Abbiamo perso l'arte della conversazione?

Certamente si può imparare molto ascoltando gli errori commessi dagli altri: quelli che trattengono a lungo di se stessi o delle proprie convinzioni. Come sostiene Montaigne, l'arte della conversazione è difficile. "Quello che diciamo nel nostro disfavore è sempre creduto, ma quando ci raccomandiamo noi suscitiamo diffidenza".

Eppure la conversazione, che potrebbe diventare obsoleta, è un esercizio utile e fruttuoso. Montaigne dice anche che, in confronto alla conversazione, "Lo studio dei libri è un processo lento e debole senza calore". La conversazione stimola, eccita e ci permette di elevarci sopra di noi stessi. Quando condividiamo idee, quando premiamo un argomento, le nostre menti sono rafforzate e stimolate.

Ho visto questo nelle aule dove insegno dove i piccoli gruppi di studenti in un seminario sono incoraggiati a entrare senza macchine di alcun tipo, e dove sono obbligati a guardarsi l'un l'altro e non a uno schermo, e a parlare con uno di loro un altro in discussione su un'idea o un testo. Ho scoperto che un gruppo di studenti, se sono stimolati a condividere le loro idee liberamente e senza censure, sono in grado di aiutarsi reciprocamente per chiarire le loro idee e giungere a una sorta di giudizio sano.

Non so se ricordi ancora l'inizio di "Alice nel Paese delle Meraviglie" ma raccoglie un libro e non trova alcuna immagine o alcun dialogo in esso, lo chiude immediatamente e cade nella tana del coniglio per le sue molte avventure affascinanti.

Uno dei grandi esempi di dialoghi registrati e di quelli di un bambino è nella case history di Freud "Little Hans". Raramente abbiamo una conversazione vera tra il terapeuta e il paziente nelle case history di Freud. È davvero l'unico in cui abbiamo la voce del paziente così amorevolmente resa dal padre e poi interpretata da Freud. A parte una visita, Freud non vide il ragazzino. Ancora e ancora il piccolo Hans, che era Herbert Graf, che ha un'età compresa tra i tre ei cinque anni, trova delle cose divertenti e originali da dire.

Dice, a suo padre che si sta lavando, "Papà, che bello sei, sei tutto bianco!" Chiede a suo padre parlando di Freud, "Il Professore parla al buon Dio, poiché sa tutto prima di lui è detto?"

E che ne dici di questo per un esempio di conversazione divertente e saggia da parte di un bambino di cinque anni che suona molto più intelligente degli adulti che lo circondano:

Padre: "Sai se non tocchi più il tuo widdler, le sciocche sciocchezze andranno meglio." (La fobia del cavallo)

Hans: "Ma non tocco più il mio widdler".

Padre: "Ma tu vuoi ancora".

Hans: "Forse, ma" voler "non è lo stesso di" fare "e" fare "non è la stessa cosa che volere".

Certamente gran parte dell'arte della conversazione sta nell'ascoltare l'altro. Come dice Montaigne, "Corriamo via dalla correzione; dovremmo corteggiarlo e esporsi a noi stessi, specialmente quando si presenta nella forma di una discussione non di una lezione scolastica. "È attraverso il dare e avere, la vivace discussione che le nostre idee avanzano. Purtroppo oggi siamo così spesso bloccati nel nostro punto di vista e incapaci persino di contemplare la validità degli altri.

Sheila Kohler è l'autrice di tredici libri tra loro "Cracks", "Love Child" e "Becoming Jane Eyre" e più recentemente "Dreaming for Freud".

Dreaming for Freud: A Novel di Sheila Kohler Penguin Books compra ora Love Child: A Novel di Sheila Kohler Penguin Books compra ora

Solutions Collecting From Web of "Abbiamo perso l'arte della conversazione?"