Abbracciando l'incertezza psichiatrica

Ricevo sempre sguardi preoccupati dai residenti di psichiatria quando faccio notare che il nostro campo è il dominio dell'incertezza e del non compreso – e che rimarrà sempre così. Non appena si conosce la causa di una malattia, lascia automaticamente la psichiatria per un'altra specialità. La paresi generale (sifilide avanzata), una volta identificata come una malattia infettiva, divenne dominio degli internisti. La senilità (demenza), la sclerosi multipla e molte altre condizioni apparentemente psichiatriche andarono ai neurologi. I disordini della tiroide appartengono all'endocrinologia. I tumori cerebrali e le emorragie sono condizioni chirurgiche. E così via. Ho pochi dubbi sul fatto che un giorno la schizofrenia sarà interpretata come dovuta a un virus lento, a un errore genetico complesso o qualcos'altro. A quel punto non sarà più una condizione psichiatrica. Si unirà alla neurologia, alla medicina interna o ad altre specialità.

Ciò fa sì che i miei residenti si dimenino nei loro seminari, in particolare quando osservo che la più vicina analogia con lo stato di psichiatria in medicina è lo status di filosofia tra le discipline umanistiche. La filosofia consiste in domande nelle discipline umanistiche che non sappiamo ancora come rispondere. Una volta che lo facciamo, quell'area non è più considerata filosofia. La "filosofia naturale" è ciò che ora chiamiamo scienza. Non è più considerato la filosofia. La logica era uno dei rami classici della filosofia; ora è meglio inteso come un ramo della matematica. Allo stesso modo, la psichiatria consiste in domande su pensieri, sentimenti e comportamenti umani che non sappiamo ancora come rispondere, non in ogni caso al livello del meccanismo. Una volta che lo facciamo, quell'area non è più considerata parte della psichiatria.

Non è un mistero perché i residenti sono a disagio. Vogliono e aspettano certezza. Perché hanno studiato tutta la chimica organica, hanno memorizzato tutte le ossa e i muscoli, hanno passato anni a imparare a diagnosticare e trattare, se alla fine non possono fare affermazioni definitive sulla loro specialità scelta? Molti si aggrappano alle pseudo-certezze per rassicurazione. I factoidi dalla mentalità semplice come "l'alcolismo è una malattia" o "la depressione è dovuta a uno squilibrio chimico" danno loro qualcosa su cui aggrapparsi. Sfortunatamente, non sappiamo veramente cosa causa la depressione, e l'alcolismo è simile alla malattia per certi aspetti, ma non in altri. Gran parte del nostro campo è complicato, disordinato e non ben compreso. Inoltre, questo bisogno di certezza in un campo incerto porta molti psichiatri, compresi, e forse specialmente quelli fuori allenamento, a trasmettere una fiducia ingiustificata riguardo alle raccomandazioni di diagnosi e trattamento. Possiamo incontrarci come compiaciuti sicuri di sé.

Francamente, questa stessa incertezza – il mistero, se vuoi – è una delle cose che mi piacciono della psichiatria. Non è un'area stabilita. È infinitamente discutibile, proprio come un corso di filosofia universitaria. Sì, ci sono concetti e termini da imparare, principi da affinare e impiegare, studi scientifici da valutare. C'è un corpo di conoscenze, una storia, linee guida pratiche per insegnare e imparare. Soprattutto, ci sono dei veri pazienti da aiutare. Tuttavia, come nella filosofia, gli esperti in psichiatria possono e non sono d'accordo. Le nostre categorie diagnostiche sono riviste periodicamente. I trattamenti vanno e vengono. Le mode non scientifiche influenzano il campo, come quando gli psichiatri americani usavano diagnosticare la schizofrenia in modo più liberale rispetto ai nostri omologhi britannici, quando il disturbo della personalità multipla divenne improvvisamente comune negli anni '80 e altrettanto improvvisamente svanì, e nel modo in cui l'ADHD, PTSD e le diagnosi bipolari sono così popolare ora.

Dichiarazioni di certezza sicure non hanno posto in psichiatria. L'umiltà è l'unica attitudine onesta da assumere in questo lavoro. Allo stesso tempo, le domande che affrontiamo sono affascinanti, i pazienti soffrono e nessuno dei due può attendere una conoscenza definitiva. Dobbiamo fare il meglio che possiamo con una conoscenza imperfetta, con dati limitati e ipotesi plausibili, con intuizioni e impressioni sottili. Come nella vita in generale, non possiamo aspettare la certezza prima di agire. Come nella vita in generale, questo rende la psichiatria rischiosa, vivace … viva.

© 2011 Steven P Reidbord MD. Tutti i diritti riservati.

Solutions Collecting From Web of "Abbracciando l'incertezza psichiatrica"