gli addotti che sono stati studiati (Appelle et al, 2014).

Una teoria controversa per spiegare le esperienze paranormali che ho visto spesso usate in spettacoli come "Ghost Hunters" è che alcuni sono causati dall'effetto dei campi elettromagnetici sui lobi temporali del cervello. Anche se attualmente non è possibile escluderlo completamente, non è stato trovato alcun riscontro nei casi segnalati di abduction alieno (Appelle et al, 2014).

Un altro approccio che manca di sostegno sufficiente viene dalle teorie psicoanalitiche e psicodinamiche (Appelle et al, 2014). Nella versione psicoanalitica, eventi come l'abuso infantile si trasformano in falsi ricordi di rapimenti alieni. Dalla prospettiva psicodinamica junghiana, queste esperienze possono essere un esempio di immaginario archetipico che esiste nell'inconscio collettivo.

Ora voglio concentrarmi sulle teorie che ritengo più interessanti e che necessitano di maggiori indagini.

La prima è la possibilità che almeno alcuni di questi eventi rappresentino un contatto reale con intelligenze aliene che stanno attivamente contattando e studiando gli umani. Questa è la spiegazione che viene spesso scartata sulla base del Rasoio di Occam. Dopo tutto, molte delle spiegazioni discusse sopra possono più semplicemente spiegare questi eventi che l'elaborato quadro che dovrebbe esistere se fosse oggettivamente reale. Fino a quando non avremo prove definitive da fonti alternative come un vero e proprio atterraggio di un UFO sul prato della Casa Bianca, sul tetto del Louvre o accanto alla Grande Piramide in Egitto, la prova più evidente a favore di questa spiegazione è la relativa coerenza tra migliaia di rapporti esistenti che abbiamo. Il problema qui è che potrebbero esserci spiegazioni alternative per questa coerenza. Ad esempio, gli addotti sono stati esposti al modo in cui gli incontri con gli alieni sono stati rappresentati per oltre 60 anni nella letteratura popolare di fantascienza, o la disponibilità di molti libri, articoli di riviste e fonti online che forniscono esempi classici dell'esperienza di abduction. E c'è anche la possibilità sopra annotata che la coerenza era originariamente radicata nella natura archetipica di queste esperienze basate sull'inconscio collettivo.

Una seconda e intrigante spiegazione riguarda la superpotente sostanza psichedelica DMT. In un precedente blog avevo menzionato il Renaissance psichedelico che è in corso da molti anni ed è stato in parte iniziato dal lavoro dello psichiatra Rick Strassman nei primi anni '90. Ha somministrato varie dosi di DMT a volontari che hanno avuto esperienze allucinatorie straordinariamente potenti che spesso hanno coinvolto il contatto apparente con altre entità. Questi sono stati descritti in modo diverso come insetti, alieni, spiriti e così via. Le esperienze erano così travolgenti che molti dei partecipanti non potevano scuotere la convinzione di essere stati in realtà in contatto con questi altri esseri in una realtà oggettiva come un universo parallelo al nostro. L'impatto dell'ascolto di queste esperienze mentre si stavano verificando ha colpito Strassman e successivamente ha lasciato la vita accademica per perseguire ulteriori sforzi spirituali. A quanto pare, la DMT è prodotta nel cervello umano nella ghiandola pineale e può essere rilasciata durante i sogni e le esperienze di quasi morte (Strassman, 2001). Alcune di queste esperienze potrebbero essere collegate ad un rilascio spontaneo di DMT e alla successiva esperienza di un viaggio in un universo parallelo e incontrare strani alieni? Questo è altamente speculativo ma molto interessante. È anche soggetta alla considerazione che ho notato nella parte 1 che potrebbe essere impossibile distinguere tra una sostanza che causa una potente allucinazione e quella sostanza che apre un portale verso un'altra dimensione, per quanto speculativa e improbabile possa sembrare. Lo stesso Mack aveva suggerito che gli alieni nelle esperienze di rapimenti alieni non potevano provenire da un altro pianeta ma forse da un universo parallelo.

Una terza e affascinante spiegazione è quella della consapevolezza accidentale durante un intervento chirurgico in anestesia. Durante la consapevolezza accidentale i pazienti rimangono incapaci di muoversi mentre riguadagnano un certo grado di consapevolezza di ciò che sta accadendo a loro, un pensiero orribile. L'ho sperimentato personalmente quando sono stato sottoposto all'estrazione del dente del giudizio negli anni '70. Per me sono diventato consapevole delle persone intorno a me con quello che sembrava un numero impossibile di strumenti e mani in qualche modo costretti in bocca. Fortunatamente, non ho provato dolore e in seguito ho riconosciuto pienamente quello che era successo. Pertanto, non ero eccessivamente traumatizzato dall'esperienza. Sfortunatamente, i dati forniti dal Royal College of Anesthetists hanno rilevato che metà dei pazienti che hanno consapevolezza accidentale soffrono di dolore, due terzi sperimentano impotenza e panico, e oltre il 40% ha avuto danni psicologici da moderati a gravi tra cui il DPTS. È possibile che gli addotti alieni stiano effettivamente vivendo ricordi della loro consapevolezza accidentale. Apparentemente nessuno dei pazienti nella suddetta indagine ha riferito di avere un'esperienza di abduzione di alieni. È stato notato, tuttavia, che Barney Hill, che insieme alla moglie ha avuto la prima esperienza di abduzione aliena ampiamente riportata, aveva subito una tonsillectomia all'inizio della sua vita. Questo potrebbe essere un esempio di memoria recuperata – di un'operazione in cui si sarebbe trovato in un ambiente non familiare, circondato da attrezzature mediche e strane creature senza volto umano, e sopraffatto da sentimenti di impotenza e incapacità di muoversi. Potrebbe essere che altre segnalazioni di rapimenti alieni siano radicate in queste esperienze mediche. Questo non dimostra questa ipotesi, ma è una spiegazione potenziale convincente per almeno alcune delle esperienze riportate. Da notare, e parallelamente alla mia esperienza, che quando i pazienti capivano cosa stava succedendo loro o se avevano avuto consapevolezza accidentale subito dopo l'esperienza, era molto meno traumatico.

La spiegazione finale e, per me, più convincente per la maggior parte delle esperienze di abduction è il fenomeno della paralisi del sonno con immagini ipnopompiche. Ne ho discusso prima nel contesto dell'incubo di un'incubo e fino al 60% delle persone vive almeno un episodio di questo nella loro vita. Durante questi eventi si verifica un parziale risveglio dal sonno REM. L'immagine vivida e spesso spaventosa del sogno è mescolata con gli aspetti reali dell'ambiente del sonno, mentre la persona rimane incapace di muoversi a causa della paralisi che si verifica regolarmente nel sonno REM, al fine di impedirci di recitare i nostri sogni. Questo stato è spesso terrificante e in passato veniva spesso interpretato culturalmente come un attacco di un essere soprannaturale. In Occidente questo era spesso considerato come una specie di demone come un incubo. Sembra verosimile che dall'inizio dell'atomica, dello spazio e delle informazioni invecchia che culturalmente inizieremmo a interpretare queste spaventose esperienze in un modo più moderno. Molto spesso, l'esperienza sarà scossa come un brutto sogno ma a volte ha una tale intensità e sensazione di realtà che rimane con la persona e può essere elaborata nel tempo in un'esperienza più complessa con tutte le caratteristiche del rapimento alieno. Mi sono spesso chiesto se le esperienze di abduzione di alieni siano più comuni tra i pazienti affetti da narcolessia, in quanto la paralisi del sonno è una caratteristica del disturbo e spesso viene spesso riscontrata da questi pazienti. Per quanto ne so, non ci sono dati che rispondono a questa domanda.

C'è qualche indicazione che il tasso di rapimenti di rapimenti di alieni sia diminuito dalla fine del ventesimo secolo, quando siamo entrati nella realtà di saturazione e spesso sconvolgente dell'informazione del primo ventunesimo secolo. Questo nuovo secolo si è rivelato un po 'come quello descritto nel film "2001" (1968) e purtroppo più simile a quello di "Blade Runner" (Raftery, 2017) del 1982. D'altra parte, può darsi che i resoconti di rapimenti sugli alieni rimangano piuttosto comuni e siano appena scomparsi da luoghi ovvi negli interminabili luoghi di incontro del cyberspazio. Alla fine dobbiamo concludere che c'è molto che non sappiamo di noi stessi, del nostro pianeta e dell'universo in cui viviamo. Mentre le spiegazioni scientifiche si concentrano su processi e materiali attualmente compresi per comprendere la sottrazione aliena, non possiamo escludere completamente che queste esperienze si verifichino nella realtà attuale. Tuttavia, se sono causati dalle nostre stesse menti, sia sotto l'influenza di potenti sostanze chimiche come DMT o derivanti dal subconscio e rivelate nei nostri sogni, i rapporti di abduction alieno dimostrano una qualità davvero notevole della mente umana.

Appelle, S., Lynn, SJ, Neuman, L., e Malaktaris, A. (2014). Esperienze di abduction alieno, a Cardena, E, Lynn, SJ, e Krippner, S. (Eds.). (2014). Variety of Anomalous Experience, Washington, DC: American Psychological Association.

Raftery, B. (2017). Blade Runner è tornato. Wired, 25 (10), ottobre 2017, p. 76 – 87.

Siegel, RK (1992). Fuoco nel cervello: code cliniche di allucinazione. New York: Penguin Books USA Inc.

Strassman, R. (2001). DMT: La molecola dello spirito: la ricerca rivoluzionaria di un dottore sulla biologia delle esperienze quasi mortali e mistiche. Rochester, Vermont: Park Street Press.

Solutions Collecting From Web of "Abduzione aliena parte III"